Le aziende prevedono incidenti nella sicurezza

È questo il quadro delineato da un'indagine di Symantec su un campione di oltre 500 professionisti IT in diverse aziende sparse per il mondo

Le alte cariche aziendali prevedono che nei prossimi cinque anni saranno sottoposte ad un incidente informatico legato alla sicurezza o alla conformità.




Sono questi i risultati dello studio pubblicato da Symantec dal nome “IT Risk Management Report”. L’indagine è stata condotta nell’arco di un anno attraverso interviste in profondità ad oltre 500 professionisti IT intorno al mondo, sui diversi mercati verticali e si è conclusa a Dicembre 2006.


In particolare è emerso che il 66% degli intervistati ha dichiarato di prevedere nei prossimi 5 anni almeno un incidente normativo, mentre il 58% prevede una perdita di dati importanti a causa di diversi motivi tra cui il deterioramento dei dati o la violazione dei sistemi di sicurezza.


La maggior parte degli intervistati, inoltre, ritiene che la propria azienda sia più efficace in termini di controllo tecnologico rispetto al processo. I processi più indicati riguardano l’autenticazione, l’autorizzazione e l’accesso.


Per quanto concerne il rischio percepito nei processi di business e nella conformità è evidente una differenza nella percezione del problema nelle diverse cariche aziendali, in quanto il 22% dei direttori di sistemi IT ritengono che ci sia un elevato rischio nei processi di business, contro l’8% dei manager IT. E ancora, il 23% dei manager IT ritiene critico il rischio legato alla conformità, contro il 16% dei direttori di sistemi IT.


In linea generale, Symantec esprime, attraverso lo studio, l’idea della necessità di un allineamento tra l’azienda e le aree IT, in quanto per evitare i rischi ci devono essere, all’interno delle imprese, gli stessi punti di vista.

X
Se vuoi aggiornamenti su Le aziende prevedono incidenti nella sicurezza

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy