Studi Di Settore

Gli Studi di Settore rappresentano uno strumento statistico attraverso il quale il fisco italiano rileva i parametri con i quali monitorare la movimentazione economica di liberi professionisti, lavoratori autonomi e imprese.

Si tratta, quindi, di una raccolta sistematica di dati attraverso i quali poter valutare la capacità reale di produrre reddito, possono quindi essere impiegati per l'accertamento induttivo qualora risultassero anomalie fra questi e il reddito dichiarato.

Studi di Settore: ufficiali le revisioni 2015

Studi di Settore L’aggiornamento degli Studi di Settore è un processo annuale necessario per mantenere, almeno in un periodo di medio termine, la rappresentatività degli stessi rispetto alla realtà economica di un Paese. La legge, nello specifico la legge 146/1998, prevede una “rivisitazione” periodica, con una frequenza che non superi i tre anni dall'entrata in vigore degli Studi di Settore o dall’ultima revisione effettuata. => Studi di Settore 2015: le novità In questo senso rientra l’allegato 1 al provvedimento del 23 febbraio 2015 del direttore dell’Agenzia delle Entrate, con il...

UNICO: i Modelli INE e Parametri

ine2015 Pronti i nuovi allegati a UNICO 2015 per contribuenti che non presentano gli studi di settore, tre modelli INE, indicatori di normalità economica, (persone fisiche, società di persone e società di capitali) e due nuovi Parametri, per esercenti attività d'impresa e per professionisti e artigiani: sono tutti online, sul sito dell'Agenzia delle Entrate. => Vai allo Speciale UNICO 2015 Modelli INE I tre modelli INE servono ai titolari di reddito d'impresa o ai lavoratori autonomi ai quali non si applicano gli studi di settore, per rilevare la presenza di ricavi o compensi non...

Accertamento da Redditometro: presunzione da dimostrare

Redditometro Molto si è dibattuto sulla qualificazione della presunzione da Redditometro alla base dell’accertamento sintetico: legale relativa o semplice? A propendere per l’ultima tesi sono state Corte di Cassazione (Sentenze 23554/2012 e 13289/2011), Ctp di Torino (132/2011), Ctp di Venezia (136/2012) e Ctr del Veneto (120/29/2013). Non si tratta di una differenza da poco, in quanto la presunzione iuris tantum (art. 2728 c.c.) si effettua in forza di legge - quindi non richiede la prova del fatto su cui si fonda - mentre ; la presunzione semplice implica che il fatto debba essere dimostrato...

Studi di Settore: le novità di Gerico 2014

Studi Di Settore Il software Gerico 2014 (ultima versione: 24 settembre) per il calcolo della congruità e coerenza agli Studi di Settore applicabili per il periodo d’imposta 2013, ha introdotto interessanti novità (che fanno il paio con le modifiche di cui ai DDMM 24/03/2014 e 02/05/2014), integrate nei nuovi modelli.  Tra queste spiccano i nuovi dettagli sulla trasparenza, con la possibilità di inserire le informazioni in grado di condizionare l’analisi discriminante della stima, della coerenza e della normalità economica, e attraverso ciò incidere sui ricavi presunti e sugli indici di coerenza...

Controlli fiscali su privati e imprese: il programma 2014

Evasione fiscale Il criterio generale è concentrarsi sui casi di evasione fiscale più gravi, che oltre al danno erariale provocano distorsioni della libera concorrenza o danneggiano i contribuenti in regola con il Fisco, tralasciando le irregolarità esclusivamente formali o di scarsa rilevanza in termini di gettito: il tutto, avvalendosi sempre degli strumenti di profilazione dei contribuenti uniti all'analisi del rischio e tenendo presente il grave stato di crisi economica che impatta, oltre che sui conti, anche sui comportamenti fiscali di privati e imprese. Sono le linee guida che l'Agenzia delle...

Professionisti con più attività: applicazione Studi di Settore

Studi di Settore, il decreto sulle modifiche e i modelli delle Entrate Sono frequenti i casi di professionisti che svolgono doppia o tripla attività, incorrendo talvolta in incongruenze con gli studi di settore tali da far scattare un accertamento. A chiarire nuovamente la corretta applicazione degli Studi in queste circostanze è una recente sentenza della Corte di Cassazione (n. 3943/2014), in riferimento al caso di un avvocato con attività stagionali di giudice tributario e di educatore in un convitto. => Speciale Studi di Settore Richiamando la Sentenza 26635/2009, la Cassazione ha innanzitutto rilevato che parametri e studi sono presunzioni...

Redditometro, in calo gli accertamenti sintetici

Redditometro Se l'obiettivo del nuovo Redditometro era affinare le armi contro l'evasione, è ancora presto per dire che sia stato raggiunto: nel 2013 si è partiti in ritardo, con 21mila controlli (-43% rispetto al 2012), comunque in linea con le previsioni del Fisco e con accertamenti sintetici definiti in adesione o acquiescenza in aumento. Per avere un quadro preciso di come sta funzionando saranno più indicativi i dati 2014, ma le attese non sembrano improntate all'ottimismo. => Redditometro al via: gli accertamenti Accertamenti da studi di settore Aspettando di vedere cosa...

Studi di Settore: quando l’accertamento è illegittimo

Fisco L’avviso di accertamento da Studi di Settore, per essere fondato, necessita del riscontro di ulteriori prove oltre alla mera difformità tra quanto dichiarato e le medie del settore. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 15633/2014. Dunque è illegittimo l'accertamento che ridetermina i ricavi se questo è giustificato dal mero rilievo dello scostamento dai parametri. Nel caso in esame, anche se il reddito accertato era stato rideterminato al ribasso, per la Cassazione la CTR Campania ha errato nel ritenere fondato il rilievo dell’Ufficio con la sola...

UNICO 2014: ultimo giorno per gli Studi di Settore

UNICO 2014_modelli Stop alla proroga di UNICO 2014 per i contribuenti interessati dagli Studi di Settore (piccole imprese, professionisti, artigiani, autonomi), la cui scadenza era slittata dal 16 giugno. Dopo i giorni in più concessi per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione IRAP e dalla dichiarazione unificata annuale dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono previsti gli Studi, l'unica possibilità per il pagamento delle imposte è quella di effettuare il versamento fino al 20 agosto, termine entro il quale sarà possibile...

Accertamento induttivo se la contabilità è inattendibile

Controlli Per le imprese soggette a Studi di Settore o Parametri, il Fisco può far scattare un accertamento induttivo nel caso riscontri una contabilità inattendibile, determinando il reddito induttivamente,sulla base di dati e notizie raccolte o di cui è venuta a conoscenza. Vediamo dunque le cause che fanno scattare l'inattendibilità della scritture contabili, ossia quando: non viene indicato il reddito d’impresa nella dichiarazione; il contribuente non ha tenuto le scritture contabili o queste non risultano disponibili per cause di forza maggiore; sono riscontrate omissioni o false o...

X
Se vuoi aggiornamenti su Accertamento induttivo se la contabilità è inattendibile

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy