e-Commerce libero nella UE: nuove norme

Tre proposte approvate dalla Commissione UE per l'e-commerce libero: niente blocco geografico, trasparenza su consegne e prezzi, consumatori protetti da pratiche sleali.

Niente barriere nel mercato UE dell’e-Commerce: acquisti online da siti web di qualsiasi paese comunitario alle stesse condizioni, consegne transfrontaliere più veloci ed economiche, migliore applicazione dei diritti dei consumatori e trasparenza contro le pratiche commerciali sleali: sono i punti fondamentali del nuovo pacchetto di regole approvato dalla Commissione Europea. Si tratta di tre singole proposte legislative, presentate nell’ambito della strategia per il mercato unico digitale. In generale, si vuole stimolare la concorrenza eliminando le criticità, rendendo i servizi di e-Commerce più convenienti e di qualità.

=> e-Commerce in Italia: numeri e trend

Acquisto

La proposta legislativa contro il blocco geografico ha l’obiettivo di impedire qualsiasi tipo di differenziazione di trattamento basata su nazionalità o luogo di residenza: in pratica, non si possono applicare regole diverse a un consumatore in base al paese in cui si trova, per esempio in materia di prezzo, condizioni di vendita e di pagamento, a meno che non ci siano motivazioni oggettive (per esempio, le diverse aliquote IVA applicate nei vari paesi).

Il sito di e-Commerce, non può bloccare o limitare l’accesso del consumatore in base a nazionalità o luogo di residenza, né reindirizzarlo verso altre pagine senza il suo consenso. E in questo caso, l’interfaccia originaria deve restare accessibile. Se è giustificato da specifiche normative o regole, deve essere spiegato. Per evitare oneri sproporzionati alle imprese, il regolamento non impone l’obbligo di effettuare consegne in tutta la UE ed esenta da alcune disposizioni le piccole imprese a cui si applica una soglia IVA nazionale.

=> e-Commerce: la raccomandazione OCSE 2016

Consegne

L’obiettivo di questa proposta legislativa è garantire la trasparenza di prezzi e servizi di consegna, anche per diminuire i costi e fornire certezza sui diritti. La Commissione UE va incontro a specifiche richieste delle PMI, che spesso lamentano costi di consegna troppo alti per le vendite transfrontaliere, che rendono difficile l’accesso al mercato europeo. I prezzi praticati dagli operatori postali per la consegna di un pacco in un altro stato membro, argomenta la Commissione, sono fino a cinque volte più alti dei prezzi nazionali, senza una chiara correlazione con i costi effettivi.

=> e-Commerce e logistica integrata: servizi per PMI

Il regolamento non impone tariffe massime ma prevede specifici obblighi di trasparenza sul servizio e sulla determinazione dei prezzi, con comunicazione alle autorità nazionali che possono chiedere ulteriori chiarimenti ed eventualmente, attraverso una procedura specifica, segnalare alla Commissione tariffe ritenute ingiustificate. La UE comunicherà i prezzi pubblici dei fornitori del servizio universale per stimolare la concorrenza e la trasparenza delle tariffe.

Diritti

Le autorità nazionali potranno verificare se i siti di e-commerce praticano blocco geografico o condizioni post-vendita che non rispettano le norme (ad esempio, sul diritto di recesso), ordinare l’immediata rimozione dei siti che presentano offerte truffaldine, chiedere informazioni ai gestori dei registri di dominio e alle banche sull’identità degli operatori. La Commissione garantisce assistenza agli Stati per contrastare le pratiche scorrette, tempestività nella protezione dei diritti dei consumatori, e pubblica orientamenti aggiornati sulle pratiche commerciali sleali. Le piattaforme online di tipo professionale devono assicurare pratiche in linea con il diritto dell’Unione, e indicare chiaramente che le stesse norme non si applicano invece a eventuali privati abilitati a vendere oggetti online. I motori di ricerca sono tenuti a distinguere con chiarezza i link sponsorizzati dai risultati naturali di una ricerca.

Norme

Le tre proposte legislative dovranno essere approvate da Parlamento e Consiglio Europeo: le norme previste non riguardano settori regolamentati da normative specifiche (Trasporti, Finanza, Audiovisivo). Integrano le proposte presentate nel dicembre scorso su fornitura di contenuti digitali e vendite a distanza di beni. Bruxelles ha anche approvato il 25 maggio nuove misure per il settore Audiovisivo e relative piattaforme online. In vista, per l’autunno 2016, una proposta di semplificazione dell’IVA.

Fonti: proposte UE su blocco geografico, consegne, diritti dei consumatori

X
Se vuoi aggiornamenti su e-Commerce libero nella UE: nuove norme

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy