Opzione Donna

L'opzione donna è una possibilità per le lavoratrici di pubblico e privato di andare in pensione in anticipo a patto di accettare un assegno calcolato interamente su sistema contributivo.

È un'opzione introdotta dalla Legge Maroni n° 243/04, ripresa successivamente con la Riforma delle Pensioni Fornero del 2011 e prorogata anche dalla Legge di Bilancio 2017.

Avvalendosi di questa opportunità le donne possono andare in pensione a 57 anni (58 se autonome) se hanno raggiunto i 35 anni di contributi, cosa che permette un notevole anticipo rispetto le regole ordinarie che prevedono o il raggiungimento di almeno 41 anni e 10 mesi di contributi o il raggiungimento di un'età anagrafica di 66 anni e 7 mesi per le lavoratrici del pubblico, 65 anni e 7 mesi del privato, 66 anni e mese se autonome oltre ad avere maturato almeno 20 anni di contributi.

Possono aderire all'opzione donna tutte le lavoratrici iscritte all'assicurazione generale obbligatoria, a fondi sostitutivi o esclusivi che siano in possesso di contributi alla data del 31 Dicembre 1995.

Non possono invece esercitare questa opzione coloro che sono iscritte alla gestione separata o che, per qualsiasi motivo, vogliano utilizzare i contributi maturati in tale gestione per raggiungere il requisito contributivo.

Su PMI.it trovi tutte le informazioni utili per esercitare o meno l'opzione donna, le ultimissime novità, esempi e simulazioni di calcolo.

Decorrenza TFR dopo Opzione Donna

Sono una ex dipendente comunale, ho avuto accesso alla pensione dal 1 giugno 2016, in regime di opzione donna, con 36 anni di contributi e 61 anni di età compiuti il 28 settembre 2015. Quando mi verrà corrisposto il TFR?

APE Sociale, requisiti ridotti per le donne

Opzione Donna Proroga Opzione Donna oppure APE Sociale agevolata per le lavoratrici: sono entrambe ipotesi portate al tavolo negoziale tra Governo e sindacati sulle riforma delle pensioni, arrivata alla fase due. Cgil, Cisl e Uil insistono per trovare nuove soluzioni che consentano alle donne di ritirarsi in anticipo, anche in considerazione del fatto che le risorse a disposizione per l'Opzione Donna in questi anni non sono state completamente utilizzate. => Riforma Pensioni: modifiche all'APE Sociale Proroga Opzione Donna Sul tavolo, c'è da tempo l'idea di prorogare la possibilità per le...

Opzione Donna 2018, petizione online

opzione donna petizione Nuova petizione online (ne erano già state presentate diverse negli anni scorsi) per chiedere al proroga al 2018 dell'Opzione Donna: lanciata su Change.org dal Comitato Opzione Donna, in sei giorni (dal ha raccolto quasi 2500 firme. La richiesta, al Governo e al Parlamento, è quella di prorogare la possibilità di andare in pensione anticipata con 35 anni di contributi e 57 o 58 anni di età (rispettivamente per le lavoratrici dipendenti o autonome), al 2018, oppure di renderla strutturale. => Proroga Opzione Donna al 2018, le proposte Ricordiamo che al momento questa possibilità...

Supplemento pensione dopo Opzione Donna

Avendo conseguito la pensione tramite Opzione Donna, è possibile riprendere l'attività lavorativa con un contratto di lavoro a tempo determinato e cumulare i redditi con relativo conguaglio in sede di dichiarazione redditi?

Donne: formule di pensione anticipata

Come funziona l'applicazione delle Legge Dini? Se non ho capito male, se si accetta un calcolo prettamente contributivo, per tutta la carriera lavorativa, si può andare in pensione con 40 anni di contributi. E' così?

Proroga Opzione Donna al 2018, le proposte

Pensioni Si torna a parlare di proroga Opzione Donna, estendendo questa possibilità di pensione anticipata alle lavoratrici nate dopo il 1958: ci sono quattro interrogazioni parlamentari all'ordine del giorno della seduta del 4 maggio in commissione al Senato che chiedono al Governo un intervento in questo senso. Proposte tutte rivolte all'allungamento dei termini della sperimentazione fino al 2018, per consentire l'accesso alle lavoratrici nate dopo il 1957 (se autonome) o dopo il 1958 (se dipendenti). Vediamo nel dettaglio. => Opzione Donna, verso proroga al 2018 L'Opzione Donna consente...

Pensione IndCom, come funziona

Sono titolare di pensione IndCom dal febbraio 2015. Ho 61 anni. L'indennità copre - mi come dice l'INPS - fino al settembre 2023? Posso fare richiesta di Opzione Donna dato che ho 58 anni e 18 mesi maturati?

Opzione Donna verso proroga 2018

Opzione Donna Potrebbe arrivare presto una proroga al 2018 per l'Opzione Donna, la forma di pensione anticipata che prevede un calcolo della pensione interamente con il sistema contributivo (rispetto al sistema misto, il taglio sulla pensione può arrivare al 20- 30%), esercitabile da tutte le lavoratrici che hanno compiuto 57 anni, se dipendenti, o 58 anni, se autonome, entro il 31 dicembre 2015, e alla stessa data avevano almeno 35 anni di contributi. Poiché per accedere all’Opzione Donna, bisogna calcolare anche l’aspettativa di vita, la Legge di Stabilità 2017 ha esteso tale opzione alle...

Opzione Donna, autonome penalizzate

Sono nata il 1/4/1958. Alla fine del 2013 ho dovuto chiudere il negozio, da allora sono disoccupata. Ho circa 39 anni di contributi, posso accedere all’opzione donna? Ci sono altri modi di poter accedere a qualche forma pensionistica​?​

Opzione Donna 2017, istruzioni INPS

Pensioni Le lavoratrici che hanno i requisiti per accedere all'Opzione Donna, possono presentare domanda in qualsiasi momento, anche successivo a quello della prima decorrenza utile per la pensione: lo specifica l'INPS che fornisce una serie di chiarimenti sull'estensione dell'Opzione Donna prevista con la Riforma Pensioni inserita in Legge di Stabilità 2017. Le prime finestre utili per la decorrenza della pensione delle lavoratrici che hanno maturato il requisito nel dicembre 2015 si aprono nell'agosto del 2017. Il documento di prassi è il messaggio INPS 1182 del 16 marzo, il riferimento...

X
Se vuoi aggiornamenti su Opzione Donna

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy