Scadenze fiscali: proroga veloce dal Fisco

Con il decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018 arrivano le proroghe dall’Agenzia delle Entrate: testo e dettagli dell'emendamento.

Tra i tanti emendamenti al decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018 (D.L. n. 148/2017) approvati dalla Commissione Bilancio del Senato c’è anche quello che prevede la possibilità per l’Agenzia delle Entrate di emanare proroghe alle scadenze fiscali senza che intervenga un apposito D.P.C.M. (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri).

=> Decreto fiscale con fiducia, tutte le novità

Nell’emendamento i legge in particolare:

“I termini per l’adempimento degli obblighi dichiarativi e comunicativi relativi ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate possono essere prorogati con provvedimento del Direttore della medesima Agenzia in presenza di eventi o circostanze che comportino gravi difficoltà per la loro regolare e tempestiva esecuzione e comunque in caso di ritardo nella pubblicazione delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati relativi agli adempimenti stessi.

La proroga dei termini disposta ai sensi del corna 4 deve garantire un termine congruo, comunque non superiore a 60 giorni, per l’effettuazione degli adempimenti medesimi”.

=> Consulta tutte le scadenze Fiscali

Dunque, in determinate condizioni di urgenza, la decisione sul differimento temporale degli obblighi dichiarativi e comunicativi relativi ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate potrà essere presa direttamente dal direttore dell’Agenzia stessa.

Ora il decreto fiscale, che dovrà essere convertito in legge entro il 15 dicembre, passa all’attenzione della Camera probabilmente con testo blindato, dopo l’approvazione di Palazzo Madama con voto di fiducia terminato con 148 sì, 116 no e nessun astenuto.

Fonte: Senato.it.

X
Se vuoi aggiornamenti su Scadenze fiscali: proroga veloce dal Fisco

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy