INPDAP

L’INPDAP (Istituto Nazionale Previdenza Dipendenti Pubblica Amministrazione) - istituito come ente pubblico non economico con la Legge 537 del 24/12/1993 e successivo D. Lgs. 479 del 30/06/1994, con l’obiettivo di fondere in un unico organismo tutte le attività e responsabilità fino ad allora in carico a una serie di Enti minori, ognuno dei quali si occupava delle liquidazioni previste per il personale dipendente dello Stato (ENPAS), per i dipendenti degli enti locali (INADEL) e della liquidazione dell'assegno funerario al personale dipendente dagli enti di diritto pubblico (ENPDEP).

Oggi di fatto non esiste più, in quanto soppresso il 6 Dicembre 2011 con il Decreto Salva Italia dell’allora Governo Monti: le funzioni sono state trasferite all’INPS, principale organo di previdenza sociale.

Il passaggio di consegne è ancora parzialmente in atto e le strutture centrali e periferiche ex-INPDAP continuano a svolgere le attività legate ai compiti istituzionali di prima istituzione. Tuttora, quindi, l'INPDAP provvede e assolve ai seguenti compiti:

  • riceve i contributi previdenziali per praticamente la totalità dei dipendenti pubblici;
  • eroga le pensioni al personale quiescente;
  • eroga il trattamento di fine servizio (TFS) o, dal 2001, il trattamento di fine rapporto (TFR) ai dipendenti pubblici;
  • può concedere piccoli prestiti (fino a 8 mensilità), cessioni e mutui edilizi a tasso agevolato al personale iscritto all'Istituto;
  • fornisce servizi di carattere sociale ai propri iscritti, ai pensionati e figli degli iscritti che possono godere di borse di studio, master, case albergo e anche di vacanze studio.

Su PMI.it tutte le informazioni sul processo di trasferimento all'INPS e le modalità operative per l'accesso alle prestazioni e per la consultazione diretta e online - tramite rilascio o rinnovo PIN - del cedolino pensione, della posizione contributiva, del CUD e di altra modulistica fiscale inerente l'iscrizione alla gestione ex-INPDAP e di tutta la documentazione previdenziale e contributiva.

Pensioni e Legge di Stabilità: SOS slittamento e pagamenti

INPS adempimenti Il pagamento delle pensioni slitta al 10 del mese: la novità nella Legge di Stabilità ha provocato un immediato coro di polemiche da parte di sindacati e associazioni dei consumatori. Per rassicurare i pensionati, tuttavia, è giunto un chiarimento INPS: soltanto chi riceve doppia pensione INPS-INPDAP (800.000 pensionati) riceverà l'assegno a partire dal 10 del mese. Gli altri (15 milioni) riceveranno l'assegno INPS il primo del mese o l'assegno INPDAP il 16 del mese (come adesso). => Speciale Legge di Stabilità I sindacati dei pensionati (Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp) hanno...

Guida ASV: l’Assicurazione sociale vita ex-INPDAP

Servizi online INPS   L’Assicurazione Sociale Vita (ASV) garantisce un’indennità economica INPS in caso di decesso di iscritti e familiari a carico. Tutti i chiarimenti nella Circolare 104/2014 Iscrizione Obbligatoria per i dipendenti degli enti di diritto pubblico, dotati di personalità giuridica di diritto pubblico, ad eccezione di Amministrazioni dello Stato, Province, Comuni ed enti di assistenza e beneficenza, dipendenti degli Istituti di credito e assicurazione aventi natura di enti di diritto pubblico trasformatisi in Società per Azioni. Facoltativa o convenzionale per lavoratori di...

Pensioni: requisiti di accesso INPS per ex Enpals e Inpdap

Pensioni Guida completa ai requisiti di accesso alla pensione INPS per iscritti ex Enpals e Inpdap, in seguito all'adozione del regolamento di cui al DL n.201/2011 (Riforma Fornero): spedizionieri doganali, poligrafici, personale viaggiante del pubblico trasporto, dipendenti da aziende di navigazione aerea, marittimi, lavoratori dello spettacolo, sportivi professionisti e personale ENAV. Requisiti pensionistici 2014 Le condizioni  sono dettate dalla circolare n. 86 del 3 luglio 2014. Di seguito abbiamo sintetizzato tutti i requisiti per tipologia di lavoratore, consultabili cliccando sul...

Pensioni: cedolino INPS e INPDAP a consultazione online

Servizi telematici Per gli ex lavoratori in pensione che hanno difficoltà ad accedere al servizio online per la consultazione dei contributi previdenziali e del cedolino pensione, visibile per tutti sul sito web dell'INPS (dopo che in esso sono confluiti i servizi della gestione INPDAP ed ENPALS come previsto dalla Manovra Monti - Legge 22 dicembre 2011, n.214), perché rilevano incongruenze nella procedura di rilascio del PIN, in questo articolo forniamo una guida pratica per l'accesso ai servizi informativi di cui sopra e per ottenere il rilascio del PIN. Per segnalare problemi è possibile sempre...

INPS: PIN dispositivo per pratiche online

Inps online Il PIN dispositivo è lo strumento INPS istituito per garantire un accesso sicuro ai servizi digitali dell'Ente previdenziale. Si distingue dal comune PIN online in quanto, diversamente da quest'ultimo, non serve ad effettuare consultazioni ma a "disporre" di servizi, come ad esempio l'invio di domande per prestazioni (pensione, congedo e indennità di maternità anticipata e obbligatoria, di disoccupazione, di accompagnamento, assegni familiari...). => Guida alla richiesta del PIN L'ulteriore livello di sicurezza del PIN dispositivo rispetto a quello online è dunque legato al...

Pensioni INPS: simulazione online, anche per INPDAP

Pensioni Per sapere a quanto ammonterà la propria pensione una volta raggiunti i requisiti necessari per ottenere l’assegno previdenziale in base ai contributi versati basterà  utilizzare il calcolatore dell'INPS. Il simulatore online della pensione sarà disponibile direttamente su Internet. Dopo la Riforma delle Pensioni, infatti, il calcolo non è diventato certo banale e dipende da molti fattori, condizionate dalle nuove regole introdotte. => Calcola la pensione con sistema retributivo, contributivo o misto I lavoratori attivi iscritti all’INPS potranno conoscere in anticipo una...

Pensione INPS negata: contributi INPDAP spariti

Pensioni Ancora problemi per i pensionati: spariti i contributi INPS relativi agli anni Settanta e Ottanta di centinaia di lavoratori, relativi a prestazioni di insegnamento presso istituti scolastici. Di tali contributi previdenziali non c'è più traccia nei terminali dell'Istituto che ha pertanto negato l'assegno previdenziale a centinaia di docenti della provincia di Milano. In problema potrebbe essere molto più diffuso visto che i contribuenti si sono accorti della sparizione dei contributi versati solo perché, essendo prossimi alla pensione, si sono recati agli sportelli INPS per fare i...

Nuovo allarme pensioni: conti INPS in rosso

Mastrapasqua I conti dell'INPS sono in rosso, a lanciare l'allarme sulle pensioni italiane (confermando il rischio annunciato a fine 2012) è lo stesso presidente dell'INPS Antonio Mastrapasqua: «i nostri conti non danno tranquillità, il Governo rifletta e intervenga». Per questo Mastrapasqua, intervenuto in Commissione bicamerale di vigilanza sugli enti previdenziali, ha dichiarato che nei conti INPS mancherebbero circa 10 miliardi di contributi e per questo ha scritto ai ministri dell'Economia e del Lavoro, Fabrizio Saccomanni ed Enrico Giovannini, «invitando a fare un'attenta riflessione» sul...

Rateazioni debiti contributivi: il nuovo Regolamento

Niente agevolazioni 2013 per la piccola mobilità L’INPS ha pubblicato la circolare n.108 con i chiarimenti in merito al nuovo Regolamento di Disciplina delle Rateazioni dei debiti contributivi in fase amministrativa che, che, a decorrere dallasua data di pubblicazione (12 luglio 2013), è diventato l’unica fonte regolatrice della materia. =>Approfondisci la nuova rateazione dei debiti INPS Il Regolamento è stato approvato dal presidente INPS con le Determinazioni n. 229 del 14 dicembre 2012 e n. 113 del 9 maggio 2013 con l’obiettivo di unificare le norme in materia di INPS, INPDAP e ENPALS. =>Leggi come accedere...

Pensioni d’oro, ad agosto scatta la restituzione

Pensioni, scatti e novità del 2014 Per chi ha una pensione superiore ai 90mila euro lordi l'anno, l'assegno di agosto sarà più cospicuo, perché conterrà il rimborso delle somme pagate come contributo di solidarietà sulle pensioni d'oro relativo al 2013, e non conterrà ulteriori prelievi. Ad annunciarlo è stato l'INPS, ed è il risultato operativo della sentenza della Consulta dello scorso 5 giugno (numero 116/2013), che ha stabilito l'incostituzionalità del prelievo - stabilito con la prima finanzaria estiva 2011 e perfezionato poi dal Salva Italia di fine 2011 - decretando anche la restituzione delle relative...

X
Se vuoi aggiornamenti su Pensioni d'oro, ad agosto scatta la restituzione

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy