Contratto A Progetto

Successore del co.co.co, il contratto a progetto è un tipo di contratto di collaborazione introdotto in Italia dal pacchetto Treu e successivamente modificato dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (la cosiddetta Legge Biagi). Su PMI.it tutte le informazioni, le novità 2014 dopo la Riforma Fornero e gli approfondimenti utili su questo tipo di contratto di lavoro para-subordinato: contenuti, compensi, mansioni previste, modalità di rescissione.

Cocopro: scadenza e istruzioni per la disoccupazione

Inps Ancora poche settimane per chiedere l'indennità di disoccupazione una tantum da parte dei cocopro: il termine, come ogni anno, è il 31 dicembre 2014. Chi matura il requisito di un mese di contributi nel corso di questo ultimo mese dell'anno, ha invece tempo fino al 31 gennaio 2015. Si tratta, con ogni probabilità, dell'ultimo anno in cui verrà versata questa indennità, visto che il Jobs Act approvato dal Parlamento estende ai cocopro l'ASpI, l'assicurazione per l'impiego, e comunque prevede il progressivo superamento di questa forma contrattuale. => Cocopro: addio dal 2015 alle...

Co.Co.Pro: addio dal 2015 alle collaborazioni a progetto

Contratto a progetto La Riforma Lavoro è legge, dopo l'approvazione definitiva del Senato. Tra le novità del Jobs Act, oltre ad articolo 18 e licenziamenti, ammortizzatori sociali, incentivi e politiche attive, ci sono anche quelle in tema di contratti: in sintesi la direzione delineata sembra essere quella del superamento delle collaborazioni coordinate e continuative. Uno degli obiettivi del Jobs Act è proprio quello di far diventare il contratto a tempo indeterminato diventi la “forma comune” di contratto, rendendolo la forma contrattuale economicamente più conveniente per le aziende, anche...

Lavoratori a progetto in pensione anche senza contributi

Pensioni I lavoratori a progetto con contratto co.co.pro hanno diritto alla pensione anche in assenza dei contributi versati dai datori di lavoro: a stabilirlo è il Tribunale di Bergamo, che ha esteso a questi parasubordinati il principio di automaticità delle prestazioni sancito dall'articolo 2116 c.c., precedentemente riservato esclusivamente ai dipendenti (sentenza n. 941/2013). => La collaborazione a progetto: diritti e regole Pensione negata La Sentenza si riferisce al caso di una lavoratrice assunta con contratto a progetto alla quale l’INPS aveva negato la possibilità di percepire...

Congedo parentale: Guida INPS per collaboratori e professionisti

Congedo parentale, circolare Inps per co co pro e autonomi Il congedo parentale è un diritto di cui possono godere anche i collaboratori a progetto ed i liberi professionisti iscritti alle gestioni separate, anche se con regole diverse da quelle dei dipendenti: misura dell'indennità e istruzioni per l'accesso al beneficio sono contenuti nella circolare INPS n.77 del 13 maggio 2013 in riferimento al congedo parentale facoltativo - da non confondere con la maternità (obbligatoria per le dipendenti -  e che comunque ha regole diverse anche per i parasubordinati. => Il congedo parentale: normativa e applicazione Il congedo parentale degli...

La collaborazione coordinata e continuativa

Contratto a progetto Il contratto a progetto rientra nell’alveo del lavoro autonomo, dal momento che si riferisce ad una prestazione lavorativa svolta senza vincolo di subordinazione, anche se continuativa e coordinata in quanto inserita nell’organizzazione del committente. La regolamentazione del contratto a progetto rivista dalla Riforma trova applicazione rispetto ai contratti di collaborazione stipulati dopo il 18 luglio 2012. =>Guida ai Contratti a Progetto La Legge Fornero esclude dalla disciplina sul lavoro a progetto alcune tipologie di lavoratori: agenti e rappresentanti di commercio,...

Lavoratori Parasubordinati, l’Osservatorio INPS

Contributi INPS Quasi due milioni di lavoratori in maggioranza under 40 ma con distribuzione equa per fasce di età: è la fotografia dei parasubordinati scattata dall'Osservatorio statistico INPS. Si tratta soprattutto di collaboratori (che possono avere rapporti con più di un'azienda), mentre è più bassa la quota di professionisti. Questi ultimi sono quasi 300mila, contro 1 milione e mezzo di collaboratori. => Mappa del lavoro autonomo: redditi e contributi INPS Parasubordinati in Italia Di tutti i collaboratori, la fetta principale (circa 192mila lavoratori) di parasubordinati è costituita...

Stop a false Partite IVA e abuso di contratti a progetto

Controlli Il Ministero dichiara guerra alle consulenze fittizie in azienda di Partite IVA e ai contratti di collaborazione che in realtà mascherano rapporti di lavoro subordinato: più controlli e un gruppo di lavoro per valutare ulteriori semplificazioni normative sui contratti a termine, oltre a quelle introdotte dal Decreto Lavoro - in vigore dal 20 marzo - che rendono per l'azienda meno "pericoloso" assumere: => Scarica il Decreto Lavoro, con le modifiche Come ricorda il Ministro del Lavoro Poletti, il ricorso a contratti a progetto o a Partita IVA è illegittimo se serve solo a evitare...

Disoccupazione CoCoPro: requisiti e domande INPS per il 2014

CoCoPro Il limite di reddito dei Co.Co.Pro. (Collaboratori Coordinati e continuativi a Progetto) che chiedono nel 2014 accesso all'indennità di disoccupazione prevista dalla Riforma del Lavoro è pari a 20.220 euro: la rivalutazione reddituale è contestuale alla pubblicazione dei modelli di domanda all'INPS con attestazione dei requisiti richiesti. Le istruzioni sono contenute nel Messaggio n.2999, in esecuzione di quanto previsto dall'articolo 2, commi 51-56, legge 92/2012, che istituisce il sussidio per questi precari iscritti alla Gestione Separata. =>Scarica il Modello CoCoPro per...

Le collaborazioni professionali a partita IVA

Partite IVA Tra le aree tematiche interessate dalla Riforma Fornero rientra, come noto, l’istituto del cosiddetto lavoro a progetto, disciplinato dagli artt. 61 e ss. del D.lgs n. 276/2003. In particolare, l’attenzione del legislatore si è focalizzata sull’esigenza di contenere il fenomeno dell’utilizzo distorto - in chiave elusiva - di rapporti formalmente qualificati come prestazioni di lavoro autonomo rese in forma libero professionale,  assoggettati al regime dell’IVA,  in luogo di contratti di collaborazione coordinata e continuativa nella modalità “a progetto”. L’obiettivo è...

Lavoro a progetto: nuovi limiti e obblighi del contratto

Contratto di lavoro Per stipulare un contratto di lavoro a progetto - dopo l'entrata in vigore del Decreto (n. 76/2013 convertito in Legge 99/2013 - è necessaria la forma scritta e l'indicazione di durata, corrispettivo, forme di coordinamento e misure di sicurezza; diversamente scatta la trasformazione della collaborazione in rapporto di lavoro a tempo indeterminato, anche se manca la connessione del progetto al conseguimento di un risultato finale (che non può consistere in una mera riproposizione dell'oggetto sociale dell'impresa committente né in compiti meramente ripetitivi). => Contratti di...

X
Se vuoi aggiornamenti su Lavoro a progetto: nuovi limiti e obblighi del contratto

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy