Finanziamenti PMI online, via app

Credit Biz di BNL è la mobile app per la richiesta di finanziamenti online da parte delle PMI italiane: esito in tempo reale, credito in pochi giorni.

Canale digitale sempre più preferenziale per una crescente rosa di servizi e prestazioni (vedi: comparazione di mutui, tariffe, conti correnti). Non ultimi i finanziamenti online. Professionisti e aziende cominciano a ragionare come i privati ed il mercato risponde, offrendo loro una app per ogni esigenza. E non parliamo solo di fintech.

Credit Biz di BNL, ad esempio, è il nuovo canale attraverso il quale le PMI possono simulare e richiedere liquidità. Si tratta di una iniziativa che vuole avvicinare la banca tradizionale ai suoi clienti e in particolare agli imprenditori italiani, fornendo questo servizio innovativo e diretto. In pratica, le imprese possono inoltrare la richiesta di finanziamento direttamente, tramite mobile app.

=> Finanziamenti: guida all’accesso

Il servizio promette così di annullare gran parte della burocrazia connessa alla richiesta di credito bancario. La verifica della richiesta tramite Credit Biz avviene infatti  in tempo reale e, nel giro di pochi minuti, si avrà a disposizione una risposta in merito alla fattibilità del prestito. Le aziende dovranno solamente fornire alcune risposte ed eventualmente allegare la documentazione richiesta, sempre via app, ottenendo immediatamente l’esito della delibera. In pochi giorni si otterrà poi l’effettiva erogazione della somma richiesta sul proprio conto BNL.

Esistono comunque alcuni requisiti per poter accedere al servizio, ovvero l’iscrizione alla Camera di Commercio, l’avvio della propria attività in Italia almeno da 24 mesi e la disponibilità di una mail PEC, oltre che ovviamente di uno smartphone su cui utilizzare l’app.

Fonte: BNL.

X
Se vuoi aggiornamenti su Finanziamenti PMI online, via app

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy