Detrazioni per ristrutturazione edilizia: guida al 730/2014

Tutto sulla corretta compilazione del modello 730/ 2014 relativo alla detrazione IRPEF 50% per interventi di ristrutturazione edilizia.

La detrazione fiscale per lavori di ristrutturazione edilizia va richiesta tramite Modello 730. In vista della scadenza 2014, ecco la guida alla corretta compilazione del Quadro E, sezione IIIA, righi E41 – E44.

Detrazione

La detrazione IRPEF è un’agevolazione prevista per soggetti che effettuano interventi di ristrutturazione e recupero del patrimonio edilizio. Per fruirne va compilata, nel Modello 730 di Dichiarazione dei Redditi , la sezione III A del Quadro E: “Spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio (detrazione d’imposta del 36, 41, 50 o 65 per cento)” . Per detrarre il 50% dell’IRPEF, il contribuente deve indicare per quest’anno tutte le spese sostenute nel 2013 o negli anni precedenti.

=>Scarica il Modello 730/2014

=>Scarica il 730/2014 editabile online

=>Scarica le istruzioni di compilazione

Compilazione 730

Nel Modello 730, le spese di ristrutturazione si indicano ai righi da E41 a E44, da compilare ognuno per ogni anno e per ogni unità immobiliare su cui sono stati effettuati interventi di recupero del patrimonio edilizio. Per capire come si compila prendiamo ad esempio il rigo E41.

  • colonna 1 (Anno): va indicato l’anno in cui sono state sostenute le spese;
  • colonna 2 (2006 o 2012 o 2013-antisismico): solo per interventi sostenuti nel 2013, utilizzando il codice 4 per spese dal 4 agosto al 31 dicembre 2013 per adozione di misure su edifici in zone sismiche ad alta pericolosità, riferite a costruzioni adibite ad abitazione principale o attività produttive;
  • colonna 3 (Codice fiscale): va compilata in casi specifici come lavori su parti comuni condominiali, interventi da parte di soggetti di cui all’articolo 5 del Tuir come le società di  persone, comunicazione al Centro Operativo di Pescara, acquisto o assegnazione di immobili ristrutturati.
  • colonna 4 (Interventi particolari): solo per lavori che proseguono in più anni, interventi di manutenzione e salvaguardia dei boschi, acquisto o assegnazione di immobili che fanno parte di edifici ristrutturati
  • colonne 5, 6 e 7 (Situazioni particolari): per contribuenti che hanno ereditato, acquistato o ricevuto in donazione l’immobile nel 2013, persone di età non inferiore a 75 o 80 anni,
  • colonna 8 (Numero rata): le spese 2013 va indicato il numero 1 nella casella relativa alla ripartizione della spesa in 10 rate.colonna 9 (Importo spesa): va indicato l’intero importo delle spese sostenute nell’anno riportato in colonna 1, anche se rideterminato il numero di rate.
  • colonna 10 (N. d’ordine immobile): va indicato un numero progressivo per identificare l’immobile oggetto degli interventi di ristrutturazione.

=> Dichiarazione dei Redditi: Guida al 730/2014

Adempimenti necessari

  • Pagamento spese con bonifico bancario o postale da cui risultino causale del versamento, codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento e codice fiscale o numero di Partita Iva del beneficiario del pagamento;
  • indicazione nel 730 dei dati catastali dell’immobile, estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo (es.: di affitto) se i lavori sono effettuati dal detentore e di altri dati richiesti ai fini del controllo della detrazione.

Interventi agevolati

  • ristrutturazione immobili;
  • acquisto o assegnazione immobili facenti parte di edifici ristrutturati.

Spese ammissibili

  • manutenzione straordinaria di singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e loro pertinenze;
  • manutenzione ordinaria e straordinaria di parti comuni di edifici residenziali;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • ricostruzione o ripristino immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi a seguito di uno stato di emergenza;
  • cablatura edifici, contenimento inquinamento acustico, misure di sicurezza statica e antisismica di edifici, esecuzione opere interne;
  • realizzazione autorimesse o posti auto pertinenziali, anche di proprietà comune;
  • bonifica da amianto, interventi di prevenzione di atti illeciti da parte di terzi, eliminazione di barriere architettoniche, esecuzione di opere per evitare infortuni domestici.

Sgravio

  • spese effettuate dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014: detrazione del 50% e spesa massima detraibile pari a 96.000 euro;
  • spese nel 2015: detrazione 40% spesa massima detraibile 96.000 euro;
  • spese dal 2016: detrazione 36% fino a 48.000 euro per unità immobiliare.

X
Se vuoi aggiornamenti su Detrazioni per ristrutturazione edilizia: guida al 730/2014

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy