Regime Dei Minimi

Le regole e le novità del Regime dei Minimi dopo la riforma del 2012 e alla luce del nuovo forfait al 15% introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 (senza l'adeguamento alle nuove concessioni della UE, che dal 2014 concederebbero di innalzare la soglia di reddito): su PMI.it trovi tutti gli approfondimenti relativi alla normativa in merito ai soggetti passivi IVA coinvolti, i requisiti di accesso al regime fiscale di vantaggio aperto a tutti i contribuenti minimi e superminimi senza limiti di età - ma con ulteriori vantaggi per i nuovi professionisti e imprenditori under 35 - le clausole di esclusione per i nuovi Minimi e le opzioni contabili in regime semplificato per gli ex Minimi. La nuova riforma del Regime dei Minimi apporta dal 2015 diverse modifiche alla precedente normativa, puoi trovare tutti gli approfondimenti e i dettagli su PMI.it.

Versamenti UNICO al 6 luglio per Regime dei Minimi

Scadenza La proroga al 6 luglio sui pagamenti UNICO per contribuenti che applicano gli Studi di Settore vale anche in Regime dei Minimi, con forfettario al 5 o al 15%: in base al comunicato del Ministero delle Finanze, il DPCM in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale fa slittare, dalla precedente scadenza del 16 giugno, il termine ultimo per i: «versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione unificata annuale da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di...

Regime dei Minimi e ritenute

Professionisti I contribuenti che rientrano nel Regime forfetario, introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 (L.190/2014) come ultima riforma del Regime dei Minimi, non subiscono la ritenuta di acconto e non la operano sui compensi corrisposti. Si tratta di una delle semplificazioni fiscali e contabili delle quali possono beneficiare i forfetari, a patto però che rispettino determinati obblighi dichiarativi. => Regime dei Minimi 2016: riforma e novità Compensi corrisposti L'esonero dall’operare le ritenute alla fonte a titolo di acconto sul pagamento di compensi, stipendi, provvigioni deriva...

Fisco leggero: al via 51mila imprese

Pressione fiscale Probabilmente la paura di una pressione fiscale troppo gravosa non favoriva le iniziative imprenditoriali. Iniziative che hanno invece ripreso a nascere grazie al regime forfettario applicabile alle nuove imprese. In particolare nel mese di febbraio sono state avviate 51.141 nuove attività, con un significativo incremento del 18% rispetto allo stesso mese del 2015. => Stabilità 2016: Partite IVA e nuovo Regime dei Minimi Evidentemente l’ultima Legge di Stabilità, che ha portato a 10mila euro tutte le soglie di ricavi o compensi per le diverse attività ad eccezione dei...

Regime dei Minimi, accesso immediato

Regime dei Minimi Con la Circolare n. 12/E/2016 l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti interpretativi relativi a vai quesiti posti in occasione di eventi in videoconferenza organizzati dalla stampa specializzata, tra i quali anche quelli relativi al passaggio dal regime ordinario al forfetario e sulla permanenza nel regime di vantaggio per i contribuenti minimi. Legge di Stabilità 2015 Ad introdurre il regime forfetario, abrogando il precedente Regime dei Minimi, ovvero tutti i precedenti regimi di favore riservati alle attività economiche di ridotte dimensioni, è stato l’art. 1, commi da 54...

Regime Minimi 15% per imprenditori e professionisti

Regime dei minimi Semplificazioni IVA, spesometro, comunicazioni black list, studi di settore: sono i vantaggi per imprenditori e professionisti che aderiscono al nuovo Regime dei Minimi con aliquota al 15% introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 e modificato dalla manovra 2016, su cui l'Agenzia delle Entrate fornisce nuovi chiarimenti nella circolare 10/E 2016, un vero e proprio vademecum con tutte le norme su aventi diritto, caratteristiche del Regime dei Minimi, agevolazioni, semplificazioni, sanzioni. => Regime dei minimi e nuovo calcolo dei contributi La finanziaria 2015 ha mandato in...

Regime dei Minimi e nuovo calcolo dei contributi

Benefici contributivi Nel nuovo Regime dei Minimi sono cambiate le regole per il calcolo dell'agevolazione INPS riservata ad artigiani e commercianti esercenti attività d’impresa, titolari di una o più ditte individuali, anche organizzate in forma di impresa familiare, con i requisiti per rientrare nel regime agevolato.  La Legge di Stabilità (comma 111 dell'articolo unico della legge 208/2015) prevede una riduzione del 35% sul minimale di reddito e sull'eventuale parte eccedente: tali modifiche al regime forfettario sono dettagliate nella circolare INPS 35/2016. => Partite IVA in regime...

Partite IVA in regime agevolato: i nuovi contributi

Partita IVA Artigiani e commercianti in Regime dei Minimi iscritti alla gestione separata INPS hanno un trattamento agevolato anche in materia di contributi che, in base alle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2016, prevede una riduzione del 35%: sull'applicazione della norma, e in particolare sulle modalità e i termini di presentazione della domanda, interviene l'INPS con messaggio 286/2016. Si tratta di un documento rivolto agli uffici che devono processare le domande e non ai contribuenti, per i quali in materia di presentazione delle richieste di accesso al regime agevolato sui...

Ammortamento 140% per i contribuenti minimi

regime dei minimi I contribuenti minimi che applicano il regime agevolato al 5% possono godere del superammortamento al 140% previsto dalla Legge di Stabilità 2016 sull'acquisto di beni strumentali. Il cosiddetto SuperAmmortamento è previsto dal comma 91 dell'articolo unico della Legge di Stabilità e si applica a nuovi beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016, includendo anche i canoni di locazione finanziaria e l'acquisto di beni in leasing. Niente agevolazione fiscale, invece, per chi applica l'aliquota al 15%. Di seguito analizziamo in dettaglio cosa cambia...

Regime dei Minimi 2016: i nodi irrisolti

Regime dei minimi Dal primo gennaio 2016 chi apre partita IVA e sceglie il Regime dei Minimi in teoria non può più optare fra vecchio sistema con aliquota al 5% e nuovo al 15% su un utile forfettario: il periodo transitorio è terminato e sono intervenute le modifiche della Legge di Stabilità, che ha alzato le soglie di reddito. Resta però il dubbio se poter applicare ancora il vecchio regime fino al 30 gennaio 2016, ma solo per i contribuenti non iscritti all'Albo Artigiani. => Legge di Stabilità: il Regime dei Minimi 2016 L'interpretazione estensiva di un provvedimento di prassi permetterebbe...

Regime dei Minimi: quale scegliere nel periodo transitorio

Regime Minimi 2015 Per le Partite IVA in Regime dei Minimi si ripropone, a un anno di distanza, la stessa situazione di fine 2015: chi intende avviare un'attività o entrare nel regime forfettario può scegliere fra vecchio regime con aliquota al 5% (fino al 31 dicembre 2015) o il nuovo sistema con aliquota al 15% e diversi tetti di reddito. La differenza, rispetto allo scorso anno, è che il Regime dei Minimi al 15% viene modificato dalla Legge di Stabilità 2016, per cui dal primo gennaio cambiano ulteriormente le regole. Nel frattempo, in questo periodo transitorio si può scegliere il Regime dei...

X
Se vuoi aggiornamenti su Regime dei Minimi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy