Locazioni

Cedolare secca affitti brevi, caos e sanzioni

Airbnb Scatta lo sciopero fiscale sulla tassa Airbnb: portali online e intermediari in larga misura hanno scelto di non versare la cedolare secca del 21% sugli affitti brevi introdotta dalla Manovra bis (l'articolo 4 del Dl 50/2017prevede che la tassa venga versata il 16 del mese successivo a quello dell'incasso, con lunedì 17 luglio come prima scadenza) e, all'interno della categoria, emergono non poche polemiche. => Affitti brevi, istruzioni per la tassa del 17 luglio Mentre ad esempio gli associati alla Property Manager Italia verseranno l'imposta a partire da agosto, la Fimaa...

Affitti brevi: istruzioni per la tassa dal 17 luglio

Immobili Nuove comunicazioni e pagamento imposta al 21% per gli operatori che mettono in contatto, anche tramite piattaforme online, proprietari di case con persone che cercano alloggio per affitti brevi: le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate sulla cosiddetta tassa Airbnb sono contenute nel provvedimento del 12 luglio 2017, e applicano la normativa inserita nell'articolo 4 del Dl 50/2017. => Affitti brevi, tassa Airbnb al 21% Sono tenuti ai nuovi adempimenti fiscali i soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare e coloro che gestiscono portali telematici che promuovo...

Locazioni brevi, i codici tributo per la tassa Ainrbnb

Casa affitto Prende il via il nuovo regime fiscale delle locazioni brevi stabilito con la manovra correttiva della Legge di Stabilità 2017 (D.L. 50/2017 convertito nella L. 96/2017) che prevede nuovi obblighi per i gestori dei portali web come Airbnb che consentono l’affitto di immobili, agenzie immobiliari o di intermediazione in termini di versamento della cedolare secca. => Affitti brevi, tassa Airbnb al 21% Adempimenti In particolare i gestori di tali portali e delle agenzie di intermediazione dovranno: comunicare all’Agenzia delle Entrate i contratti di affitto breve conclusi...

Detrazioni affitto: prima casa e residenza

Se una persona ha stipulato un contratto d'affitto nel 2015 ma ha cambiato residenza a febbraio 2016, questo affitto va dichiarato dalla data di cambio di residenza o per tutto l'anno?

Il contratto di locazione ad uso non abitativo

Locazioni Il contratto di locazione ad uso non abitativo, come suggerisce il nome stesso, è caratterizzato dalla messa a disposizione del conduttore un immobile urbani adibito ad uso diverso da quello di abitazione dietro pagamento di un corrispettivo da versare al locatore, determinato dalle parti. Per questa specifica tipologia di contratti di locazione è prevista una disciplina distinta da quella degli immobili ad uso abitativo. Nella casistica di contratti di locazione ad uso non abitativo rientrano tutti quelli che non hanno per oggetto un immobile utilizzato dal conduttore quale propria...

Affitti, nuovo modello RLI

Immobili Con il Provvedimento n. 112605/2017 l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo Modello RLI (Registrazione locazioni immobili), necessario per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili a uso abitativo, non abitativo, commerciale e i contratti di affitto dei terreni, per la comunicazione di eventuali proroghe/cessioni/risoluzioni/subentri, per esercitare o revocare l’opzione per il regime della cedolare secca e per trasmettere i dati catastali dell’immobile in affitto. Aggiornato anche il relativo software per l’invio telematico. =>  Affitti...

Cedolare secca su affitti online: regole fiscali per privati e aziende

Sono socia di un srl, titolare di due affittacamere a Roma. Le nostre strutture lavorano con Booking ed Airbnb, pagando le tasse (Ires, Irap...). Vorrei capire come cambierà la procedura nel nostro caso, essendo un'azienda, considerato che i portali saranno obbligati come sostituiti d'imposta a trattenere il 21% di quanto procacciato in termini di prenotazioni. Avverrà in sede di versamento delle imposte un conguaglio di quanto già trattenuto dal sostituto d'imposta?

Tassa Airbnb da giugno: le nuove regole

Airbnb La manovra correttiva della Legge di Stabilità 2017 (articolo 4 del DL 50/2017) ha introdotto novità anche in tema di tassazione per gli affitti brevi derivanti da chi offre per un limitato periodo una casa, un appartamento, o una stanza in locazione – come tipicamente avviene sul noto sito Airbnb - che verranno obbligati al versamento della cedolare secca con aliquota al 21%, come previsto dall’articolo 3 del Decreto Legislativo 23/2011.ù => Affitti brevi, tassa Airbnb al 21% Tassa Airbnb dal 1° giugno La cosiddetta tassa Airbnb – che però riguarda per tutti gli...

Affitti brevi: tasse e adempimenti

Sono proprietaria di un appartamento che affitto ai turisti per periodi non superiori a gg. 15, fino al 2016 non ero soggetta alla tassa di soggiorno ma dal 2017 ho letto che bisogna corrispondere al comune la tassa di soggiorno e compilare una SCIA: a quali adempimenti sono tenuta oltre a quello della Pubblica sicurezza che già svolgo regolarmente? Cordialmente.

Affitti brevi, tassa Airbnb al 21%

Airbnb Il fenomeno Airbnb aveva raggiunto dimensioni troppo ampie perché potesse sfuggire all'attenzione del Fisco. Con l'arrivo della cosiddetta manovrina, la manovra correttiva della Legge di Stabilità 2017, arrivano anche novità in tema di tassazione per gli affitti brevi derivanti da chi offre per un breve periodo una casa, un appartamento, o una stanza in locazione che verranno obbligati al versamento della cedolare secca. => DEF e manovra bis: misure per PMI e lavoro Nuovi controlli e procedure Anche se per i contratti di locazione di durata inferiore ai 30 giorni non è...

X
Se vuoi aggiornamenti su Locazioni

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy