Call center: sanzioni per violazione privacy

Scattano le sanzioni pecuniarie nei Call Center che non rispettano le norme per la privacy, troppo spesso violate: le novità del Tavolo del Ministero del Lavoro.

Al via le sanzioni per i Call Center che violano le norme sulla privacy. In più il Ministero dello Sviluppo Economico ha creato un gruppo di lavoro per affrontare le criticità del settore, che impiega 80.000 addetti, ovvero per esaminare i criteri di aggiudicazione delle gare e delle tutele per i lavoratori delle aziende che perdono le commesse.

=> Call Center: assunzione con orario e stipendio fisso

Violazioni

Il tutto nasce a fronte dei controlli a campione e a tappeto effettuati da dicembre ad oggi nei Call Center, i quali hanno evidenziato fin troppe violazioni alle norme sul trattamento dei dati personali, ovvero all’art.24 bis del decreto n. 83 del 2012.

Sanzioni

Sanzioni pecuniarie verranno quindi applicate dal Ministero dello Sviluppo Economico nei confronti dei committenti, responsabili del mancato rispetto di tali norme, come annunciato durante il Tavolo di settore presieduto dal Vice Ministro Claudio De Vincenti, al quale erano presenti anche il Sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli, i dirigenti del Ministero del Lavoro, le Associazioni datoriali Assocontact e Asstel e le segreterie nazionali dei sindacati di categoria (TLC).

=> Call Center in crisi: 80.000 posti a rischio

X
Se vuoi aggiornamenti su Call center: sanzioni per violazione privacy

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy