Malattia Lavoratori

Assenze per malattia: differenze pubblico e privato

Malattia Ancora una volta l'analisi dei dati dell’INPS confermano l'esistenza di differenze nel settore pubblico e privato dal punto di vista delle assenze per motivi di salute, un gap che è stato recentemente riportato sotto i riflettori con la proposta del presidente INPS, Tito Boeri, di modificare la reperibilità in caso di malattia, ovvero le fasce orarie per le visite fiscali, rendendo tutti i lavoratori pubblici e privati reperibili per almeno 7 ore al giorno (oggi 4 ore per i privati e 7 per i pubblici). => Confronta con i  precedenti dati sulle assenze per malattia I numeri,...

Orari visite fiscali, proposta Boeri

Visite Fiscali Il presidente dell'INPS, Tito Boeri, lancia una nuova proposta per modificare la reperibilità in caso di malattia, ovvero le fasce orarie per le visite fiscali, nel pubblico e nel privato. Fondamentalmente si tratta di rendere uniformi le regole per i lavoratori nel settore pubblico e in quello privato, rendendo le fasce orarie per le visite fiscali di almeno 7 ore al giorno. Per Boeri, che ha illustrato la propria proposta in occasione di un convegno alla Camera: «Non ha senso che ci siano differenze fra pubblico e privato». Oggi invece questa differenza esiste, tanto che nel...

Visite fiscali in malattia, nuovi orari nel pubblico e privato

Malattia Nuovi orari per le visite fiscali dei lavoratori in malattia del pubblico e del privato: per tutti ispezioni INPS e non più ASL (polo unico), verifiche mirate e, oltre alle fasce orarie di reperibilità, nuove  regole anche per i controlli dei medici ispettori, che potranno effettuare più visite per la stessa assenza. Sono le linee guida del decreto sui correttivi alla Riforma della Pubblica Amministrazione (legge 124/2015), atteso entro metà febbraio: con il provvedimento, il Governo recepisce la sentenza della Corte Costituzionale 251/2016, che ha bocciato i precedenti decreti...

Assenze malattia: retribuzione ricoveri

In caso di assenza dal lavoro per effettuare esami diagnostici di pre-ospedalizzazione in vista di un intervento chirurgico, ai fini della retribuzione quel giorno sarà considerato di malattia, con conseguente decurtazione dallo stipendio, o di day hospital?

Visite fiscali malattia, sì al licenziamento

Malattia È legittimo il licenziamento per giusta causa del dipendente che risulti ripetutamente assente alle visite fiscali di controllo nonostante l’effettività della malattia. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 64/2017. Nel caso in esame, la Corte di Cassazione ha definito legittimo il licenziamento del dipendente risultato assente per tre volte alle visite fiscali per malattia nel corso di due mesi senza aver comunicato preventivamente l’assenza dal domicilio. Il provvedimento espulsivo è stato definito valido dai giudici supremi nonostante un sanitario...

Apprendista in malattia: comporto, retribuzione e contratto

Vorrei un chiarimento sull'assenza in malattia - a partire dallo scorso 11 luglio - di un dipendente apprendista (CCNL panificatori artigiani), in termini di comporto e trattamento economico. Nel caso la malattia si protragga oltre il 2016, la ditta deve conteggiare e retribuire i 180 giorni di malattia?

Comporto e licenziamento: la tempistica corretta

Periodo di comporto e licenziamento Per periodo di comporto si intende l’arco temporale in cui, in caso di malattia, il lavoratore ha diritto di conservare il posto di lavoro, ovvero non può essere licenziato se non per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o per cessazione totale dell’attività di impresa. Il licenziamento è ammesso scaduta la finestra temporale prevista dalla legge o dai CCNL, a meno che lo stato di malattia non dipenda dalla violazione di misure di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. => Le regole per dimissioni e licenziamenti Rinuncia al licenziamento Il datore di lavoro...

Secondo lavoro compatibile con assenza per malattia

Malattia La Corte di Cassazione conferma: l'assenza per malattia non compromette la possibilità di svolgere un secondo lavoro presso terzi, purché si possa dimostrare che questo è compatibile con lo stato di malattia e che non comprometta la guarigione, ovvero non ritardi il suo reinserimento nell’attività lavorativa principale (provocando un danno al datore di lavoro). La sentenza n. 15989/2016 si pone in linea con precedenti pronunce della stessa Corte, ad esempio la n. 23365/2013 con la quale era stato definito illegittimo il licenziamento di un lavoratore che, posto in malattia, aveva...

Certificati di malattia: doppio adempimento

Malattia A verificare l'invio del certificato di malattia deve essere anche il lavoratore, un doppio adempimento dunque: avvisare tempestivamente il datore di lavoro della propria assenza, obbligo previsto da contratto; verificare che la procedura telematica di trasmissione del certificato di malattia, da parte del medico curante, all’INPS sia avvenuta correttamente, anche richiedendo il numero di protocollo telematico identificativo del certificato di malattia. => Orari malattia per visite fiscali: quali sono Non è sufficiente, quindi, richiedere al medico il certificato. A...

Reperibilità in malattia: pubblico vs. privato

Sono un lavoratore del pubblico impiego prossimo alla pensione (2 ott.16) ed ho riconosciuta una riduzione della capacità lavorativa con invalidità del 55%. La circolare Inps dello scorso Giugno parla di esenzione dagli orari di reperibilità durante la malattia per invalidità civile pari o superiore al 67%. Questa norma vale solo per il lavoratore del privato? Per il pubblico resta la norma del 2009 (stati patologici connessi all'invalidità riconosciuta)?

X
Se vuoi aggiornamenti su Malattia lavoratori

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy