Legge Di Stabilità

Turismo: un bonus digitalizzazione per attivare il Wi-Fi

Free Wi-Fi Tra le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 vi sono anche le nuove condizioni per accedere al bonus digitalizzazione previsto per gli esercizi ricettivi dall'art. 9 del DL n. 83/2014 (c.d. Decreto Cultura). => Strutture ricettive: gli incentivi del Decreto Cultura Credito d'imposta L'obiettivo dell'incentivo è di sostenere la competitività del settore del turismo, favorendo la digitalizzazione, la riqualificazione e l’accessibilità delle strutture ricettive. A tale scopo verrà concesso un credito d’imposta per i periodi di imposta 2015, 2016 e 2017, pari al 30%...

Stabilità 2015: congelati Canone RAI e IMU-TASI

Commissione Bilancio Niente rincaro del canone RAI né aumenti IMU-TASI previsti dalla Legge di Stabilità 2014, macchinari d'impresa esclusi dal calcolo della rendita catastale ai fini IMU, ravvedimento operoso più costoso in alcuni casi: sono i principali emendamenti del Governo (in tutto circa 60) alla Legge di Stabilità 2015 presentati in commissione Bilancio al Senato. Discussione in Aula a Palazzo Madama dal 16 dicembre. => Ddl Stabilità: confronta con il testo approvato alla Camera IMU e TASI La riforma delle tasse sulla casa - con l'introduzione di una Local Tax che sostituisca IMU e...

Regime dei Minimi: Partita IVA entro l’anno per il forfait al 5%

Professionisti Ancora poco tempo per aprire Partita IVA rientrando nel vecchio Regime dei Minimi, con l'aliquota sostitutiva al 5% prevista dal Regime fiscale di vantaggio per imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all'articolo 27, commi 1-2 del decreto legge 98/2011 (convertito con modifiche dalla legge 111/2011). Nel mese di dicembre 2014 sono numerosi i giovani professionisti che stanno accelerando le pratiche per aprire Partita IVA prima della fine dell'anno, assicurandosi così una tassazione al 5% per attività che abbiano un limite di ricavi pari a 30mila euro (opzione...

Stabilità 2015, dubbi e critiche sul TFR in busta paga

TFR Lavoratori dipendenti poco entusiasti per l'opzione TFR anticipato in busta paga, ancor più guardando alle ricadute negative sulla previdenza complementare, di pari passo con le nuove regole sui fondi pensione, liquidazione e all'aumento della tassazione della previdenza privata: se ne discute in Commissione Bilancio del Senato, in sede di analisi degli emendamenti alla Legge di Stabilità 2015. Anticipo TFR Secondo un sondaggio SWG, il 67% dei dipendenti non ha intenzione di chiedere l'anticipo, mentre il 16% è indeciso e solo il 17% pensa di farlo. Tra questi, il 45% non...

Regime dei Minimi 2015: calcolo del tetto sui beni strumentali

Beni strumentali La Legge di Stabilità 2015 ha riformato il Regime dei Minimi prevedendo tra i requisiti di accesso un nuovo tetto massimo di spesa per i beni strumentali, pari a non più di 20mila euro a chiusura esercizio. => Regime dei Minimi: i nuovi requisiti di accesso Regime forfetario Ricordiamo brevemente i nuovi requisiti di accesso al nuovo Regime dei Minimi: forfait agevolato al 15%, che sostituisce i precedenti dal primo gennaio (fermi restando i casi di periodo transitorio); ricavi o compensi nei limiti previsti dalla norma per la categoria a cui appartiene; spese non...

Stabilità 2015: dentro Pensioni, fuori Local Tax e Canone RAI

Senato Riflettori puntati sul capitolo Pensioni nei passaggi decisivi della Legge di Stabilità 2015, con la discussione delle modifiche in commissione Bilancio al Senato dall'11 dicembre: secondo il programma, la manovra approda in aula a Palazzo Madama entro il 16 dicembre, con via libera definitivo entro Natale, dopo essere tornata in terza lettura alla Camera (cosa certa, vista la pioggia di emendamenti). => Legge di Stabilità 2015: il testo attuale Misure da definire Più concreto il quadro degli emendamenti relativi alla novità in tema di pensione anticipata: riguardo alla...

Gli incentivi alle reti di impresa per il 2015

Reti di imprese La Legge di Stabilità 2015 introduce nuovi incentivi per le reti di imprese, in particolare per le aziende dei settori Manifattura sostenibile e Artigianato digitale che si uniscono con contratto di rete, in base ai commi 56 e 57 della Legge n. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014). Tra le novità dei nuovi fondi spicca il vincolo per l'ammissibilità, che impone alle aggregazioni di essere composte da almeno 15 individui, oltre all'ampliamento della platea dei beneficiari che prevede ora anche l'inclusione delle reti soggetto. => Contratto di rete tra imprese, ecco il modello...

Assunzioni agevolate: gli sgravi contributivi validi dal 2015

Assunzioni La Legge di Stabilità introduce sgravi contributivi per i datori di lavoro privati (escluso il settore agricolo) che assumono con contratto di lavoro a tempo indeterminato nel 2015. La normativa, tuttavia, prevede la soppressione di precedenti formule di assunzione agevolata, in particolare quelle previste dalla Legge 407/1990 per i disoccupati.Vediamo dunque nel dettaglio cosa prevede la nuova disciplina e che cosa invece cambia, anche rispetto agli incentivi previsti dalla Riforma del Lavoro Fornero (Legge 92/2012). => Dal 2015 stop incentivi per assunzione di apprendisti e...

Cartelle Equitalia inevase: salvi sotto 300 euro

Pagamenti Per le vecchie cartelle Equitalia di importo inferiore ai 300 euro arriva lo stop ai controlli. Questo significa che le cartelle Equitalia non riscosse entro il limite di 3 anni verranno cancellate automaticamente, a patto che il loro importo non superi i 300 euro. Vecchie cartelle Equitalia Si tratta di una delle novità introdotte dalla Camera, con un emendamento alla Legge di Stabilità, al nuovo “piano di gestione” degli arretrati di Equitalia. Il provvedimento, per ora passato sotto silenzio, riguarda il 70% dei debiti ancora non saldati a livello di riscossione locale (anche...

Conti pubblici: UE, niente manovra correttiva per l’Italia

Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia L'Europa mette in guardia l'Italia sui conti pubblici, che continuano a portarsi dietro il rischio di sforamento del rapporto Deficit/PIL, ma per ora non chiede manovre aggiuntive dopo la Legge di Stabilità 2015; come sottolinea il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, viene riconosciuta «l'importanza dello sforzo italiano sulle riforme», assicurando l'impegno a proseguire su questo fronte, ma sicuramente i conti italiani restano sorvegliati speciali, pur senza la spada di Damocle della procedura di infrazione: è questa la situazione dopo le valutazioni dell'Eurogruppo (i...

X
Se vuoi aggiornamenti su Conti pubblici: UE, niente manovra correttiva per l'Italia

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy