Scadenze e rate TARES scelte dai Comuni

TARES ai blocchi di partenza: le novità del decreto Debiti PA che lascia ai Comuni la scelta del numero di rate e della loro scadenza per il saldo dell'imposta sui rifiuti.

Tares

TARES: decidono i Comuni numero e scadenza rate

I Comuni saranno liberi di stabilire le scadenze per il pagamento TARES 2013 da parte dei contribuenti residenti nel territorio di competenza. Non solo: potranno anche scegliere anche il numero di rate ai quali i contribuenti saranno chiamati a versare la nuova imposta sui rifiuti.

=>Ecco come calcolare il pagamento TARES

La libertà di scelta su modalità e tempi di pagamento della nuova tassa che va a sostituire le vecchie TIA e TARSU, è una novità introdotta dal decreto Debiti PA firmato in questi giorni.

In più, sempre dal decreto Debiti PA arriva un’importante semplificazione: sarà possibile utilizzare i vecchi modelli TIA a TARSU.

Leggi o scarica il Decreto

Le delibere dei Comuni dovranno essere pubblicate con almeno 30 giorni di anticipo rispetto alla prima scadenza.

Facendo due calcoli, il pagamento della prima rata, nei Comuni in cui le delibere saranno pubblicate presto, potrebbe iniziare a cadere già a partire dal 20-30 maggio.

Se il Comune dovesse scegliere di scaglionare la tassa in tre tranche, allora la seconda rata potrebbe essere stabilita con scadenza a settembre. In questo caso, l’ultima rata sarà un conguaglio “a titolo di TARES” da versare a dicembre comprensivo dei nuovi costi previsti e con applicazione del “metodo normalizzato” di calcolo per le diverse tipologie di utenti.

Nel frattempo non si arrendono Pd e Pdl, che con le loro mozioni stanno cercando di rinviare la TARES al 2014.

=> Leggi la proposta di proroga TARES al 2014

X
Se vuoi aggiornamenti su Scadenze e rate TARES scelte dai Comuni

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy