Reverse Charge

Il reverse charge, in italiano inversione contabile, è un particolare meccanismo fiscale che regolarmenta l'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto (IVA), con tale sistema colui che beneficia di una cessione di beni o di una qualunque prestazione legata all'erogazione di servizi, se è soggetto passivo nel territorio dello Stato, deve assolvere agli obblighi legati all'imposta invece di colui il quale cede o presta il servizio.

Cambia l’IVA sui pc portatili

Pc tablet Cambia il regime IVA con l'ampliamento del campo di applicazione del reverse charge, che dal 2 maggio prossimo si applicherà anche alle cessioni di console da gioco, tablet, PC e laptop, nonché ai dispositivi a circuito integrato quali microprocessori e unità centrali di elaborazione (cpu) ceduti prima della loro installazione in prodotti destinati al consumatore. => Reverse charge: regole e istruzioni Lo prevede il D.Lgs. n. 24/2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52/2016, dà attuazione delle direttive n. 2013/42/UE e n. 2013/43/UE del 22 luglio 2013 e introduce una...

Aumento IVA dal 2016: si rischia ancora

IVA Recentemente la Commissione UE ha respinto la richiesta italiana di deroga per estendere la Reverse Charge alla grande distribuzione, decisione che aveva fatto preannunciare un aumento delle accise su benzina e gasolio di una percentuale sufficiente a compensare l’ammanco. Ora, nel decreto sugli enti locali varato dal Consiglio dei Ministri, tale aumento viene rinviato di sei mesi. Più in particolare il provvedimento prevede che: “L'ultimo periodo dell'articolo 1, comma 632, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, si applica a decorrere dal 2016”. => Aumento IVA e tasse...

IVA: UE boccia Reverse Charge

IVA Il Reverse Charge IVA applicata alla Grande Distribuzione - introdotto in Italia con la Legge di Stabilità 2015 - non è compatibile con le direttive UE: lo ha stabilito la Commissione Europea, che ha inviato parare negativo sulla misura al Consiglio Europeo (cui ora spetta l'ultima decisione, che sarà prevedibilmente in linea con quella dell'esecutivo comunitario) . Il no di Bruxelles costa circa 700 milioni di euro all'Italia: la Legge di Stabilità prevede una clausola di salvaguardia che comporta, dal primo luglio, in caso di mancata autorizzazione UE al Reverse Charge IVA, un...

Reverse Charge IVA: ricorso UE di Confindustria

Confindustria La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto diverse novità in tema di IVA, tra cui l'estensione del meccanismo dell’inversione contabile (reverse charge) - per cui l’obbligo IVA riguarda l’acquirente e non il venditore - anche alle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative a edifici, trasferimenti di quote di emissioni di gas a effetto serra, trasferimenti di altre unità che possono essere utilizzate dai gestori per conformarsi alla direttiva 2003/87/CE e di certificati relativi al gas e all’energia elettrica,...

Reverse charge e Split payment: CNA in rivolta

Reverse charge Dal 1 gennaio 2015 si è ampliata la platea degli interessati alla normativa del Reverse charge e dello Split payment: anche le imprese attive nei servizi di pulizia, demolizione, installazione impianti e completamento di edifici devono sottostare al nuovo regolamento relativo al regime IVA di inversione contabile. La CNA provinciale di Pisa lancia l’allarme sottolineando come, solo a livello locale, saranno circa 15mila le imprese “danneggiate” dal nuovo sistema. => Split Payment: SOS imprese e petizione online La nota della CNA Secondo CNA Pisa, sia il Reverse charge sia lo...

Edilizia: il Reverse Charge sui pannelli fotovoltaici

Fotovoltaico Per Reverse Charge si intende il regime dell’inversione contabile che sposta l'obbligo dell'assolvimento IVA al destinatario di una cessione di beni o prestazione di servizi, se soggetto passivo nel territorio dello Stato, in luogo del cedente o prestatore. L'obiettivo è di contrastare l'evasione fiscale, obbligando l’appaltatore al versamento della relativa imposta. => Approfondisci gli aspetti contabili del Reverse Charge Reverse Charge in Edilizia Nel settore dell'Edilizia il Reverse Charge si può applicare anche nell'istallazione di pannelli fotovoltaici ma solo se si...

IVA: aumento aliquote e nuove regole nel Ddl Stabilità

leggestabilità Il lavoro di limatura sulla Legge di Stabilità si è allungato oltre il previsto, ma il testo è approdato al Quirinale oggi, 21 ottobre, per la firma del presidente della Repubblica: tra i punti su cui hanno maggiormente lavorato i tecnici dell'Economia, spiccano la clausola di salvaguardia sull'aumento IVA, il bonus bebè da 80 euro per tre anni  ai nuovi nati nelle famiglie con reddito massimo di 90mila euro e con uno o due figli (confermato dal Ministro Lorenzin, che ha specificato l'esenzione dal tetto dal terzo figlio), le proteste delle regioni sui tagli da Spending Review e...

IVA: Reverse Charge anti-evasione

IVA Reverse Charge dell'IVA contro l'evasione fiscale: è la misura allo studio del Governo che comporta di invertire le regole per il versamento dell'imposta sul valore aggiunto, una delle più evase dai professionisti: a pagare l'IVA sarebbe chi compra mediante autofattura e non più il fornitore, come avviene ora, con i vari passaggi che aumentano la probabilità di evasione fiscale. Attualmente, chi fornisce la merce fattura prima e poi paga al Fisco: con l'inversione contabile, è il venditore al dettaglio (l'acquirente della merce, non il consumatore finale) a pagare direttamente...

Obblighi IVA per servizi oltre frontiera

IVA L'Agenzia delle Entrate ha chiarito con la C.M. 21 maggio 2013 il corretto assolvimento degli obblighi contabili IVA per operazioni estere, illustrando come individuare il momento in cui si consuma la prestazione di un servizio reso o ricevuto da soggetti passivi residenti fuori Italia e quando scatta la maturazione dei corrispettivi, passaggi fondamentali per il pagamento nei termini di legge. La Circolare riprende la Legge Comunitaria 2010 (L. 15 dicembre 2011, n. 217) nell’art. 8, co. 2, che dà seguito alle Direttive 2009/69/Ce e 2009/162/Ue uniformando l’ordinamento italiano...

Inversione contabile per cellulari e pc: anche multi-core

cpu IVA su cellulari e pc: cambiano le regole per il reverse charge, ovvero l’inversione contabile, in caso di cessioni di dispositivi a circuito integrato quali microprocessori e unità centrali di elaborazione (CPU) prima della loro installazione in prodotti destinati al consumo finale (quindi parliamo di compra-vendita all'ingrosso) , in vigore dal 1° aprile 2011: a chiarire i dubbi di imprenditori e professionisti sul meccanismo - disciplinato dall’articolo 17, comma 6, lett. b) e c) del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 - è la risoluzione n. 13/E dell’Agenzia delle Entrate. Quali...

X
Se vuoi aggiornamenti su Reverse charge

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy