Beni Impresa

Rivalutazione beni d’impresa e partecipazioni

Società Con la circolare n. 14/E/2017 l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla disciplina della rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni per i soggetti non IAS/IFRS, con riferimento alle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2017 che ha riaperto i termini per la rivalutazione dei beni d’impresa posseduti e già risultanti dal bilancio 2015. => Beni ai soci, guida delle Entrate Soggetti ammessi ed esclusi Si tratta della rivalutazione dei beni d'impresa e delle partecipazioni alla quale possono accedere i soggetti che non adottano i principi...

Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo: nuove FAQ

FAQ Nuovi chiarimenti da parte dell'Agenzia delle Entrate in tema di credito di imposta con due Risoluzioni rispettivamente in tema di fruizione del beneficio per gli investimenti in progetti di Ricerca e Sviluppo e per l'acquisto di beni strumentali. Ricerca e Sviluppo Per quanto concerne la fruizione del la fruizione del credito d’imposta per R&S (articolo 3 del Dl 145/2013 e successive modifiche), la Risoluzione n. 32/2017 precisa che questo può essere fruito con riferimento alle spese sostenute per la realizzazione di progetti di Ricerca e Sviluppo commissionati nell’interesse...

Beni ai soci, agevolazione in scadenza

Scadenze In attesa di estensione in Legge di Stabilità dell'agevolazione per operazioni effettuate entro il 30 settembre 2017, scade il 30 novembre il termine per la prima rata dell'imposta all'8% per la cessione di beni ai soci. L'acconto è pari al 60% dell'imposta, sostitutiva di IRPEF, IRES e IRAP e riguarda le operazioni effettuate entro il 30 settembre 2016. => Beni ai soci, agevolazione bis nel 2017 L'agevolazione si applica a società (in nome collettivo, in accomandita semplice, a responsabilità limitata, per azioni e in accomandita per azioni) e imprenditori individuali con...

L’estromissione agevolata dell’immobile strumentale

Beni Immobili La Legge di Stabilità 2016 (comma 121, Legge n. 208/2015) fornisce agli imprenditori individuali la possibilità di estromettere gli immobili strumentali dal patrimonio dell’impresa pagando un’imposta sostitutiva dell'IRPEF e dell'IRAP dell’8%, calcolata sulla differenza tra il valore normale di tali beni ed il relativo valore fiscalmente riconosciuto. => Novità fiscali 2016 in Legge di Stabilità Immobili strumentali L'opzione può essere esercitata entro il 31 maggio 2016 da parte degli imprenditori individuali che risultino in possesso di beni immobili strumentali di cui...

Beni aziendali ai soci per uso privato: la corretta tassazione

Veicoli aziendali In tema di beni d'impresa a soci e familiari in godimento privato, facciamo il punto sul corretto trattamenti fiscale, per evitare che siano sottoposti a doppia imposizione. Il riferimento è la Circolare n. 36/E del 24 settembre 2012, che richiama quanto espresso nella Circolare n. 24/E del 15 giugno in merito alla legge 148/2011, sulla verificabilità degli elementi essenziali a determinare che esista un diverso provento imputabile al socio/familiare al quale è stato concesso in uso il bene aziendale. => Beni di impresa ai soci: la comunicazione al Fisco Godimento beni La...

Regime dei Minimi 2015: calcolo del tetto sui beni strumentali

Beni strumentali La Legge di Stabilità 2015 ha riformato il Regime dei Minimi prevedendo tra i requisiti di accesso un nuovo tetto massimo di spesa per i beni strumentali, pari a non più di 20mila euro a chiusura esercizio. => Regime dei Minimi: i nuovi requisiti di accesso Regime forfetario Ricordiamo brevemente i nuovi requisiti di accesso al nuovo Regime dei Minimi: forfait agevolato al 15%, che sostituisce i precedenti dal primo gennaio (fermi restando i casi di periodo transitorio); ricavi o compensi nei limiti previsti dalla norma per la categoria a cui appartiene; spese non...

Regime dei Minimi 2015, come calcolare il tetto sui beni

Fisco Non più 15mila euro su base triennale ma 20mila euro a chiusura esercizio: è il nuovo tetto massimo di spesa per i beni strumentali previsto dal Regime dei Minimi e inserito nella Legge di Stabilità 2015 (scarica il testo). La novità è solo una delle tante che interessano i requisiti di accesso al nuovo forfait agevolato al 15%, che sostituisce tutti i precedenti dal primo gennaio (fermi restando i casi di periodo transitorio). Per accedere al nuovo Regime dei Minimi il contribuente deve percepire ricavi o compensi nei limiti previsti dalla norma per la categoria a cui...

Beni di impresa ai soci: comunicazione entro ottobre

Beni ai soci Si avvicina la scadenza fiscale per la comunicazione relativa al 2013 dei beni aziendali concessi in uso a soci e familiari, prevista per fine ottobre. Entro la scadenza le imprese dovranno trasmettere l’elenco di beni in godimento a soci e familiari dell’imprenditore e la Comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni effettuati dai soci o familiari dell’imprenditore nei confronti dell’impresa. A modificare i termini per la presentazione dei dati relativi ai beni dell’impresa concessi in godimento ai soci/familiari, ovvero ai finanziamenti/capitalizzazioni...

Dl Competitività: i punti deboli del Bonus Investimenti

Investiment Il Bonus investimenti previsto dal Dl Competitività per agevolare l’acquisto di impianti e macchinari presenta dei punti deboli che potrebbero rendere il suo raggio d’azione troppo limitato. Sono infatti stati introdotti troppi vincoli e limitazioni, un meccanismo per accedere al credito d'imposta previsto piuttosto complicato. => Le principali misure del Decreto Competitività Bonus Investimenti Il Bonus Investimenti del nuovo Decreto Sviluppo, lo ricordiamo, consiste in un credito d’imposta (pari al 15% delle spese effettuate fino al 30 giugno 2015) concesso a tutte le...

Investimenti in beni strumentali: il nuovo credito d’imposta

Fisco Nel pacchetto per la competitività delle imprese contenuto nel Decreto Crescita approdato in Gazzetta Ufficiale (Dl 91/2014), spicca c'è anche un credito d'imposta del 15% per gli investimenti in beni strumentali, che si aggiunge al potenziamento dell'ACE (Aiuto alla Crescita Economica), al taglio in bolletta elettrica, alle misure per stimolare la quotazione in Borsa e ai finanziamenti alternativi a quello bancario. L'agevolazione è finanziata con il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, programmazione 2014-2020 per un totale 204 milioni di euro per il 2016, di 408 milioni per gli...

X
Se vuoi aggiornamenti su Beni impresa

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy