Contribuzione volontaria per la Quota 100

Risposta di

Redazione PMI.it

scritto il

Lucio chiede

Ho 34 anni di contributi e a giugno compio 62 anni. Con la contribuzione volontaria, posso raggiungere “Quota 100” : si può versare in un unica soluzione per fare subito la domanda di pensione?

Redazione PMI.it risponde

Il versamento dei contributi volontari è una delle soluzioni che consentono a chi possiede il requisito anagrafico (62 anni) ed è vicino a quello contributivo (30 anni, di cui 35 anni effettivamente versati), di raggiungere la pensione con la Quota 100, formula sperimentale di pensione anticipata agevolata (2019-2021).

La prima cosa da fare è fare esplicita richiesta all’INPS, da cui si deve ricevere l’autorizzazione alla contribuzione volontaria.

Tuttavia, è bene sapere che questi contributi non possono coprire periodi antecedenti sei mesi dalla data di autorizzazione. Per cui si dovrà attendere prima di perfezionare il requisito per la pensione.

Né è possibile versare in un’unica soluzione l’intero importo corrispondente agli anni che le mancano per il requisito, si procede su base trimestrale per i periodi ancora da maturare. Questo significa, nel suo caso (le mancano 4 anni), superare i termini di applicabilità della Quota 100, che al momento è vigore fino al 2021.

Se invece ha periodi scoperti nel passato, allora quelli possono essere versati anche in un’unica soluzione.