Retail: l’innovazione nell’esperienza d’acquisto

L'innovativo progetto di Tailoradio e Sopra Steria che con il ricorso alle tecnologie abilitanti offre una nuova esperienza d'acquisto ai clienti garantendone soddisfazione e fidelizzazione.

Sopra Steria e Tailoradio danno il via ad un nuovo modo di intendere l’esperienza d’acquisto, caratterizzata da multisensorialità e personalizzazione: il progetto che innova il customer journey grazie all’utilizzo di tecnologie abilitanti si chiama “The Infinite Shopping Experience” ed è stato presentato dalle due aziende al Forum Retail, uno degli appuntamenti più importanti nel mondo delle soluzioni per il Retail che si tiene presso l’ATA Hotel Expo Fiera il 30 novembre e 1 dicembre.

=> Sicurezza nel retail: quanto costano furti e rapine

L’obiettivo delle due aziende è di rendere possibile un’esperienza d’acquisto più efficace in cui il cliente ha una relazione continua, dinamica e fluida con il brand attraverso la creazione di percorsi immersivi, strumenti di comunicazione e interazione innovativi e adattabili, che portano ad una migliore conoscenza di ciò che cliente desidera e necessita, aumentandone la fidelizzazione.

Un doppio vantaggio per retailer e cliente, che viene seguito in maniera coinvolgente sia all’interno degli store fisici che nell’interazione con il brand online, mentre il retailer riesce a rispondere in maniera efficace all’aumento delle aspettative nei confronti del brand da parte dei consumatori.  Quattro le fasi chiave della relazione con il cliente individuate dai due partner:

  • Accoglienza, quando avviene il primo contatto fisico tra cliente e punto vendita, che viene riconosciuto e attratto. Il progetto “The Infinite Shopping Experience” prevede display all’ingresso dotati di una camera per il riconoscimento facciale che analizza genere, età e stato emotivo dell’utente. Il software videoMood di Tailoradio per la gestione del Digital Signage consente così di veicolare dinamicamente i contenuti più adatti al singolo cliente in base alle caratteristiche memorizzate. Altre videocamere poste sopra la soglia d’ingresso, rilevano invece la pedonabilità fronte negozio e gli accessi dei clienti dello store, elaborando statistiche di accesi e attrattiva dei Punti Vendita;
  • Misurazione, prevede l’impiego combinato di sistemi di Face Recognition, People Counting e Heatmap. Si tratta di rendere immediatamente interpretabili i dati raccolti sulla base dell’interpretazione dei KPI (Key Performance Indicators) utili per poter valutare le prestazioni del punto vendita ed effettuare modifiche istantanee dei contenuti video o di interazione In Store;
  • Esperienza: coniuga intrattenimento multimediale e multisensoriale In Store per rendere più piacevole l’esperienza d’acquisto adattandosi ai visitatori riconosciuti e analizzati durante le fasi precedenti. In questa fase Digital Signage e Radio In Store personalizzata per la specifica audience si combinano con l’interattività di radioMOOD Consolle, il nuovo sistema di gestione per i contenuti audio In Store, presentato in anteprima: il display touchscreen da 10” visualizza tutte le informazioni del brano in onda e permette di intervenire sulla rotazione, ad esempio facendo skip o mettendo like a un brano. Ma la vera innovazione risiede nell’esclusiva funzione Biometrical DJ permette una gestione istantanea dei brani sul target prevalente identificato in negozio, per un’affinità massima di progetto sonoro e target.  Al centro del progetto un espositore Smart dotato di sistemi di prossimità che attivano e adattano tutti i media del negozio: video correlati al prodotto toccato dal cliente appaiono sul megaschermo da 84 pollici, illuminazione a led colora le pareti del negozio e vengono diffuse fragranze ad hoc. L’azione del Cliente attiva inoltre l’inizio di una comunicazione al tablet degli addetti vendita per garantire un’assistenza impeccabile durante gli acquisti. A tutto questo si aggiunge la “Vetrina Google” dotata di sensore Kinect, e dalla Realtà Aumentata degli Hololens, che consentono di accedere agli infiniti scenari proposti all’interno del negozio;
  • Fidelizzazione è il risultato dell’interazione personalizzata con il brand, la profilazione, l’offerta di servizi mirati in modalità self con personal assistant virtuali o addetti alla vendita nei negozi fisici e di un’attenzione alle esigenze del cliente frutto della vista a 360° (CRM) si arricchisce non solo del profilo “online” e “transazionale in cassa”, ma anche dei comportamenti e dei fenomeni che avvengono nel negozio fisico.

Massimo Petrella, Presidente e CEO di Tailoradio, spiega:

“Rendere infinita l’esperienza d’acquisto parte della conoscenza del cliente, rispettando il suo punto di ingresso con il marchio, fisico o virtuale che sia. Il nostro ruolo, come In Store Solution Provider, è fornire tecnologie abilitanti e competenze profonde nella comunicazione, misurazione e interazione nei punti vendita, integrabili con le migliori pratiche on-line e gestionali offerte da partner come Sopra Steria”.

=> Strategie di marketing per artigiani e commercianti 

Enrico Cantoni, Direttore Business Unit Retail e Fashion di Sopra Steria, aggiunge:

 “La sfida dei retailer è quella di fornire una shopping experience differenziante e di valore che, partendo dalla centralità del cliente, sfrutti appieno il nuovo ruolo del negozio fisico. Lo store diventa il punto più rappresentativo del customer journey, dove il brand può esprimere tutti i suoi valori di comunicazione e i suoi servizi di eccellenza. L’evoluzione non può non coinvolgere anche il ruolo degli addetti alla vendita. Attori del processo che possono oggi contare su una serie di nuovi strumenti in grado di fornire con sempre maggior dettaglio un profilo real time e contestualizzato dei clienti, oltre ad avere l’esatta conoscenza dei prodotti disponibili su ogni nodo della rete del retailer”.

Fonte: Tailoradio.

X
Se vuoi aggiornamenti su Retail: l'innovazione nell'esperienza d'acquisto

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy