Sanzioni

Spesometro, come evitare sanzioni

Istruzioni invio telematico Con un emendamento alla legge di conversione del Decreto Fiscale (DL n. 148/17) all’esame della Commissione Bilancio del Senato, a firma del relatore Silvio Lai (Pd), arriva la possibilità di evitare le sanzioni per mancato o erroneo invio dei dati dello Spesometro se la trasmissione viene effettuata entro il 28 febbraio 2018. => Spesometro: FAQ, ritardi e sanzioni Tale possibilità arriva a fronte del mancato funzionamento di fine settembre del sistema informatico predisposto per l’Agenzia delle Entrate da Sogei. Con l’emendamento al Decreto Fiscale che prevede l'abolizione...

Ravvedimento operoso: calcolo con Excel

Excel ravvedimento operoso L’art. 13 del D.Lgs. n. 472 del 1997 consente la regolarizzazione spontanea dei versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarità fiscali, beneficiando di una riduzione delle sanzioni, ovvero del ravvedimento operoso anche se: la violazione è già stata constatata e notificata a chi l'ha commessa; sono iniziati accessi, ispezioni e verifiche; sono iniziate altre attività di accertamento (notifica di inviti a comparire, richiesta di esibizione di documenti, invio di questionari) formalmente comunicate all'autore. => Ravvedimento operoso 2017: calcolo e...

Ravvedimento operoso, i servizi online

Fisco L'istituto del ravvedimento operoso è regolato dall’art. 13 del Dlgs n. 472 del 1997 e consente di regolarizzare omessi o insufficienti versamenti e altri adempimenti fiscali, beneficiando di una riduzione delle sanzioni. Sul sito dell'Agenzia delle Entrate, per calcolare le sanzioni e gli interessi derivanti dal ravvedimento per IRPEF, addizionali e contributo di solidarietà bisogna seguire il percorso: “Home - Il tuo profilo fiscale - Compliance, contenzioso e strumenti deflativi - Ravvedimento operoso”. => Ravvedimento operoso 2017: calcolo e novità Violazioni...

Responsabilità delle PMI: reati e sistema 231

Giustizia Il d.lgs. 231/01 disciplina la responsabilità amministrativa e penale delle imprese ma, dopo più di dieci anni, stenta ancora a trovare spazio applicativo nelle PMI. Soprattutto per ragioni economiche, infatti, non è sempre facile ragionare in termini di prevenzione, sia sotto il profilo del business, sia della sicurezza o dell’investimento. Tuttavia si parla di “modello 231” proprio per poterlo adattare alle specificità aziendali. => PMI e responsabilità delle persone giuridiche Sistema 231 Il d.lgs. 231/01 è una sorta di grande calderone che annovera i reati che...

Assegno divorzile, reclusione per gli inosservanti

Assegno Con la sentenza n. 25043/2017 la Corte di Cassazione, seconda sezione penale, ha preso un’importante decisione che sta facendo molto discutere: è legittima la reclusione dell’ex-coniuge che non versi alla controparte l’assegno di mantenimento imposto dopo il divorzio, anche se risulta disoccupato. => Assegno divorzile e pensione sociale: i casi Il caso riguardava un uomo condannato a due mesi di reclusione che aveva presentato ricorso in Cassazione contro la decisione della Corte di Appello di prevedere la pena detentiva in sostituzione di quella pecuniaria, motivando la...

Straordinario fuori busta: regole e sanzioni

Pagamento Al datore di lavoro che retribuisce lo straordinario svolto dai dipendenti fuori busta paga si applicano specifiche sanzioni , individuate dal Ministero del Lavoro.  Le disposizioni riguardanti il lavoro svolto oltre l'orario stabilito dal contratto individuale, prevedono che la computazione avvenga a parte, secondo le maggiorazioni retributive previste dai contratti collettivi nazionali di lavoro (art. 5, comma 5, d.lgs. n. 66/2003). => Busta paga: guida al lavoro straordinario Sanzioni Le aziende, inoltre, devono consegnare ai dipendenti un prospetto di paga contestuale...

Reverse Charge IVA: le nuove sanzioni

Fisco Con la Circolare n. 16/2017 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla riforma della disciplina sanzionatoria per le violazioni commesse in tema di Reverse Charge, o inversione contabile, di cui all’art. 6, commi da 9-bis a 9-bis.3, D.Lgs. n. 471/1997, come modificato dal D.Lgs. n. 158/2015. => Reverse charge: regole e istruzioni Tra le modifiche introdotte l'estensione della sanzione ridotta, già prevista per le violazioni degli obblighi inerenti alla documentazione e alla registrazione delle operazioni non imponibili, esenti o non soggette a IVA (dal 5 al...

​Multe online, accredito in due giorni

Pagamenti elettronici Il pagamento online delle multe, tramite home banking o piattaforme web dedicate, comporta una maggiore difficoltà nello stabilire la data del versamento poichè, come ribadito in diverse sentenze, l'adempimento si considera effettuato solo quando si registra l'accredito alla Pubblica Amministrazione. Condizione cruciale quando si è vista di una scadenza (es.: entro i 5 giorni; entro i 60 giorni). Di conseguenza occorre porre attenzione alle fasi di pagamento, considerando anche il ritardo che può derivare dalle attività che la propria banca effettua prima dell'effettivo...

Prodotti contraffatti: sanzioni per chi acquista

Contraffazione La vendita ambulante in Italia è consentita solo da parte di soggetti autorizzati, anche se tra gli ambulanti è molto diffuso l'abusivismo. Con l'arrivo della bella stagione le spiagge soprattutto si riempiono di venditori ambulanti abusivi, ma attenzione: la multa in caso di controlli da parte degli agenti di polizia non arriva solo per i venditori non autorizzati, ma anche per chi acquista da ambulanti abusivi e può arrivare fino a 7.000 euro. => Stop alla contraffazione online Sanzione amministrativa Il punto è che i prodotti venduti da questi venditori sono praticamente...

F24 a saldo zero: scadenze e sanzioni

Scadenza Nel caso in cui ci si avvalga della compensazione tributaria hanno l'obbligo presentare il modello F24 anche nel caso in cui il saldo finale sia pari a zero ossia nelle ipotesi in cui le somme dovute risultano totalmente compensate. In caso di omessa presentazione del modello con il quale si effettua la compensazione la sanzione, a partire dall'1 gennai 2016, è pari a 100 euro (comma 2-bis dell’articolo 15 del decreto legislativo n. 471/1997, come introdotto dall’articolo 15, comma 1, lett. q), n. 2), del decreto legislativo n. 158/2015), che scendono a 50 euro nel caso in cui si...

X
Se vuoi aggiornamenti su Sanzioni

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy