Assegni familiari, conguaglio in busta paga

Assegni familiari a conguaglio in UniEmens: il Messaggio INPS con le istruzioni per le aziende.

Con il Messaggio n. 4283/2017 l’INPS dà il via al conguaglio degli Assegni per il Nucleo Familiare (ANF) in UniEmens: a partire dalle denunce con periodo di competenza novembre 2017 (da presentare in via telematica entro il 31 dicembre 2017) possibile conguagliare fino a 3.000 euro per singolo dipendente.

=> Assegno familiare: guida al calcolo in busta paga

La richiesta di conguaglio degli ANF, spettanti ai nuclei familiari dei lavoratori dipendenti iscritti alle Casse gestite dall’INPS, da parte dei datori di lavoro va effettuata per ogni singolo dipendente indicando gli importi spettanti nel flusso UniEmens, valorizzando l’elemento di con il codice causale «L036» che ha il significato di «Recupero assegni nucleo familiare arretrati».

In caso di importi di valore superiore ai 3.000 euro, che secondo le nuove disposizioni non sono conguagliabili, i conguagli potranno essere effettuati utilizzando esclusivamente i flussi di regolarizzazione con l’indicazione del codice causale «L036» e il totale dell’importo.

Fonte: INPS.

X
Se vuoi aggiornamenti su Assegni familiari, conguaglio in busta paga

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy