IUC

La nuova imposta introdotta nella Legge di Stabilità 2014 ingloba tasse e tributi dovuti in relazione alla casa (IMU) e alla produzione di rifiuti (ex Tia e Tarsu e TARES): in primis battezzata TRISE, nel maxi-emendamento del Governo approvato in Senato ha assunto la denominazione di IUC (Imposta Unica Comunale).

L'imposta è composta da più parti: l'imposta IMU sul possesso di immobili (escluse le prime abitazioni), la tariffa TARI sulla produzione di rifiuti e quella TASI, che copre i servizi comunali indivisibili (illuminazione..) con una quota anche a carico dei locatari. La IUC è dunque una Service Tax composita, che si paga sia rispetto al possesso di un immobile sia alla sua locazione, applicabile tanto ai proprietari quanto agli inquilini.

Tutti i dettagli, gli aggiornamenti e le scadenze della IUC.

TASI meno costosa dell’IMU: tasse a confronto

IMU In risposta alle numerose tesi che parlano della TASI come un salasso di proporzioni ben maggiori a quelle dell'IMU, il Dipartimento delle Finanze ha effettuato un'analisi che confronta le due tasse sugli immobili. Il risultato emerso è che la TASI sarà meno costosa dell'IMU. => Stangata TASI: nuova IMU senza detrazioni L'indagine ha preso i esame il gettito totale IMU-TASI 2014 nei 2.178 Comuni (su 8.000) che hanno deliberato l’aliquota TASI 2014 proiettato su base annua, confrontandoli con quello relativo all’IMU 2012, quando si pagava anche l’IMU sull’abitazione...

TASI al rush finale: metà Comuni senza delibera

TASI Il rientro dalle vacanze degli Italiani rischia di esser contrassegnato da un nuovo caos IMU-TASI: entro il 10 settembre i Comuni devono varare le delibere con le aliquote 2014 per permettere ai contribuenti di versare le tasse sulla casa (scadenza del 16 ottobre) ma, a due settimane dal termine, manca all'appello oltre la metà delle amministrazioni. Scorrendo la tabella del ministero delle Finanze, fra i capoluoghi di regione non si trovano ancora l'Aquila, Potenza, Catanzaro, Milano, Campobasso, Palermo, Perugia. In alcuni casi, come nel capoluogo lombardo, la delibera è in dirittura...

Stangata TASI: nuova IMU senza detrazioni

TASI Dopo l'IMU il nuovo salasso degli italiani si chiama TASI, una tassa che peserà sulle tasche dei contribuenti addirittura di più della precedente imposta sugli immobili. In media gli italiani dovranno pagare 231 euro l'anno di TASI che praticamente non prevede detrazioni, come invece avveniva con l'IMU. Questa differenza farà sì che 5 milioni di famiglie che prima erano esonerate dal balzello ora siano chiamate a versare il proprio contributo, anche in caso di immobili con basse rendite catastali. La metà delle famiglie che grazie alle detrazioni IMU non pagava alcuna imposta sugli...

Canoni di affitto: lo Stato aiuta i morosi

Affitto Il cosiddetto decreto IMU (decreto legge n. 102/13) ha previsto aiuti di Stato per gli affittuari che per motivi che esulano dalla propria volontà non siano riusciti a pagare il canone di affitto. La norma, attuata dal recente decreto del ministro delle infrastrutture e dei trasporti sulla «morosità incolpevole» pubblicato in G.U. n. 161 del 14 luglio 2014, prevede uno stanziamento di 20 milioni di euro per il 2014 e di ulteriori 20 milioni per il 2015. => Affitti in nero: stop alla denuncia del proprietario La richiesta dei contributi dovrà essere inoltrata al Comune. I...

IMU in ritardo: ravvedimento entro in scadenza

Dichiarazioni in ritardo Entro il 16 luglio è ancora possibile usufruire del ravvedimento operoso sull'acconto IMU 2014. I i proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su beni immobili per i quali è previsto il versamento dell'IMU che non avessero versato l'acconto entro il 16 giugno, dunque, potranno ancora rimediare e pagare quanto dovuto, più gli interessi al tasso legale dell'1% e della sanzione pari al 3%. Possibile regolarizzare la propria posizione anche nel caso in cui si sia versato l'acconto ma di importo insufficiente. => Calcola online l'importo dovuto con il ravvedimento...

TASI e IMU in ritardo: come pagare nei diversi Comuni

Imposte case: Tasi e Imu fra confusione e incertezze Ultimo giorno per pagare la TASI con la sanzione ridotta prevista dal ravvedimento sprint, dal 1° luglio scatta l'aliquota del 3%, ma attenzione: questo succede solo se il Comune del contribuente non ha stabilito un periodo cuscinetto senza sanzioni. TASI, IMU e sanzioni Sul tema il Ministero delle Finanze ha pubblicato un apposito provvedimento che, in considerazione delle difficoltà e dei tempi che hanno caratterizzato le regole per il pagamento dell'acconto IMU e TASI, consente di applicare lo Statuto del contribuente stabilendo un periodo senza sanzioni per entrambe le imposte. Ma...

TASI e IMU a Verona: importi e agevolazioni

TASI Il Consiglio Comunale di Verona ha deliberato in merito alle aliquote che determinato gli importi delle tasse locali, dalla TASI all’IMU passando per la TARI. Ammontano a 105 milioni di euro le risorse che confluiranno nelle casse comunali grazie al versamento di TASI e IMU, imposte che graveranno sulle tasche dei cittadini nonostante alcune agevolazioni stabilite dall’Amministrazione locale per andare incontro alle attività produttive. => TASI e IMU, niente sanzioni fino al 16 luglio TASI L’aliquota per la TASI è stata fissata al 2,5 per mille: le detrazioni saranno...

Acconto IMU 2014: guida e calcolo online

Calcolo IMU 2014 Il 16 giugno è l'ultimo giorno per pagare l’acconto IMU senza interessi di mora: l'imposta si applica agli immobili diversi dall'abitazione principale (seconde case, beni strumentali e case di lusso censite nelle categorie catastali A1, A8 e A9), mentre le prime case (per le categorie catastali dalla A2 alla A7) e le relative pertinenze (fino ad un massimo di tre, purché ciascuna di una diversa categoria catastale) dal 1° gennaio 2014 sono state esentate poiché soggette a TASI. È stata la Legge di Stabilità 2014 a rivoluzionare la tassazione sugli immobili, con...

Acconto TASI: ultimo giorno o dopo la scadenza

TASI Ultimo giorno per pagare l'acconto IMU e TASI senza maggiorazioni (il primo in tutta Italia, il secondo nei Comuni che hanno deliberato entro lo scorso 23 maggio) dopo il 16 giugno scatta l'obbligo di calcolare un'interesse di mora, almeno sull'IMU dal momento che il Governo ha annunciato mano leggera su ritardi ed errori TASI. Ecco dunque una sintesi delle regole da seguire. => TASI: niente sanzioni nè debiti d’imposta 1. Controllare sul sito del Ministero (qui) se il proprio Comune ha deliberato le aliquote IUC 2014 e se lo fatto in tempo utile (23 maggio):...

TASI: niente sanzioni nè debiti d’imposta

TASI Nessuna sanzione per chi pagherà in ritardo la TASI o commetterà errori di calcolo stando a quanto dichiarato dal sottosegretario all’economia Enrico Zanetti nel question time alla Camera. La motivazione risiede nella troppa incertezza che è stata generata dal caos delle mancate delibere dei Comuni. Negli ultimi tempi, proprio a causa dei dubbi su IMU e TASI le cui scadenze arrivano in concomitanza con le dichiarazioni dei debiti, il CAF si sono trovati in estrema difficoltà così come i contribuenti che chiedevano aiuto ai centri di assistenza fiscale e ai Comuni. => TASI-IMU,...

X
Se vuoi aggiornamenti su TASI: niente sanzioni nè debiti d'imposta

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy