TARI: evasione tra imprese

Le cifre record dell’evasione fiscale relativa alla TARI nel capoluogo siciliano.

Nel corso del 2016 il 91% dei ristoratori palermitani non ha versato la TARI, una percentuale che scende leggermente per i bar della città siciliana portandosi all’86%. Un’evasione di massa che riguarda tutto il centro urbano, centro storico incluso.

=> TARI, tassa rifiuti su posto auto scoperto

A denunciare la situazione relativa al mancato versamento della tassa rifiuti è l’assessore comunale al Bilancio Antonino Gentile, sottolineando come fra il 2015 e il 2017 la superficie non dichiarata per quanto concerne il pagamento della Tari sia stata pari a 2.265.000 metri quadrati.

Se nelle borgate solo il 30% delle imprese ha pagato la TARI con regolarità, nei quartieri centrali l’evasione ha raggiunto i 4milioni di euro solo nel 2016.

«Ogni quartiere si deve assumere le sue responsabilità – afferma il Sindaco Leoluca Orlando – L’obiettivo è pagare tutti per pagare meno. Si tratta di una tassa che serve a pagare direttamente un servizio per la città. Per chi non risponderà a tutte le facilitazioni che l’amministrazione sta mettendo in campo per recuperare le somme stiamo valutando di mettere in campo il Documento unico di fiscalità evasa che prevede che chi non è in regola con i tributi non può accedere ai servizi comunali.»

=> Leggi tutte le news per le PMI della Sicilia

X
Se vuoi aggiornamenti su TARI: evasione tra imprese

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy