Calendario fiscale: le proposte dei commercialisti

Le proposte dei sindacati dei commercialisti al MEF per l'armonizzazione e la semplificazione delle scadenze fiscali.

Negli ultimi anni le scadenze fiscali stanno gettando nel caos commercialisti, CAF e professionisti abilitati soprattutto a causa della sovrapposizione di numerosi adempimenti concentrati in un unico periodo, tanto che il Fisco è spesso obbligato a concedere delle proroghe. È il caso ad esempio del modello 770 che ormai da diversi anni viene rimandato a settembre. Per risolvere la questione il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta lavorando con le Associazioni Sindacali Nazionali dei Commercialisti alla ridefinizione ed armonizzazione delle principali scadenze fiscali, nonché alla semplificazione degli adempimenti.

=> Le scadenze fiscali di settembre

Durante l’incontro del 10 settembre, sindacati e commercialisti hanno presentato le proprie proposte al sottosegretario all’Economia ed alle Finanze, Zanetti.

Modelli dichiarativi

I professionisti chiedono che venga stabilita una data precisa e improrogabile per la pubblicazione dei modelli dichiarativi, proponendo il 15 gennaio di ogni anno come scadenza fissa entro la quale l’Amministrazione finanziaria debba approvare e pubblicare i modelli di dichiarazione, le istruzioni, i software applicativi e di controllo, nonché gli Studi di Settore. Nel caso in cui tale data non venga rispettata, viene proposta la proroga automatica della scadenza per l’invio delle dichiarazioni stesse e del conseguente versamento delle imposte di un periodo pari allo slittamento del termine di approvazione (il decreto di approvazione dei modelli e delle istruzioni dovrà riportare la nuova scadenza fiscale per l’adempimento in oggetto). Come semplificazione viene proposta la possibilità di definire per ciascuna dichiarazione un modello base immutabile che non necessiti dell’approvazione annuale per poi pubblicare entro il 15 gennaio di ogni anno l’approvazione di eventuali quadri/modelli aggiuntivi e/o integrativi. Secondo questa ipotesi, nel caso in cui non venissero pubblicati nuovi allegati al modello base, resterebbero validi modelli e istruzioni dell’anno precedente.

=> Dichiarazione dei redditi: le novità del 2014

Presentazione delle dichiarazioni

Viene poi proposto di fissare il seguente calendario per la presentazione delle dichiarazioni:

  • 7 marzo invio all’Agenzia delle Entrate delle certificazioni di lavoro dipendente e assimilati (CUD), con scadenza fissata al 28 febbraio per la consegna delle certificazioni ai percettori;
  • 7 marzo invio all’Agenzia delle Entrate delle certificazioni di lavoro autonomo così da evitare l’invio del modello 770 Semplificato;
  • 31 marzo presentazione del modello 770 Ordinario (a meno di farlo diventare un quadro all’interno di UNICO);
  • 31 luglio presentazione del modello UNICO e della dichiarazione IVA autonoma.

=> CUD per Autonomi: Certificazione Unica dal 2015

Pagamenti e rateazioni

Per i pagamenti e le modalità di rateazione viene semplicemente proposto di unificare il termine delle rate per le persone fisiche con e senza partita IVA, fissandolo all’ultimo giorno del mese o il giorno 16 ed eventualmente introdurre la rateazione anche per il secondo acconto.

Imposte locali

Viene individuata nel 30 aprile la scadenza per l’eventuale pubblicazione delle aliquote, delle agevolazioni e riduzioni deliberate da parte degli Enti locali, in assenza di delibere varrà quanto stabilito l’anno precedente. Pagamenti ed adempimenti relativi alle imposte locali dovranno coincidere con le scadenze previste per le imposte sui redditi e dovrà essere riconosciuta anche per esse la disciplina del ravvedimento operoso.

Modelli Intrastat

Per quanto riguarda i modelli Intrastat viene richiesto di inserire la comunicazione annuale all’interno della dichiarazione IVA.

Spesometro e comunicazione beni in godimento ai soci

Per quanto riguarda le comunicazioni relative allo Spesometro e ai beni in godimento ai soci secondo i professionisti sarebbe necessario verificare la loro effettiva utilità. Essendo informazioni già nella disponibilità della PA potrebbero essere evitate o al limite inserite all’interno di UNICO. Spesometro o UNICO potrebbero inoltre inglobare le informazioni del modello Black List.

Controlli fiscali

Viene infine richiesta la sospensione feriale anche per i termini di risposta del contribuente a questionari, inviti a comparire, richieste di documenti, dati e notizie, da parte degli organi verificatori.

Modello UNICO

Tra le semplificazioni richiesti c’è quella di far confluire all’interno del modello UNICO:

  • lo Spesometro;
  • il modello Black List;
  • la comunicazione di beni in godimento ai soci;
  • il modello IRAP;
  • il modello 770 Ordinario

Altre semplificazioni

Tra gli adempimenti che secondo i commercialisti potrebbero essere eliminati vi sono:

  • l’obbligo di voltura catastale a seguito di dichiarazione di successione;
  • l’obbligo di presentazione all’Agenzia delle Entrate della ricevuta di pagamento del modello F23/F24 nel caso di recesso anticipato o rinnovo del contratto di locazione;
  • l’obbligo della dichiarazione IMU nel caso di applicazione di aliquote ridotte da parte del Comune;
  • l’obbligo di inserire nel quadro RW del modello UNICO i trasferimenti esteri di qualunque importo, poiché effettuati per il tramite di operatore bancario o finanziario autorizzato;
  • la preventiva richiesta di iscrizione al VIES;
  • la comunicazione EAS da parte degli Enti associativi.

 

X
Se vuoi aggiornamenti su Calendario fiscale: le proposte dei commercialisti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy