Lavoratori Autonomi

Imprenditori esclusi dall’APE Sociale

Nato il 24/07/1953, con quasi 30 anni di contributi da lavoro dipendente pensavo di avere diritto all'APE Social, ma al CAF mi dicono che non è possibile in quanto negli ultimi 5 anni - avendo  aperto Partita IVA poi chiusa nel 2016 - ero un autonomo, titolare di impresa commerciale. Eppure sono iscritto dal 25/01/2017 alle liste dei disoccupati.  

Usuranti, autonomi senza pensione

Sono nato a dicembre 1960, ho cominciato a lavorare ad agosto del 1976 come dipendente , da 20 anni sono artigiano e sono 35 anni che movimento carichi (strumenti di pesatura). Avendo problemi alla spalla ed essendo precoce e svolgendo un lavoro usurante posso usufruire di eventuali agevolazioni?  

Redditi lavoro autonomo: classifica per città

Professionisti Sulla base delle dichiarazioni dei redditi 2016 presentate dai lavoratori autonomi per l’anno di imposta 2015, la CGIA Mestre ha stilato un’interessante classifica dei professionisti meglio retribuiti in base alla collocazione geografica all’interno del Bel Paese, ma anche in base all'età. Interessante notare come per i più giovani vi sia stata una proletarizzazione della professione con un forte calo dei redditi per gli under 40. => Lavoro autonomo e smart working, legge approvata Dall’analisi è inoltre emerso che la città che offre ai lavoratori autonomi...

APE Sociale, domanda per Autonomi

Lavoro autonomo Teoricamente, gli autonomi non possono fare domanda di APE Sociale ma in pratica anche questi lavoratori hanno diritto all'indennità ponte,purché siano caregiver o disabili. Restano invece esclusi disoccupati e addetti a mansioni gravose. Il testo della legge non esplicita questa regola, che però emerge implicitamente dai documenti di prassi INPS: la circolare applicativa n.100 specifica che hanno diritto all'APE Sociale i lavoratori residenti in Italia iscritti a all'Assicurazione Generale Obbligatoria dei lavoratori dipendenti, alle forme sostitutive ed esclusive della...

Jobs Act Autonomi in vigore: cosa cambia

Professionista a partita IVA E’ entrato in vigore il 14 giugno 2017, a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 135/2017, il cosiddetto “Jobs Act Autonomi”, ovvero la Legge n. 81/2017 contenente “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato”. La legge si divide in tre Capi, rispettivamente dedicati alla tutela del lavoro autonomo (articoli 1-17), al lavoro agile o smart working (articoli 18-24), alle disposizioni finanziarie ed all’entrata in vigore della norma (articoli...

Rincari INPS per agricoli autonomi

Contributi agricoltura Sale la percentuale di contributi che i lavoratori agricoli autonomi devono versare all'INPS per la propria pensione futura. Ad annunciarlo è lo stesso INPS con la circolare n. 96/2017. Un rincaro che è effetto della Legge Fornero e al quale fa però da contraltare la possibilità, per gli agricoli autonomi che avviano l'attività nel corso del 2017 di godere di uno sgravio contributivo in misura piena per i primi tre anni. => Imprenditore agricolo: avvio, tasse e contributi  I contributi per la previdenza obbligatoria di coltivatori diretti, coloni, mezzadri ed imprenditori...

Autonomi, deduzione 100% vitto e alloggio

Lavoro autonomo Deduzione integrale per le spese di vitto e alloggio dei professionisti: è una delle novità contenute nel Jobs Act lavoro autonomo, che va a sostituire la precedente deduzione forfettaria a partire dal periodo d'imposta 2017. La nuova norma è contenuta nell'articolo 8 della legge, e va a modificare l'articolo 54 del Testo Unico Imposte sui Redditi.  Le spese di vitto e alloggio che il lavoratore autonomo sostiene nel corso dell'esecuzione di un incarico, addebitandole al committente, che fino a quest'anno erano deducibili al 75% (fino a un massimo del 2% dei compensi percepiti nel...

Autonomi in gestione separata, le nuove tutele

Maternità Il Jobs Act Autonomi è diventato legge e tra le novità ivi contenute anche quelle relative alle nuove tutele in tema di gravidanza, malattia e infortunio per le lavoratrici autonome iscritte alla Gestione Separata INPS, che ora vengono equiparate alle professioniste iscritte ad Albi sotto il profilo della tutela della maternità. => Bonus baby sitter per autonome Questo significa che anche le  autonome in gestione separata potranno godere dell'indennità di maternità nei due mesi antecedenti la data del parto e tre successivi, a prescindere dall'effettiva astensione...

Indennità di maternità e paternità autonomi

Paternità Il Jobs Act su lavoro autonomo e smart working ha esteso le tutele in tema di indennità di maternità e paternità. In generale, la nuova legge concede alle lavoratrici in gestione separata il diritto al trattamento di maternità anche se si sceglie di non astenersi dall'attività lavorativa, prolungando a sei mesi il congedo parentale utilizzabile fino al terzo anno di vita del figlio. In attesa dei documenti di prassi INPS, le indicazioni ancora valide da seguire sono quelle indicate nella Circolare n. 128/2016 , che chiarisce in particolare i requisiti per i padri lavoratori...

Maternità autonome: i nuovi requisiti

Maternità e lavoro Anche gli autonomi hanno diritto all’indennità di maternità/paternità durante i periodi di tutela della maternità/paternità. A chiarire i requisiti necessari in regime contributivo agevolato per le lavoratrici autonome (artigiane, commercianti, coltivatrici dirette, colone, mezzadre, imprenditrici agricole professionali, pescatrici autonome della piccola pesca marittima e delle acque interne iscritte alla gestione INPS di riferimento, in regola con il versamento dei contributi anche nei mesi compresi nel periodo di maternità) che devono presentare domanda è il Messaggio n....

X
Se vuoi aggiornamenti su Lavoratori autonomi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy