Stabilità: Airbnb senza cedolare secca

Emendamenti Legge di Bilancio: Renzi boccia la tassa Airbnb con cedolare secca al 21% sui Bed and breakfast ma il dibattito si riaccende.

Cedolare secca al 21% per i bed and breakfast, che l’intermediario (es.: portale online) paga al Fisco in qualità di sostituto d’imposta: è uno degli emendamenti presentati dalle commissioni alla Legge di Stabilità 2017, su cui però si è già espresso negativamente il premier, Matteo Renzi su Twitter:

«Nessuna nuova tassa in legge di Bilancio. Nemmeno Airbnb. Finché sono premier io, le tasse si abbassano e non si alzano».

La parlamentare del PD che ha presentato la proposta, Silvia Fregolent, dopo un colloquio telefonico con il capo del Governo, ha dichiarato di aver ritirato la proposta.

=> Sharing economy: in arrivo le regole

L’emendamento prevedeva una cedolare secca con aliquota al 21% a carico di coloro che affittano case o camere attraverso la formula del B&B, l’istituzione di un registro unico nazionale per queste attività e una clasuola antievasione per cui c’è responsabilità in solido da parte del privato e dell’intermediario.

Quest’ultimo, nel caso in cui esista, è tenuto a pagare la tassa come sostituto d’imposta. In pratica un “attentato” al mercato florido della sharing economy turistica. L’intermediario, in questi casi, può esser non solo un’agenzia o un professionista ma anche un servizio online come appunto Airbnb.

=> Locazione turistica, guida completa

L’obiettivo era però chiaro: favorire la trasparenza nelle locazioni brevi e assicurare il contrasto all’evasione fiscale.

Come detto l’emendamento non sarà approvato ma, nel frattempo, lo storico dibattito si è riacceso. Il viceministro all’Economia Luigi Casero ritiene che il problema vada affrontato:

«non so se riusciremo a trovare una soluzione in sede di bilancio: speriamo, però, di riuscirci magari nel giro di qualche mese».

=> Sharing Economy, in arrivo le regole

Per il presidente della Commissione Bilancio, Francesco Boccia:

«la multinazionale americana, che continua indisturbata ad evadere il Fisco, consente ai proprietari di casa di poter utilizzare la cedolare secca anche per affitti di breve periodo i cui introiti sono, solitamente, in nero. Il tema della digital tax continua a essere inspiegabilmente rinviato».

X
Se vuoi aggiornamenti su Stabilità: Airbnb senza cedolare secca

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy