Call Center, la nuova comunicazione

Call center, le modalità per l'invio della nuova comunicazione obbligatoria in caso di delocalizzazione extra-UE.

Con la nota di protocollo n.33/1328/2017 il Ministero del Lavoro ha fornito i primi chiarimenti e le modalità operative relativamente ai nuovi adempimenti a carico dei call center, specificando l’ambito applicativo della nuova disposizione normativa e le tipologie di informazioni relative ai lavoratori coinvolti.

=> Regole Call Center: le novità

Il Ministero ha inoltre ufficializzato la data di rilascio del modello telematico con cui la comunicazione obbligatoria per i call center che delocalizzano al di fuori del territorio nazionale e dell’UE (articolo 24-bis del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83, come modificato dall’articolo 1, comma 243, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 – c.d. legge di Bilancio 2017) sarà accessibile sui siti del Ministero del Lavoro dell’Ispettorato, agli utenti registrati al portale Cliclavoro: il 28 marzo.

Fino a tale data, spiegava il Ministero, potrà ancora essere utilizzato l’allegato alla nota operativa da inviare alla casella di posta deloc_callcenter@lavoro.gov.it (stesso indirizzo da utilizzare per porre eventuali quesiti sulla procedura di comunicazione).

=> Call Center, niente chiamate nel weekend

La comunicazione deve essere inviata, per via telematica, al Ministero del Lavoro e all’Ispettorato Nazionale del Lavoro da parte delle aziende che hanno al proprio interno un servizio di call center e che vogliano localizzare, anche mediante affidamento a terzi, l’attività fuori dal territorio nazionale in un Paese che non è membro dell’Unione Europea, almeno 30 giorni prima del trasferimento indicando i lavoratori coinvolti in termini di:

  • numero complessivo dei lavoratori che, in conseguenza della diversa localizzazione delle attività di call center, abbiano subìto una qualsiasi modifica della propria posizione lavorativa;
  • unità produttive in cui i medesimi lavoratori sono occupati;
  • eventuali modifiche delle posizioni lavorative conseguenti alla diversa localizzazione.

Nel modello di comunicazione vanno inoltre indicati:

  • operatore economico che delocalizza:
    • codice fiscale
    • ragione sociale;
    • data di inizio della delocalizzazione;
    • Stato Extra-UE dove avverrà la delocalizzazione;
  • eventuale operatore terzo:
    • codice identificativo;
    • ragione sociale;
  • lavoratori coinvolti:
    • unità produttiva;
    • Comune;
    • modifica delle posizione lavoratori;
    • numero lavoratori;
  • codice fiscale del compilatore;
  • data di invio.

=> Telemarketing: Codice Etico per Call Center

L’obbligo normativo riguarda tutte le aziende che effettuano attività di call center, utilizzando numerazioni telefoniche messe a disposizione del pubblico, indipendentemente dal fatto che effettuino questa attività in maniera prevalente rispetto ad altre attività core, ad esclusione solo delle Pubbliche Amministrazioni e dei soggetti non profit.

In caso di dubbi, per questa prima fase di avvio della normativa, il Ministero del Lavoro ha messo a disposizione un servizio di assistenza tramite email, all’indirizzo deloc_callcenter@lavoro.gov.it.

Fonte: Ministero del Lavoro.

X
Se vuoi aggiornamenti su Call Center, la nuova comunicazione

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy