Malattia Lavoratori

Comporto e licenziamento: la tempistica corretta

Periodo di comporto e licenziamento Per periodo di comporto si intende l’arco temporale in cui, in caso di malattia, il lavoratore ha diritto di conservare il posto di lavoro, ovvero non può essere licenziato se non per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o per cessazione totale dell’attività di impresa. Il licenziamento è ammesso scaduta la finestra temporale prevista dalla legge o dai CCNL, a meno che lo stato di malattia non dipenda dalla violazione di misure di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. => Le regole per dimissioni e licenziamenti Rinuncia al licenziamento Il datore di lavoro...

Comunicazione infortuni INAIL

Malattia Con la circolare n. 42/2017 l’INAIL ha fornito istruzioni sulla Comunicazione di Infortunio a fini statistici e informativi ricordando chi è obbligato all’adempimento entrato in vigore il 12 ottobre 2017 (art. 3, co. 3-bis d.l. 244/2016 convertito con modificazioni dalla l. 19/2017) e quali sono le sanzioni in caso di inadempienza. La comunicazione di infortunio all’INAIL è un adempimento che deve essere assolto da tutti i datori di lavoro, compresi i datori di lavoro privati di lavoratori assicurati presso altri enti o con polizze private e i loro intermediari, poiché...

Autonomi in malattia, nuovo sussidio INPS

Malattia Elenco patologie con diritto all'indennità di degenza ospedaliera, documentazione medica da presentare e adempimenti: l'INPS chiarisce le procedure per i lavoratori autonomi che, colpiti da malattie gravi, hanno diritto ad assimilare il periodo di malattia alla degenza ospedaliera, con conseguente trattamento diverso. Le precisazioni sono contenute nella circolare INPS 139/2017, che fornisce indicazioni sull'applicazione dell’articolo 8, comma 10, legge 81/2017 (Jobs Act Autonomi), in base alla quale, con riferimento ai lavoratori autonomi, sono equiparati alla degenza...

Niente NASpI in caso di malattia o infortunio

Malattia I titolari di indennità di disoccupazione NASpI sono obbligati a comunicare all’INPS il sopraggiungere di eventi che possano influire sul pagamento della disoccupazione, come malattia e il ricovero in ospedale, utilizzando il modello di comunicazione NASpI Com. => NASpI 2017: novità e approfondimenti  In passato, con riferimento alla vecchia indennità di disoccupazione, l’INPS aveva infatti chiarito che l’indennità non è dovuta nel periodo in cui il disoccupato si trovi in malattia, se questa è indennizzata dall’Istituto stesso, oppure se è ricoverato in un ospedale,...

Visite fiscali: cosa è cambiato

Sono una dipendente pubblica. Vorrei sapere se dal primo settembre, in base alla nuova normativa, le fasce orarie di reperibilità sono state cambiate o sono rimaste tali, ovvero 9-13 e 15-18.

Permessi e visite fiscali per malattia dei figli

Maternità Oltre che per malattia propria i lavoratori possono chiedere permessi per l'astensione facoltativa dal lavoro anche a causa della malattia del figlio o la figlia. Tale diritto spetta alla madre lavoratrice o al padre lavoratore, anche adottivi, purché dipendenti, per ogni evento di malattia di ciascun figlio fino al compimento dei 3 anni e per 5 giorni lavorativi l'anno per il figlio tra i 3 agli 8 anni. => Permessi di lavoro retribuiti per assistenza e malattia Per malattia del bambino si intende (circolare n. 79/76 del Ministero del Lavoro) la "modificazione peggiorativa dello...

Visite Mediche Fiscali INPS, come accreditarsi

Visite_Mediche Nuove modalità di richiesta di accreditamento dei datori di lavoro pubblici al Polo Unico delle visite mediche fiscali, che si aggiungono a quelle precedentemente comunicate dall'INPS, e chiarimenti sulla corretta compilazione della modulistica. L'INPS emette un nuovo messaggio (3685/2017) che introduce novità procedurali con l'obiettivo di semplificare le operazioni per disporre le visite fiscali ai dipendenti in malattia - su richiesta dei datori di lavoro pubblici e privati o d’ufficio. - dopo che dallo scorso primo settembre è ufficialmente entrata in vigore la Riforma che...

Comporto, licenziamento e risarcimenti

Sono stato licenziato per superamento del periodo di comporto (autista di autobus in azienda trasporti). Dietro visita SPRESAL mi è stata diagnosticata un'apnea notturna con ripercussioni durante i turni. Dopo 5 mesi di accertata non idoneità al lavoro, durante i quali ho chiesto invano un cambio di mansioni, alla ripresa mi sono stati assegnati turni fissi di 13 ore (6 ore e 30 minuti di guida, il resto di sosta). So che il licenziamento è legittimo ma mi spetta un risarcimento data l'assunzione nel 2009 con contratto a tempo indeterminato?

Il certificato di malattia cartaceo è possibile

Malattia Con il Messaggio n. 3459/2017, l’INPS torna sull’obbligo dei medici di fornire certificati di malattia attestanti la temporanea incapacità lavorativa redatti per via telematica, precisando gli unici casi particolari in cui può essere accettato anche un eventuale certificato di malattia redatto in modalità cartacea. Il certificato medico cartaceo è ammesso solo a fronte di motivazioni di tipo tecnico e/o procedurale che non rendono possibile la trasmissione elettronica della certificazione. => Certificati malattia, regole sul lavoro In caso di certificati e attestati di...

Visite fiscali per malattia anche nei festivi

Visite Fiscali Giro di vite in materia di controlli fiscali ai lavoratori in malattia: le visite mediche potranno anche ripetersi più volte nella stessa giornata purchè all'interno delle fasce di reperibilità e più volte nell'arco di un'assenza dal lavoro per motivi si salute. Sono alcune delle novità che hanno accompagnato la nascita del Polo Unico INPS per le visite mediche fiscali, da settembre al via, con l'obiettivo finale di armonizzare le regole per il pubblico impiego e per i dipendenti del privato. => Visite mediche di controllo, servizio INPS al via Ricordiamo che le fasce orarie...

X
Se vuoi aggiornamenti su Malattia lavoratori

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy