Periodi contributivi coincidenti irrecuperabili

Chi accede all'APe non può comunque sfruttare i periodi contributivi coincidenti ai fini della pensione: regole e prassi.

Ho 62 anni, operaio metalmeccanico con 38 anni di contributi (dal 1978​​). Dal 2005 lavoro par-time e ho maturato periodi contributivi coincidenti per circa 7 mesi nel 2002​ ​(due datori di lavoro differenti): che fine fanno?​ ​vanno perduti? Al compimento dei 63 anni a quale “APe” potrò accedere?

Domanda di: Luigi B.

Al compimento dei 63 anni potrà accedere all’APe Volontaria, avendo gli altri requisiti che sono: almeno 20 anni di contributi, massimo tre anni e sette mesi dalla pensione di vecchiaia, un assegno maturato pari ad almeno 1,4 volte il minimo (circa 700 euro al mese).

=> APe Volontaria: i requisiti

Purtroppo, non credo che possa in alcun modo recuperare i contributi versati in periodi coincidenti, provi comunque a chiedere agli istituti previdenziali interessati.

=> Cumulo contributi pensione: istruzioni INPS

X
Se vuoi aggiornamenti su Periodi contributivi coincidenti irrecuperabili

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy