Emendamenti al Bonus pubblicità online

Gli emendamenti in commissione Bilancio al Senato chiedono che il bonus pubblicità sia esteso alle testate online in misura permanente: proposte e norma.

Estensione alle testate online dell’agevolazione sugli investimenti pubblicitari anche dopo il 2017: è uno degli emendamenti presentati in commissione Bilancio al Senato sul decreto fiscale, che contiene la norma sul bonus pubblicità. Il testo del dl 148/2017 è al momento in commissione Bilancio, il calendario prevede che arriverà in Aula mercoledì 15 novembre.

Vediamo nel dettagli quali sono, al momento, le più importanti proposte emendative presentate in relazione all’articolo 4, che riguarda appunto la pubblicità sui media.

=> Bonus pubblicità, come si applica alle testate online

Bonus attuale

Si tratta, lo ricordiamo, di un credito d’imposta al 75% per gli investimenti incrementali rispetto a quelli effettuati nell’anno precedente. E’ stato introdotto dalla manovra bis 2017 (dl 50/2017) e viene ora modificato dal decreto fiscale, che fra le altre cose ha stabilito l’estensione dell’agevolazione anche alle testate online.

In realtà, al momento il credito d’imposta anche alle testate online è esplicitamente previsto solo per il periodo che va dal 24 giugno al 31 dicembre 2017, a condizione che gli investimenti siamo almeno dell’1% più alti rispetto a quelli dell’anno precedente. Non viene invece modificata la formulazione del comma 1 dell’articolo 57 bis del dl 50/2017, in base al quale il bonus pubblicità spetta a imprese e lavoratori autonomi:

«che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emittenti televisive  e radiofoniche locali, analogiche o digitali».

Correttivi

Fra gli emendamenti presentati in Senato al Dl, viene dunque prevista esplicitamente l’estensione del bonus alla stampa online. Gli emendamenti chiedono anche l’estensione del bonus agli enti non commerciali, agli investimenti sulle concessionarie di pubblicità esterna, alle emittenti radiotelevisive locali anche nel 2017.

Entrata in vigore

Per applicare l’agevolazione è comunque necessario un decreto attuativo della presidenza del consiglio dei ministri, che dovrà dettagliare modalità e criteri di attuazione del credito d’imposta, investimenti ammessi, casi di esclusione, procedure di concessione e di utilizzo del beneficio, documentazione richiesta, controlli e alle modalità finalizzate ad assicurare il rispetto del limite di spesa (62,5 milioni di euro per finanziare la misura nel 2018, di cui 20 mln devono riguardare l’estensione del beneficio al 2017).

X
Se vuoi aggiornamenti su Emendamenti al Bonus pubblicità online

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy