Modello Unico

Modello UNICOIl Modello Unico (di dichiarazione unificato compensativo, da cui l’abbreviazione Uni.Co.) viene utilizzato per presentare più dichiarazioni fiscali di soggetti che percepiscono redditi di terreni e fabbricati, di partecipazione, di lavoro autonomo (occasionale o continuativo), di lavoro dipendente, di impresa e di pensione.

Documentazione

Qui potete trovare i modelli da scaricare e compilare: Unico Persone Fisiche e PF Mini 2014 e Unico 2014 SC (Società di Capitali). In base alla tipologia del contribuente, di distinguono diversi modelli:
  • Unico Persone Fisiche.
Questo modulo va compilato da parte di coloro che devono presentare sia la dichiarazione dei redditi (in alternativa al Modello 730) sia la dichiarazione Iva. In particolare, i soggetti che hanno l’obbligo di consegnare questo modello sono i contribuenti che:
  • nell’anno precedente oggetto di dichiarazione hanno posseduto redditi d’impresa, redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita Iva, redditi diversi non compresi fra quelli dichiarabili con il modello 730;
  • nell’anno precedente e/o in quello di presentazione della dichiarazione non risultano residenti in Italia;
  • nell’anno di presentazione della dichiarazione hanno percepito redditi di lavoro dipendente erogati solo da datori di lavoro non obbligati ad effettuare le ritenute d’acconto;
  • devono presentare anche una delle dichiarazioni IVA, IRAP, Modello 770 ordinario e semplificato;
  • devono presentare la dichiarazione per conto di deceduti;
  • sono lavoratori con contratto a tempo indeterminato, il cui rapporto di lavoro è cessato al momento della presentazione della dichiarazione.
Tutti quei contribuenti che, invece, si trovano in situazioni meno complesse (non hanno cambiato il domicilio fiscale dal 1° novembre dell’anno precedente a quello di presentazione della dichiarazione;  non sono titolari di partita IVA;  hanno percepito uno o più redditi da terreni, fabbricati, lavoro dipendente, attività commerciali;  vogliono fruire di deduzioni e detrazioni  per le spese sostenute; non devono presentare il modulo per conto di altri) possono tranquillamente compilare un modello Unico per Persone Fisiche Mini.
  • Unico Società di Capitali.
Anche questo modello consente di presentare sia la dichiarazione dei redditi che quella IVA. Nello specifico, deve essere presentato da parte dei cosiddetti soggetti IRES, ovvero:
  • le società per azioni e in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative, comprese le società cooperative che abbiano acquisito la qualifica di Onlus e le cooperative sociali, le società di mutua assicurazione, nonché le società europee residenti nel territorio dello Stato;
  • gli enti commerciali (enti pubblici e privati e i trust);
  • le società di ogni tipo, tranne le società semplici, le società e le associazioni equiparate e gli enti commerciali non residenti nel territorio.
  • Unico Società di Persone.
Questo ulteriore modulo va compilato da parte di tutti i contribuenti che devono presentare, anche in tal caso, dichiarazione dei redditi e Iva e, più precisamente:
  • le società semplici;
  • le società in nome collettivo e accomandita semplice;
  • le società di armamento;
  • le società di fatto o irregolari;
  • le associazioni prive di personalità giuridica;
  • le aziende coniugali;
  • i gruppi europei di interesse economico.
  • Unico Enti Non Commerciali.
I contribuenti che, in questo ultimo caso, devono presentare Modello 730 e Iva sono quegli enti che si caratterizzano per non avere come oggetto principale lo svolgimento di una attività di natura economica. Ovvero:
  • Soggetti pubblici e privati diversi dalle società;
  • I trust che non hanno per oggetto esclusivo lo svolgimento di attività commerciali;
  • Gli organismi di investimento collettivo del risparmio, esclusi gli organi di amministrazione dello Stato, dei Comuni, delle Province e delle Regioni;
  • Le società e gli enti di qualsiasi tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio italiano.

Istruzioni: che cosa si deve fare

Nella maggior parte dei casi, la presentazione del Modello Unico per tutte le tipologie sin qui viste avviene per via telematica:
  • Diretta, consegnandola personalmente in qualsiasi ufficio o avvalendosi dei servizi online messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. In questo ultimo caso, il contribuente può scegliere se utilizzare il servizio telematico Fisconline, a meno che non sia tenuto a presentare  il Modello 770 per un numero di soggetti superiore a 20 e al quale si accede tramite un  codice Pin che va preventivamente richiesto all’Agenzia; il servizio Entratel, se è tenuto a presentare il modello 770 in relazione a più di 20 soggetti.
  • Tramite intermediari abilitati (professionisti, associati di categoria, Caf o altri), al quale si può chiedere supporto anche per la compilazione del modello stesso. Questi soggetti sono tenuti a rilasciare una dichiarazione di impegno, datata e sottoscritta e, entro trenta giorni dal termine previsto per la presentazione, l’originale del modello firmato dai contribuenti e la comunicazione di avvenuta ricezione da parte dell’Agenzia delle Entrate.
In alcuni casi particolari, si potrà consegnare il modello anche in formato cartaceo presso un qualunque Ufficio Postale. Si tratta di quei contribuenti che, nel caso dell’Unico per Persone Fisiche, pur possedendo redditi dichiarabili con il 730, non hanno un datore di lavoro, non sono titolari di una pensione, devono presentare la dichiarazione per conto di deceduti, sono privi di sostituti di imposta o semplicemente devono comunicare alcuni dati tramite dei quadri del Modello. Nel caso di Unico per Enti Non Commerciali, sono quei contribuenti che non sono tenuti a presentare la dichiarazione Iva o dei sostituti d’imposta o ai fini Irap.

Scadenze

Il Modello Unico, per  tutte le tipologie di contribuenti, va presentato entro 9 mesi dalla chiusura del periodo di imposta. Per l’Unico Società di Capitali e per quelle società o enti il cui esercizio coincide con l’anno solare la scadenza è fissata per il 30 settembre. Tutti coloro che possono seguire la procedura cartacea di presentazione, hanno tempo dal 2 maggio al 30 giugno per recarsi presso un qualsiasi Ufficio Postale. È bene, tuttavia, tenere sempre sott’occhio lo scadenzario dell’Agenzia delle Entrate in caso di proroghe e variazioni.

Detrazione investimenti in start-up fuori dal 730

UNICO 2015 Per ottenere la detrazione fiscale che spetta a chi investe in start-up innovative è necessario presentare il modello UNICO: lo precisa la circolare 26/E dell'Agenzia delle Entrate con le FAQ sulla dichiarazione dei redditi 2015 e in particolare sul 730 semplificato e ordinario. La stessa circolare fornisce una interpretazione estensiva della proroga al 23 luglio riservata a CAF e intermediari per il completamento delle procedure, applicando il rinvio della scadenza anche ai contribuenti fai-da-te, che trasmettono il modello 730 precompilato telematicamente all'Agenzia delle...

Errori e ritardi in dichiarazione: 730 integrativo o UNICO

730 Presentare un 730 integrativo o un modello UNICO: sono le possibilità per chi sfora la scadenza del 23 luglio (slittamento concesso rispetto all'iniziale 7 luglio) per il 730/2015 o per chi commette errori di compilazione. La prima proroga al 23 luglio stabilita con Dpcm 26 giugno (Gazzetta Ufficiale n.154 del 6 luglio) e riguardante la sola elaborazione delle dichiarazioni da parte di CAF e intermediari, infatti, è stata bissata "all'ultimo secondo" da quella prevista per i contribuenti che trasmettono la dichiarazione dei redditi online dal sito dell'Agenzia delle Entrate...

Studi di Settore: modelli corretti e istruzioni

Agenzia delle Entrate Approvate in via definitiva le specifiche tecniche per l’invio telematico dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli Studi di Settore contenuti nei modelli che costituiscono parte integrante della dichiarazione UNICO 2015. Il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate n. 83314/2015 approva anche le modifiche apportate alla modulistica degli Studi di Settore da utilizzare per il periodo d'imposta 2014 e i controlli di coerenza tra UNICO 2015 ed i modelli degli Studi di Settore. => Studi di Settore 2015: le novità Vengono quindi sostituiti i modelli che erano stati...

Modello UNICO SC 2015: guida alle novità fiscali

Unico SC UNICO SC recepisce le novità fiscali 2015 degli ultimi interventi normativi e amministrativi, nel frontespizio e nei vari quadri che lo compongono. Con questo modello è possibile presentare la dichiarazione dei redditi e IVA, di soggetti passivi ai fini IRES e l’imposta sul reddito delle spa o in accomandita per azioni, srl, cooperative anche ONLUS e sociali, società di mutua assicurazione, società europee di cui al regolamento (CE) n. 2157/2001, enti commerciali, enti pubblici e privati diversi dalle società, società di ogni tipo escluse quelle semplici, sgr, imprese di...

Acconto IRPEF in UNICO 2015

UNICO 2015 Tempo di dichiarazione dei redditi e di compilazione del modello UNICO 2015, entro il 16 giugno va effettuato il calcolo e il versamento dell’acconto IRPEF 2015 e del saldo 2014.  => Leggi le novità del Modello UNICO La scadenza del 16 giugno per il versamento con Modello F24 riguarda infatti sia la prima rata del saldo IRPEF 2014 che quella dell’acconto IRPEF 2015, ovvero l'anticipo sulle tasse che si vanno a pagare l’anno successivo per quanto guadagnato nell’anno in corso, stabilito sulla base di alcuni calcoli e il saldo che si paga l’anno successivo, calcolato come...

Studi di settore: i modelli 2015

Studi di Settore Dopo l’approvazione delle revisioni necessarie per tener conto degli effetti della crisi l'Agenzia delle Entrate, con la nota di protocollo n. 70682/2015, ha dato il via libera ufficiale ai modelli 2015 per gli Studi di Settore da allegare al modello UNICO 2015. Si tratta di 204 modelli necessari per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli Studi di Settore e, relativi alle attività economiche nel settore delle manifatture, dei servizi, delle attività professionali e del commercio, da utilizzare per il periodo di imposta 2014. => Studi di Settore:...

Modello UNICO: gli oneri detraibili

Dichiarazione dei redditi Con  la Circolare n. 17/E/2015, l'Agenzia delle Entrate ha fornito alcune interpretazioni riguardanti gli oneri detraibili (spese sanitarie, spese per interventi di recupero del patrimonio abitativo, spese di istruzione) e gli oneri deducibili in dichiarazione dei redditi sia con il modello 730 che con il modello UNICO. In merito sono stati sollevati numerosi i dubbi sia da parte dei contribuenti che dei professionisti abilitati e CAF e l'Agenzia ha fornito diversi chiarimenti. => Dichiarazione dei Redditi 2015: guida completa Detrazioni fiscali Più in particolare, in tema di...

UNICO 2015 PF: modello riveduto e corretto

UNICO 2015 Il modello UNICO PF è stato modificato rispetto a quello approvato con provvedimento del 30 gennaio scorso, a fronte delle novità normative intervenute con riferimento al Regime dei Minimi e all’individuazione di alcuni errori materiali. Le modifiche al modello UNICO 2015 PF sono state approvate con provvedimento direttoriale, insieme alle relative istruzioni. Tra le principali novità il ripristino per l’anno in corso del precedente Regime dei Minimi e la comunicazione dell’elenco dei partiti politici ammessi al beneficio del due per mille dell’IRPEF. => UNICO 2015:...

Dichiarazioni 2015: calendario scadenze

Calendario 2015 Tra le maggiori novità in tema fiscale nel 2015 debutta la dichiarazione dei redditi precompilata, che può essere presentata anche autonomamente da parte dei contribuenti previo accesso ai servizi online dell'Agenzia delle Entrate tramite PIN e credenziali di Fisconline o quelle della Carta Nazionale dei Servizi o quelle dell'INPS, oltre che come di consueto con l'assistenza dei professionisti abilitati o dei CAF. Per quest'anno sarà ancora obbligatorio rivolgersi a CAF o intermediari nel caso in cui si intenda presentare la dichiarazione congiunta. => 730 precompilato: come...

UNICO 2015 e Studi di Settore: i nuovi correttivi anticrisi

Studi di Settore Parere favorevole da parte della Commissione degli esperti, riunitasi presso la SOSE il 9 aprile scorso, ai nuovi correttivi anticrisi per gli Studi di Settore del 2014, applicabili in sede di UNICO 2015. Si tratta della validazione dell’intervento che ogni anno revisiona gli Studi di Settore, per tenere conto della particolare congiuntura economica che ha interessato le attività economiche interessate. => Studi di Settore 2015: le novità Analisi dei dati Nello specifico, l'analisi è frutto di una attenta attività di monitoraggio dell’andamento dei settori economici...

X
Se vuoi aggiornamenti su UNICO 2015 e Studi di Settore: i nuovi correttivi anticrisi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy