Indennità di maternità e paternità autonomi

Indennità di paternità per lavoratori autonomi: requisiti in caso di madri dipendenti o autonome, istruzioni per la domanda INPS.

Il Jobs Act su lavoro autonomo e smart working ha esteso le tutele in tema di indennità di maternità e paternità. In generale, la nuova legge concede alle lavoratrici in gestione separata il diritto al trattamento di maternità anche se si sceglie di non astenersi dall’attività lavorativa, prolungando a sei mesi il congedo parentale utilizzabile fino al terzo anno di vita del figlio. In attesa dei documenti di prassi INPS, le indicazioni ancora valide da seguire sono quelle indicate nella Circolare n. 128/2016 , che chiarisce in particolare i requisiti per i padri lavoratori autonomi in caso di madre lavoratrice dipendente o autonoma.

Normativa

Il riferimento normativo per questo ultimo aspetto è ancora il decreto legislativo n. 80/2015 con il quale sono stati modificati gli artt. 28, 66 e 67 del T.U. maternità/paternità (D.Lgs. 151/2001). L’indennità di paternità per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni, mezzadri, imprenditori agricoli a titolo principale, pescatori autonomi della piccola pesca) era stata introdotta in via sperimentale per il solo anno 2015, poi la misura è stata resa strutturale dal Dlgs 148/2015 con effetto dal 25 giugno 2015.

=> Gestione Separata e maternità: istruzioni INPS

Requisiti

Il tutto a patto che la madre sia lavoratrice dipendente o autonoma (artigiana, commerciante, coltivatrice diretta, colona, mezzadra, imprenditrice agricola a titolo principale pescatrice autonoma della piccola pesca) e che il padre rimanga l’unico genitore al verificarsi dei seguenti eventi:

  • morte o grave infermità della madre;
  • abbandono del figlio da parte della madre;
  • affidamento esclusivo del figlio al padre.

Il padre autonomo deve inoltre essere iscritto ad una delle Gestioni INPS per i lavoratori autonomi (Artigiani, Esercenti attività commerciali, Coltivatori diretti, dei mezzadri e dei coloni) oppure, nel caso si tratti di pescatori autonomi, al Fondo pensioni lavoratori dipendenti. L’iscrizione può avvenire anche in data successiva all’inizio dell’attività.

Indennità di paternità

L’indennità di paternità è riconoscibile dalla data in cui si verifica l’evento fino alla fine del periodo post partum che sarebbe spettato alla madre lavoratrice:

  • se la madre è lavoratrice dipendente, il congedo post partum coincide con i 3 mesi dopo il parto più eventuali periodi di congedo di maternità ante partum non goduti;
  • se la madre è lavoratrice autonoma, l’indennità post partum spetta per i 3 mesi dopo il parto.

La data del parto può invece essere indennizzata solo a favore della lavoratrice madre avente diritto all’indennità. Non esiste alcun obbligo per i padri autonomi di astensione dal lavoro nei periodi indennizzati a titolo di indennità di paternità, analogamente a quanto previsto per le lavoratrici autonome.

=> Congedo di maternità esteso, i casi particolari

L’indennità è calcolata in base alle stesse regole previste per l’indennità di maternità ed è pari quindi all’80% di un importo giornaliero individuato a seconda dell’attività autonoma svolta:

  • per gli artigiani e gli esercenti attività commerciali l’indennità è pari all’80% del limite minimo di retribuzione giornaliera fissata, rispettivamente per gli impiegati dell’artigianato e del commercio con riferimento all’anno in cui inizia l’indennità di paternità;
  • per i lavoratori autonomi agricoli (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, imprenditori agricoli) l’indennità è pari all’80% del limite minimo di retribuzione per la qualifica di operai dell’agricoltura con riferimento all’anno precedente il parto (o l’ingresso in famiglia o in Italia in caso di adozione o affidamento);
  • per i pescatori, l’indennità è pari all’80% del salario giornaliero convenzionale per i pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne associati in cooperativa di cui alla legge 13.3.1958, n. 250, fissato per l’anno in cui inizia l’indennità di paternità.

Domanda

Per il conseguimento della prestazione, l’interessato deve presentare apposita domanda all’INPS, per via telematica attraverso i consueti canali (WEB, Contact center multicanale o Patronati)., entro il termine prescrizionale di un anno decorrente dal giorno successivo alla fine del periodo indennizzabile.

 Per approfondimenti: Circolare INPSDlgs n. 80/2015.

X
Se vuoi aggiornamenti su Indennità di maternità e paternità autonomi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy