Contabilità: giro di vite sulle violazioni

La Corte di Cassazione ha stabilito che il reato di occultamento e distruzione dei documenti si configura anche se la ricostruzione del reddito o del volume di affari sia possibile solo per vie indirette

Le aziende che tentassero di evadere le imposte sui redditi o l’IVA occultando anche in parte scritture o documenti contabili – di cui è obbligatoria la conservazione – per rendere impossibile la ricostruzione dei redditi o del volume d’affari, saranno punibili con la reclusione da sei mesi a cinque anni.

Con la sentenza n. 37592 del 2008, la Corte di Cassazione ha infatti stabilito che il reato di occultamento e distruzione dei documenti contabili – obbligatori da parte di una società – si configura anche qualora il contribuente si trovi in una condizione di impossibilità di ricostruire il reddito imponibile.

Dunque per la configurabilità del reato previsto dall’articolo 10 del Dlgs 74/2000 la ricostruzione del reddito o del volume di affari può avvenire anche in via indiretta, facendo ricorso ad elementi e riscontri incrociati extra-contabili come acquisiti presso terzi.

Una semplice verifica dei rapporti con soggetti economici cui si riferiscono quali clienti e fornitori è sufficiente per risalire al reale reddito di un’azienda che avesse tentato di occultarne i reali volumi occultando o distruggendo i documenti contabili.

X
Se vuoi aggiornamenti su Contabilità: giro di vite sulle violazioni

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy