Recruting: illegale riferirsi a contenuti web extra-CV

Cercare informazioni aggiuntive su un candidato che si propone per un impiego, spulciando nei suoi siti privati, potrebbe costituire violazione della privacy

Inviare un curriculum multimediale ad un’azienda quando si risponde ad un annuncio di lavoro è ormai una pratica diffusa. Produrre dettagli aggiuntivi su propri gusti e hobby ancora di più. Ma per poter disporre liberamente di tutte queste informazioni personali e farvi riferimento in fase di selezione è sempre necessario il consenso al trattamento dei dati personali. Fin qui nulla di nuovo.

Ciò che ha destato interesse in questi giorni, invece, è stato un articolo del quotidiano inglese The Guardian, che ha richiamato l’attenzione su un fenomeno che comincia a prendere piede negli ambienti di lavoro: l’abitudine a cercare informazioni aggiuntive in Rete su dipendenti e aspiranti tali, andando per blog, social network, siti personali, forum e così via.

Per quanto ci si appelli alla natura “pubblica” di tali informazioni, è altresì vero che chiunque abbia diritto a comunicare soltanto le informazioni pertinenti alle proprie competenze quando si fa domanda di lavoro: apprendere elementi privati da fonti web non è illegale, certo. Tuttavia, farsi influenzare nel proprio giudizio professionale da quanto saputo per vie traverse è pari ad una sorta di discriminazione, una violazione della privacy a fini illeciti.

Nella normativa italiana, lo si desume anche dalle “linee guida per posta elettronica e Internet” nel rapporto di lavoro, diramate dal Garante privacy e pubblicate in Gazzetta Ufficiale (n. 58, 10 marzo 2007).
Raccogliere informazioni personali su lavoratori dipendenti, così come sugli aspiranti all’assunzione, per usarli a scopi terzi senza la conoscenza e il controllo dell’interessato è illegale.

Sussiste violazione anche se un’organizzazione accede alle pagine Web o all’indirizzo email privato del candidato.
Allo stesso tempo, è chiaro che sarebbe una norma di buon senso non diramare con leggerezza informazioni che possono metterci in dificoltà in particolari contesti perché si sa, è impossibile fermare la potenza della seduzione esercitata della Rete.

X
Se vuoi aggiornamenti su Recruting: illegale riferirsi a contenuti web extra-CV

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy