Regime Dei Minimi

Le regole e le novità del Regime dei Minimi dopo la riforma del 2012 e alla luce del nuovo forfait al 15% introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 (senza l'adeguamento alle nuove concessioni della UE, che dal 2014 concederebbero di innalzare la soglia di reddito): su PMI.it trovi tutti gli approfondimenti relativi alla normativa in merito ai soggetti passivi IVA coinvolti, i requisiti di accesso al regime fiscale di vantaggio aperto a tutti i contribuenti minimi e superminimi senza limiti di età - ma con ulteriori vantaggi per i nuovi professionisti e imprenditori under 35 - le clausole di esclusione per i nuovi Minimi e le opzioni contabili in regime semplificato per gli ex Minimi. La nuova riforma del Regime dei Minimi apporta dal 2015 diverse modifiche alla precedente normativa, puoi trovare tutti gli approfondimenti e i dettagli su PMI.it.

Ammortamento 140% per i contribuenti minimi

regime dei minimi I contribuenti minimi che applicano il regime agevolato al 5% possono godere del superammortamento al 140% previsto dalla Legge di Stabilità 2016 sull'acquisto di beni strumentali. Il cosiddetto SuperAmmortamento è previsto dal comma 91 dell'articolo unico della Legge di Stabilità e si applica a nuovi beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016, includendo anche i canoni di locazione finanziaria e l'acquisto di beni in leasing. Niente agevolazione fiscale, invece, per chi applica l'aliquota al 15%. Di seguito analizziamo in dettaglio cosa cambia...

Regime dei Minimi 2016: i nodi irrisolti

Regime dei minimi Dal primo gennaio 2016 chi apre partita IVA e sceglie il Regime dei Minimi in teoria non può più optare fra vecchio sistema con aliquota al 5% e nuovo al 15% su un utile forfettario: il periodo transitorio è terminato e sono intervenute le modifiche della Legge di Stabilità, che ha alzato le soglie di reddito. Resta però il dubbio se poter applicare ancora il vecchio regime fino al 30 gennaio 2016, ma solo per i contribuenti non iscritti all'Albo Artigiani. => Legge di Stabilità: il Regime dei Minimi 2016 L'interpretazione estensiva di un provvedimento di prassi permetterebbe...

Regime dei Minimi: quale scegliere nel periodo transitorio

Regime Minimi 2015 Per le Partite IVA in Regime dei Minimi si ripropone, a un anno di distanza, la stessa situazione di fine 2015: chi intende avviare un'attività o entrare nel regime forfettario può scegliere fra vecchio regime con aliquota al 5% (fino al 31 dicembre 2015) o il nuovo sistema con aliquota al 15% e diversi tetti di reddito. La differenza, rispetto allo scorso anno, è che il Regime dei Minimi al 15% viene modificato dalla Legge di Stabilità 2016, per cui dal primo gennaio cambiano ulteriormente le regole. Nel frattempo, in questo periodo transitorio si può scegliere il Regime dei...

Legge Stabilità: il Regime dei Minimi 2016

Professionista Il Regime dei Minimi 2016 diventa più favorevole rispetto alla riforma dell'anno scorso, con innalzamento dei tetti di reddito e maggiore accessibilità da parte dei lavoratori dipendenti: la Legge Stabilità 2016 corregge dunque il tiro sulla Riforma del Regime dei Minimi avviata nel 2015 e corretta in corsa (fino al 31 dicembre resta possibile l'adesione al "vecchio" regime agevolato), anche a causa delle proteste di autonomi e professionisti. Aliquota al 15% ma limiti più alti per il reddito, 10mila euro in più per ogni categoria di attività e 15mila (raddoppio) per i...

Stabilità 2016: Partite IVA e nuovo Regime dei Minimi

legge di stabilità Secondo la definizione del Governo, la Legge di Stabilità 2016 contiene uno "Statuto dei lavoratori autonomi": si tratta di un corposo capitolo della manovra che va dalle modifiche al Regime dei Minimi, alla possibilità per i professionisti di dedurre spese per la formazione fino a 10mila euro annui, all'ampliamento della maternità ai congedi parentali per le lavoratrici a partita IVA. Soddisfazione da parte delle rappresentanze di categoria in particolare da CNA Professioni, che parla di  «svolta epocale». Vediamo tutte le misure in arrivo per professionisti e Partite IVA con la...

Legge di Stabilità: nuovi incentivi fiscali e sui consumi

Matteo Renzi Nuove anticipazioni sulla Legge di Stabilità 2016 - in calendario per approvazione in CdM il 15 ottobre - focalizzate su: tetto al contante, sgravio salario di produttività, Regime dei Minimi e Partite IVA. Su alcune delle novità la fonte è il consigliere all PdC Maurizio Del Conte mentre per altre è lo stesso premier Renzi a Rtl 102.5, dopo il recente marcia-indietro sulla flessibilità in uscita, definitivamente uscita dalla manovra economica. => Legge Stabilità 2016 senza pensione anticipata Tetto contante 3mila euro Per contrastare l'evasione fiscale con la...

Nuovo Regime dei Minimi per Professionisti e Start-up

Regime dei minimi Novità sul fronte Regime dei Minimi annunciate dal viceministro dell’Economia, Luigi Casero, durante la XI Conferenza della Cassa di Previdenza Forense: in vista c'è una revisione del Governo al regime forfettario con l'obiettivo di renderlo più conveniente per chi apre o ha aperto da poco Partita IVA o per le start-up. Si tratta di un'iniziativa che segue quella precedentemente attuata dall'Esecutivo, che aveva prorogato regime fiscale agevolato al 5% fino al 31 dicembre 2015. => Regime dei Minimi 2015: riforma e novità La novità vedrebbe coinvolti 1 milione e 800 mila...

Regime dei Minimi: quali spese scaricare in UNICO

Fisco La regola generale per i contribuenti in Regime dei Minimi alle prese con la dichiarazione dei redditi è: si possono scaricare le spese ma senza detrazioni 19% né deduzioni. Il regime fiscale prevede infatti un'aliquota agevolata sostitutiva dell'IRPEF ordinaria, che impedisce di godere delle comuni agevolazioni fiscali. => Regime dei minimi e determinazione del reddito Minimi in Dichiarazione dei Redditi Nella compilazione di UNICO, i contribuenti in Regime dei Minimi compileranno dunque il Quadro LM del Modello Unico, che non prevede alcuna detrazione o deduzione.Inoltre,...

Guida turistica: il regime fiscale

Lavoro turismo Con l'introduzione del regime forfetario unico e la proroga del precedente Regime dei Minimi è cambiato anche il regime fiscale e contributivo delle guide, accompagnatori ed interpreti turistici. I redditi derivanti da tale tipo di attività sono soggetti all'IRPEF (Imposta sui Redditi delle Persone Fisiche), ma non all'IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive) nel caso si tratti di una attività personale in assenza di autonoma organizzazione. => Esenzione IRAP: quando c'è autonoma organizzazione Ricordiamo brevemente che, secondo la giurisprudenza, il requisito della...

Come entrare nel Regime dei Minimi

Partita IVA Prima della fine del 2015 è ancora possibile rientrare nel vecchio Regime dei Minimi, grazie alla proroga concessa dal Governo (articolo 10, comma 12-undecies, del Dl 192/2014, convertito nella legge 11/2015) prima che, a partire dal 2016, tale regime fiscale agevolato venga definitivamente sostituito dal nuovo Regime forfettario. A fornire chiarimenti in merito è stata di recente l'Agenzia delle Entrate con la risoluzione 67/E/2015. => Regime dei Minimi al 5%: proroga 2015 e adesione Allo stato attuale il vecchio Regime dei Minimi risulta più conveniente del nuovo Regime...

X
Se vuoi aggiornamenti su Regime dei Minimi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy