Tares senza proroga ma la tassa sui rifiuti si paga a luglio

La Tares non slitta ed entra in vigore ad aprile, ma si rimanda il pagamento della prima rata a luglio per effetto di un emendamento dal Decreto Rifiuti.

Tares, prima rata a luglio

La prima rata della Tares, la nuova tassa sui rifiuti, si pagherà dal prossimo luglio, ma la sua entrata in vigore sarà senza proroghe da gennaio 2013: è il compromesso raggiunto dopo la richiesta di proroga avanzata in commissione Ambiente.

=> Leggi come pagare la Tares

Anche laprima rata sarebbe dovuta essere versata ad aprile, ma il Senato ha approvato l’emendamento al Decreto Rifiuti n. 1/2013, approvato in prima lettura in Aula, che fa slittare il pagamento della Tares a luglio.

=>Scopri i costi della Tares come l’IMU

Per ora nessun cambiamento sulla tassa, dunque: la proposta di slittamento a luglio mirava a demandare al nuovo Governo entrante di modificare la Tares, per renderla una normale imposta sui rifiuti e non una patrimoniale nascosta.

=>Scopri a quanto ammonta il Tributo rifiuti RES per le imprese

La proposta riguardava l’intero differimento dell’istituzione della Tares, ipotesi promossa all’unanimità in Commissione Ambiente ma bocciata dalla Commissione Bilancio per problemi di risorse finanziarie. Così è arrivato il compromesso: Tares da aprile ma rata a luglio.

La Tares, lo ricordiamo, è la nuova tassa comunale su rifiuti e servizi istituita dal governo Monti: sostituirà la Tarsu o la Tia e servirà anche a coprire il costo che i Comuni sostengono per illuminazione pubblica, manutenzione delle strade, polizia locale e aree verdi.

=> Leggi gli effetti della Tares

Questo costerà alle imprese 30-40 centesimi in più al metro quadro.

X
Se vuoi aggiornamenti su Tares senza proroga ma la tassa sui rifiuti si paga a luglio

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy