Gestione Rifiuti

SISTRI rinviato al 2017

Proroga Non trova pace il Sistema per la gestione ed il tracciamento dei rifiuti, meglio noto come SISTRI: con il Milleproroghe (D.L. 20 dicembre 2015, n. 210) approvato dal Consiglio dei Ministri n. 98 del 23 dicembre 2015 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 302/2015, arriva una nuova proroga fino al 2017 per la piena operatività del SISTRI. Il doppio binario fatto di vecchi adempimenti cartacei (formulari, registri e MUD) e SISTRI sarebbe dovuto terminare dal 2016, ma il Milleproroghe prevede ancora un anno di tempo per il pieno adeguamento del Sistema. Il motivo della proroga consiste...

Raccolta differenziata: bando Comuni 2016

Raccolta differenziata Comieco - Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica - e Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) lanciano anche per il 2016 il bando volto a favorire lo sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone nei Comuni che mostrano deficit di raccolta (meno di 30kg/ab con una popolazione fino a 100mila abitanti). => Classificazione rifiuti: le regole aggiornate Bando 2016 Grazie a un plafond di risorse pari a 3milioni di euro, Comieco e Anci concedono aiuti per acquisire attrezzature finalizzate a potenziare i sistemi di raccolta...

Gestione rifiuti speciali: servizi innovativi via web

Corriererifiuti.it Garantire trasparenza, tracciabilità, efficienza e costi ridotti nello smaltimento dei rifiuti speciali: questo è quanto si propone di ottenere Corriererifiuti.it, servizio online promosso da Lindbergh S.p.A. (finalista nell’ambito del Premio Innovazione Digitale di SMAU 2015). => Classificazione rifiuti: le regole aggiornate Corriererifiuti.it Corriererifiuti.it è una piattaforma virtuale che consente di gestire interamente online la procedura di ritiro e smaltimento dei rifiuti speciali, come spiega Marco Pomè, presidente di Lindbergh S.p.A.: «Corriere RifiutiTM è il...

Trasporto rifiuti: nuovo regolamento

Trasporto Rifiuti Continuano ad aggiornarsi le regolamentazioni sul trasporto dei rifiuti speciali, con nuovi obblighi per i trasportatori ed un rinnovato regime di controlli sistematici. In particolare sono coinvolti tutti i trasportatori in “conto proprio”, ovvero coloro che realizzano quantità molto limitate di rifiuti e successivamente trasportano gli stessi allo smaltimento senza ricorrere a professionisti terzi. La novità significativa è che mediante la circolare 29 maggio 2015 n. 437 il Comitato nazionale dell'Albo riporta con chiarezza la necessità di iscrizione all’Albo nazionale gestori...

Rifiuti ambientali: tariffa TIA senza IVA

Sentenza Cassazione Nuova sentenza della Corte di Cassazione sulla non assoggettabilità IVA della tassa riufiuti ambientali, nello specifico la TIA 2: è l'ennesima pronuncia in questo senso della magistratura, su una questione che si è aperta nel 2010, con un'interpretazione del Dipartimento delle Finanze (circolare 3DF/2010), secondo la quale la TIA non sarebbe un tributo e quindi dovrebbe essere assoggettata a IVA, applicata dall'Agenzia delle Entrate. Di diverso avviso la nuova sentenza, la n.4723/2015, che di fatto ribadisce la natura fiscale della tariffa rifiuti ambientali e quindi la non...

Classificazione rifiuti: le regole aggiornate

Rifiuti Entrerà in vigore il prossimo 18 febbraio la nuova procedura per la classificazione dei rifiuti. A partire da quel momento cambieranno le modalità di tenuta delle scritture ambientali (registri di carico/scarico, formulario di trasporto e schede telematiche SISTRI). Le novità in tema di classificazione dei rifiuti sono frutto delle nuove norme previste dal Dl Competitività (Dl 91/2014) e della Legge di conversione n.116 in vigore dal 21 agosto 2014, all'allegato D (elenco dei rifiuti) della Parte IV del Codice ambientale per l’attribuzione dei Codici europei ai rifiuti (Cer). =>...

Rifiuti imprese: guida ai modelli MUD

MUD Nel 2015 sarebbe dovuto sparire il MUD, per essere definitivamente sostituito dal SISTRI, invece anche quest'anno bisognerà presentarlo. Sul Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre 2014 è stato pubblicato il decreto che disciplina la presentazione del MUD per l'anno 2015, il nuovo modello unico di dichiarazione ambientale introduce tra le novità una descrizione più analitica su stato fisico e destinazione finale dei rifiuti. => SISTRI 2015: scadenze per contributo imprese Novità MUD 2015 Nel MUD 2015 viene introdotta l'indicazione da parte del produttore...

Tasse rifiuti: obbligo TARSU per imprese produttrici

Rifiuti Obbligatorio il versamento della TARSU anche per le imprese produttrici di rifiuti, anche se lo smaltimento avviene per via autonoma. Sottoporre a tassazione anche questo tipo di attività non è in contrasto con le norme comunitarie, a patto che l'imposizione sia proporzionata al costo della gestione dei rifiuti. => Tassa rifiuti: gli aumenti degli ultimi 4 anni Il caso È quanto stabilito dalla sesta sezione della Corte di Giustizia UE, pronunciandosi sulla causa C-551/2013, nella quale una società proprietaria di un complesso turistico nel Comune di Quartu S. Elena dichiarava di...

TARI: esenzione per imprese e rifiuti speciali

Rifiuti speciali Con la Risoluzione n.2/DF del 9 dicembre 2014 il Ministero dell’Economia e delle Finanze, facendo riferimento al comma 649 primo periodo della Legge di Stabilità 2014 (L. 147/2013), ha chiarito che sono esenti dal versamento TARI i magazzini e le aree produttive di rifiuti speciali. Più in particolare, i magazzini intermedi di produzione e quelli adibiti allo stoccaggio dei prodotti finiti non sono tassabili purché adibiti alla produzione di rifiuti speciali non assimilabili, in via continuativa e prevalente, tramite lavorazioni industriali o artigianali. E questo vale a prescindere...

RAEE e pannelli fotovoltaici: al via obbligo di marchio UE

Schermata del 2014-10-09 12:03:52 In vigore dal 9 ottobre il nuovo obbligo di etichettatura delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, compresi i pannelli fotovoltaici: dovranno recare un marchio che individua "in maniera inequivocabile il produttore delle AEE" , attestando che sono state immesse sul mercato dopo il 13 agosto 2005 tramite un simbolo ad hoc che ne semplifichi la raccolta differenziata. Il tutto, a pena di sanzioni da 200 a 1.000 euro. La norma è prevista dall'articolo 28 del Dlgs 49/2014, in attuazione della Direttiva Europea 2012/19/UE sui RAEE. => RAEE: tutti gli obblighi per le...

X
Se vuoi aggiornamenti su gestione rifiuti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy