Appalti pubblici: imprese sarde tagliate fuori

di Teresa Barone

scritto il

Imprese sarde del comparto costruzioni poco coinvolte nei lavori per gli appalti pubblici: il report Cna Sardegna.

Ammonta a 1311 il numero di bandi di gara aggiudicati in Sardegna nel biennio 2014-2015, tuttavia le imprese isolane delle costruzioni sembrano comunque essere escluse dai grandi appalti pubblici, aggiudicandosi solo il 36% della spesa complessiva pari a 1,2 miliardi di euro.

=> Codice appalti, le novità della riforma 2016

Appalti pubblici

Lo rivela un report stilato dal Centro studi della Cna Sardegna, sottolineando come la maggior parte degli appalti banditi nel’isola siano stati affidati alle imprese laziali o lombarde.  Le imprese sarde, invece, si aggiudicano generalmente le gare meno importanti.

«Quello che emerge dalla nostra ricerca – affermano Francesco Porcu e Mauro Zanda, segretario regionale della Cna e presidente di Cna Costruzioni – è che le imprese sarde continuano ad avere molta difficoltà ad ottenere i lavori pubblici più sostanziosi per i quali rileviamo una concorrenza sempre più rigida che si riflette in un aumento dello sconto per aggiudicarsi i contratti più cospicui. A questo si contrappone un ‘livellamento’ dello sconto praticato dalle imprese sarde, in sostanza non dipendente dalle dimensioni dei contratti.»

Soluzioni

Per rilanciare gli investimenti pubblici e promuovere il settore, secondo i vertici della Cna, è necessario attivare politiche industriali in grado di incentivare sia la crescita dimensionale sia i processi aggregativi del sistema imprenditoriale sardo.

=> Leggi tutte le news per le PMI della Sardegna

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali