Aumento IVA

L’Aumento dell’IVA al 22% è scattato il primo ottobre 2013 e dovrebbe scattare ancora dal 2016. L'Esecutivo Letta non è riuscito allora ad abolire la gravosa scadenza istituita dal Governo Monti per far rientrare l’Italia nei parametri di deficit stabiliti dall’Unione Europea, e adesso il Governo Renzi ripropone la misura già prevista dal 2015, ma con slittamento di un anno e con estensione all'aliquota del 10%. L'aumento percentuale dell’aliquota IVA è uno dei provvedimenti volti a recuperare risorse finanziarie necessarie a rientrare nel 3% del rapporto Deficit / PIL stabilito dalla UE.

C’è tuttavia chi, tra economisti, studiosi e addetti ai lavori, valuta la misura antieconomica e non utile alle finalità per cui è stata creata. Questo, per effetto della contrazione dei consumi generata dall'immediato aumento del prezzo finale di beni e servizi.
Tutte le novità, i commenti ed i provvedimenti sull’Aumento IVA 22% e 10%.

Meno scaglioni IRPEF e tagli fiscali nel 2017

IRPEF Riduzione aliquote IRPEF, tagli IRES per le imprese, stop aumento IVA e addio al bollo auto: tutte misure allo studio del Governo e da mettere in pratica entro fine anno, almeno secondo quanto annunciato dal premier Matteo Renzi in diretta streaming sui Social nel suo consueto #Matteorisponde. nella stessa occasione si è parlato anche di riforma pensioni e flessibilità in uscita, nel più vasto quadro del pacchetto fiscale. => Riforma pensioni: APE in Legge di Stabilità 2017 Partiamo dalle tasse: sfoltimento degli scaglioni IRPEF, che oggi sono cinque. Nei piani originari del...

Manovra correttiva contro aumento IVA

def 2016 Nei prossimi mesi il Governo definirà forse una manovra correttiva per evitare definitivamente l'aumento IVA, previste dalle clausole di salvaguardia nell'attuale scenario di bassa crescita, senza però attuare una stretta di bilancio: lo ha dichiarato il ministero dell'economia, Pier Carlo Padoan, illustrando il DEF in audizione in commissione Finanze di Camera e Senato. Il Ministro ha così risposto indirettamente ai rilievi mossi dalla Corte dei Conti, relativi alla difficoltà di evitare l'aumento IVA. => Aumento IVA inevitabile Si tratta di una novità di rilievo, visto che...

Aumento IVA inevitabile

Aumento IVA Nel Rapporto 2016 sul coordinamento di finanza pubblica, la Corte dei Conti suggerisce al Governo di valutare un aumento dell'IVA per finanziare le riduzioni delle aliquote IRES ed IRPEF, rispettando al contempo gli obiettivi di bilancio. Oltre all'intervento sull'IVA, che comunque sembra inevitabile, per trovare la copertura più adeguata, va ovviamente avviata una revisione delle spese fiscali. => IVA: nuovo aumento nel 2016 Aumento IVA L'intervento sull'IVA, secondo la Corte dei Conti: Si configurerebbe fra i meno distorsivi quanto ad impatto sull’economia; resterebbe...

Aumento IVA dal 2016: si rischia ancora

IVA Recentemente la Commissione UE ha respinto la richiesta italiana di deroga per estendere la Reverse Charge alla grande distribuzione, decisione che aveva fatto preannunciare un aumento delle accise su benzina e gasolio di una percentuale sufficiente a compensare l’ammanco. Ora, nel decreto sugli enti locali varato dal Consiglio dei Ministri, tale aumento viene rinviato di sei mesi. Più in particolare il provvedimento prevede che: “L'ultimo periodo dell'articolo 1, comma 632, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, si applica a decorrere dal 2016”. => Aumento IVA e tasse...

DEF 2015, addio clausola di aumento IVA

cdm def Il 2015 si conferma come l'anno del ritorno alla crescita secondo le stime del Governo, che presentando il DEF 2015 annuncia l'eliminazione di tutte le clausole di salvaguardia, come l'aumento IVA, che quindi viene scongiurato: il Consiglio dei Ministri del 7 aprile ha iniziato iniziato l'esame del DEF 2015, il Documento di Economia e Finanza la cui approvazione da parte del Governo è prevista entro il 10 aprile, quindi entro la fine di questa settimana. => Imprese, crisi e investimenti: il rapporto MET 2015 Innanzitutto, i numeri: il PIL 2015 è visto in crescita dello 0,7%, un...

Aumento IVA nella Manovra Finanziaria 2015

IIVA Se nel 2015  le misure della Legge di Stabilità non garantiranno i saldi di bilancio previsti assicurando il pareggio entro il 2017, scatterà un forte aumento IVA: l'aliquota al 10% rischia di arrivare al 13% nel 2017 mentre quella al 22% potrebbe salire al 25,5% entro il 2018. Lo prevede la clausola di salvaguardia introdotta nella manovra economica definitivamente approvata, attesa alla firma del capo dello Stato per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.  La clausola diventa operativa solo al verificarsi di determinate condizioni - che Governo e Parlamento si impegnano ad evitare...

Tasse in Italia: la classifica delle imposte al Fisco

Tasse Italia ancora tristemente ai vertici delle classifiche sulla pressione fiscale più alta in Europa e nel mondo. Negli anni i Governi hanno tentato di ridurre le tasse, ma senza troppo successo: secondo le ultime rilevazioni OCSE ci collochiamo al quinto posto tra i Paesi con la pressione fiscale più alta al mondo. Il rapporto ha confrontato il sistema di riscossione dei tributi nelle principali economie del mondo, valutando il peso delle tasse per i contribuenti. Vediamo in dettaglio numeri e trend. => Legge Stabilità 2015: taglio tasse alle imprese Pressione fiscale Nel 2013...

Legge di Stabilità senza crescita: aumento IVA e nuova manovra

Junker vs Renzi Quasi nulle le nuove stime di crescita avanzate da Commissione UE, Bankitalia, Corte dei Conti e ISTAT sulla Legge di Stabilità: la promozione con riserva resta, ma anche il monito all'Italia, pericolosamente sul limitare della soglia consentita deficit/PIL. Il premier Renzi difende la manovra («pretendo il rispetto che il Paese merita») - a cui risponde il Commissario UE Juncker («non sono il capo di una banda di burocrati", se così fosse "il giudizio sul bilancio italiano sarebbe molto diverso») - ma di fondo sono tutti d'accordo su un punto: evitare che scatti la clausola...

Aumento IVA e tasse nascoste nella Legge di Stabilità

Tasse La clausola di salvaguardia confermata nella Legge di Stabilità 2015 (con slittamento di un anno) prevede un aumento IVA per le aliquote 10% e 22% in assenza di nuovi interventi di Spending Review. In realtà, nel Ddl di Stabilità sono "nascoste" anche altre tasse, che comporteranno un aggravio d'imposta per i contribuenti italiani e ovviamente  maggiori entrate per lo Stato. La misura è contenuta nell'articolo 45 della Legge (ulteriori misure di copertura): => Leggi la clausola nel testo della Legge di Stabilità 2015 Aumento IVA aliquota IVA 10% aumento di due punti nel...

IVA: aumento aliquote e nuove regole nel Ddl Stabilità

leggestabilità Il lavoro di limatura sulla Legge di Stabilità si è allungato oltre il previsto, ma il testo è approdato al Quirinale oggi, 21 ottobre, per la firma del presidente della Repubblica: tra i punti su cui hanno maggiormente lavorato i tecnici dell'Economia, spiccano la clausola di salvaguardia sull'aumento IVA, il bonus bebè da 80 euro per tre anni  ai nuovi nati nelle famiglie con reddito massimo di 90mila euro e con uno o due figli (confermato dal Ministro Lorenzin, che ha specificato l'esenzione dal tetto dal terzo figlio), le proteste delle regioni sui tagli da Spending Review e...

X
Se vuoi aggiornamenti su Aumento IVA

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy