Tratto dallo speciale:

Home Beer su BacktoWork

di Redazione PMI.it

scritto il

La startup ha aperto una campagna di crowdfunding su BacktoWork per potenziare le sue piattaforme di consegna e e-commerce Homebeer e Deliveryonline.

Home Beer, startup italiana che sviluppa e gestisce soluzioni innovative per il Food & Beverage, ha lanciato una seconda campagna di equity crowdfunding su BacktoWork. per estendere i propri servizio in Italia e guardare anche oltre frontiera.

Dal 2019, il suo portale Homebeer.it si occupa di e-commerce e delivery di birre artigianali e cibi di accompagnamento, selezionati in base ad algoritmi specifici.  La piattaforma permette di far incontrare l’offerta, anche di nicchia e di eccellenza, con una domanda di mercato sempre più esigente e attenta alle nuove tendenze. Obiettivo, verticalizzare un servizio innovativo di consegne creando una community di appassionati.

Con l’emergenza Coronavirus e le limitazioni generatesi con il conseguente lockdown, la startup ha lanciato anche Deliveryonline.it, una Progressive Web App (Pwa): pensata per ristoranti e catene di ristorazione, abilita il servizio di prenotazione tavolo, delivery e take-away in white label.

Il servizio di delivery tramite Homebeer.it è attivo su Roma e Milano, con 52 tra birrerie e ristoranti affiliati, operando con i partner iCarry ed eCooltra per le consegne rapide tramite veicoli esclusivamente elettrici. Per gli ordini di maggior volume ci pensa invece una Ape Car. A livello nazionale, il servizio si integra con quello e-commerce coinvolgendo i 26 birrifici presenti in piattaforma e un magazzino centralizzato su Roma.

La raccolta fondi tramite campagna di equity crowdfunding su BacktoWork mira ad espandersi entro il 2022 in altre città come Firenze, Bologna, Torino e Bari per quanto concerne il delivery, puntando anche all’estero per quanto riguarda l’e-commerce. Grazie all’entrata nel marketplace “Made in Italy” di Amazon-ICE, da settembre sarà possibile commercializzare le birre artigianali presenti su Homebeer.it, anche in  Germania, Spagna, Francia, Olanda e UK.

La raccolta di investimenti mira anche a potenziare la piattaforma di Deliveryonline.it, in ottica di ripartenza post-Covid. Obiettivo, consentire alle aziende dell ristorazione di potersi dotare di servizi innovativi per prenotare menu e tavoli, ordinare delivery e take away, gestire il distanziamento sociale, pagare via smartphone.

I Video di PMI

E-shop: come presentare al meglio i prodotti