Aumento IVA

L’Aumento dell’IVA al 22% è scattato il primo ottobre 2013 e dovrebbe scattare ancora dal 2016. L'Esecutivo Letta non è riuscito allora ad abolire la gravosa scadenza istituita dal Governo Monti per far rientrare l’Italia nei parametri di deficit stabiliti dall’Unione Europea, e adesso il Governo Renzi ripropone la misura già prevista dal 2015, ma con slittamento di un anno e con estensione all'aliquota del 10%. L'aumento percentuale dell’aliquota IVA è uno dei provvedimenti volti a recuperare risorse finanziarie necessarie a rientrare nel 3% del rapporto Deficit / PIL stabilito dalla UE.

C’è tuttavia chi, tra economisti, studiosi e addetti ai lavori, valuta la misura antieconomica e non utile alle finalità per cui è stata creata. Questo, per effetto della contrazione dei consumi generata dall'immediato aumento del prezzo finale di beni e servizi.
Tutte le novità, i commenti ed i provvedimenti sull’Aumento IVA 22% e 10%.

Aliquote IVA, restano gli aumenti

IVA Diciamo subito che l'obiettivo è di evitare l'aumento IVA nel 2018 (la manovra bis lo ha dimezzato, senza però eliminarlo). Per dirla in parole semplici, con ogni probabilità non scatteranno le nuove aliquote IVA previste dalla manovra bis. Il blocco sarà probabilmente inserito nella Legge di Stabilità 2018. Il motivo per cui Governo e Parlamento non ci sono ancora riusciti è puramente di bilancio: si tratta di clausole che consentono ai conti pubblici italiani di rientrare nei parametri del Patto di Stabilità europeo, ma che poi non vengono applicate perché di volta in volta...

Manovra bis: testo e misure

Credito Rottamazione liti fiscali, split payment IVA, accise tabacchi, tagli ai Ministeri: sono le principali misure contenute nella Manovra bis da 3,4 miliardi, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 24 aprile 2017 e approvata dal Governo per evitare procedura di infrazione UE. Fra le altre norme: cedolare secca affitti brevi, stretta compensazioni fiscali, agevolazioni sisma. E ci sono anche novità in materia di anticipo pensionistico APe e sul DURC per chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle conclusa lo scorso 21 aprile. => DEF e Manovra bis: misure per PMI e...

Aumento IVA, stop in Legge di Stabilità 2018

Padoan Niente aumento IVA (al 25% e al 13) previsto dalle clausole di salvaguardia per il 2018: la prossima Legge di Bilancio (Stabilità 2018) escluderà lo scatto fiscale attuando misure alternative: lo ha dichiarato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, in audizione sul DEF (documento di economia e finanza) presso le commissioni riunite di Camera e Senato. L'aumento IVA viene da anni inserito in manovra finanziaria come clausola di salvaguardia e poi sterilizzato. => IVA, aumento rimandato al 2018 Per rispettare i patti di Bilancio europei bisogna prevedere meccanismi che...

Aumento IVA al 24%, richiesta dall’Europa

Aumento IVA Nonostante in Italia l'aliquota IVA sia già alta - attualmente quella ordinaria è al 22% e quella ridotta al 10% - la spada di Damocle continua a pendere sopra la testa del Paese e si continua a parlare di un aumento dell'Imposta sul Valore Aggiunto al 24% e al 13%. => IVA aumento rimandato al 2018 Un aumento richiesto da Bruxelles che poco piace agli Italiani, perché va ad incidere sulle spese quotidiane di tutti, creando così non pochi problemi a tutti gli attori economici, dal grande imprenditore al consumatore finale. La Commissione UE ha predisposto e inviato all'Italia una...

Padoan alla UE: niente manovra bis

Padoan Niente manovra bis, l'Italia farà ulteriori sforzi per aggiustare i conti pubblici inserendoli nel DEF di aprile, alcune misure potranno arrivare anche prima: per un quarto saranno tagli di spesa, per il resto maggiori entrate. I tagli saranno operati tramite riordino di agevolazioni fiscali, aumento accise, interventi IVA  (es.: reverse charge) ma senza aumento aliquote. Quanto alle maggiori entrate, si punta sulla lotta all'evasione, e sono queste le misure che il governo potrebbe decidere prima del Def. Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, risponde alla...

IVA aumento rimandato al 2018

IVA Il rischio di un aumento IVA è sempre dietro l'angolo, ma per il momento si può tirare un piccolo sospiro di sollievo: la possibilità di portare l'IVA al 25% è rimandata, per ora, al 2018. È quanto prevede la Legge di Stabilità 2017, blindata e approvata con voto di fiducia all’Aula del Senato, senza modifiche rispetto al testo uscito dalla Camera. Abrogato anche l'aumento delle accise previsto per il 2017. => Legge di Stabilità 2017: misure, novità e interventi Un voto di fiducia tecnico necessario per permettere al Capo del Governo, Matteo Renzi, di dimettersi e al Capo...

Meno scaglioni IRPEF e tagli fiscali 2017

Stabilita-2017 Riduzione aliquote IRPEF, tagli IRES per le imprese, stop aumento IVA e addio al bollo auto: tutte misure allo studio del Governo e da mettere in pratica entro fine anno, almeno secondo quanto annunciato dal premier Matteo Renzi in diretta streaming sui Social nel suo consueto #Matteorisponde. nella stessa occasione si è parlato anche di riforma pensioni e flessibilità in uscita, nel più vasto quadro del pacchetto fiscale. => Riforma pensioni: APE in Legge di Stabilità 2017 Partiamo dalle tasse: sfoltimento degli scaglioni IRPEF, che oggi sono cinque. Nei piani originari del...

Manovra correttiva contro aumento IVA

def 2016 Nei prossimi mesi il Governo definirà forse una manovra correttiva per evitare definitivamente l'aumento IVA, previste dalle clausole di salvaguardia nell'attuale scenario di bassa crescita, senza però attuare una stretta di bilancio: lo ha dichiarato il ministero dell'economia, Pier Carlo Padoan, illustrando il DEF in audizione in commissione Finanze di Camera e Senato. Il Ministro ha così risposto indirettamente ai rilievi mossi dalla Corte dei Conti, relativi alla difficoltà di evitare l'aumento IVA. => Aumento IVA inevitabile Si tratta di una novità di rilievo, visto che...

Aumento IVA inevitabile

Aumento IVA Nel Rapporto 2016 sul coordinamento di finanza pubblica, la Corte dei Conti suggerisce al Governo di valutare un aumento dell'IVA per finanziare le riduzioni delle aliquote IRES ed IRPEF, rispettando al contempo gli obiettivi di bilancio. Oltre all'intervento sull'IVA, che comunque sembra inevitabile, per trovare la copertura più adeguata, va ovviamente avviata una revisione delle spese fiscali. => IVA: nuovo aumento nel 2016 Aumento IVA L'intervento sull'IVA, secondo la Corte dei Conti: Si configurerebbe fra i meno distorsivi quanto ad impatto sull’economia; resterebbe...

Aumento IVA dal 2016: si rischia ancora

IVA Recentemente la Commissione UE ha respinto la richiesta italiana di deroga per estendere la Reverse Charge alla grande distribuzione, decisione che aveva fatto preannunciare un aumento delle accise su benzina e gasolio di una percentuale sufficiente a compensare l’ammanco. Ora, nel decreto sugli enti locali varato dal Consiglio dei Ministri, tale aumento viene rinviato di sei mesi. Più in particolare il provvedimento prevede che: “L'ultimo periodo dell'articolo 1, comma 632, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, si applica a decorrere dal 2016”. => Aumento IVA e tasse...

X
Se vuoi aggiornamenti su Aumento IVA

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy