Modello Redditi e IRAP: modifiche e proroga

L'Agenzia delle Entrate adegua i modelli dichiarativi alle ultime novità normative e proroga i termini per i modelli IRAP e Redditi SC.

Con il Provvedimento n. 90915/2017, l’Agenzia delle Entrate ha modificato i modelli di dichiarazione 2017: Redditi ENC, Redditi SC, Redditi SP, Consolidato nazionale e mondiale ed IRAP, insieme alle relative istruzioni, alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei relativi dati. L’obiettivo delle modifiche è di adeguare i modelli dichiarativi alle novità normative intervenute successivamente alla pubblicazione dei modelli e istruzioni e di correggere alcuni refusi.

=> Dichiarazione dei Redditi 2017: guida completa

Proroga IRAP e Redditi SC

Slittano inoltre di 15 giorni, quindi al 16 ottobre 2017, i termini per la presentazione dei modelli Redditi SC e IRAP per effetto della conversione del Dl 244/2016, che concede più tempo alle imprese interessate dalle novità sul bilancio (Dlgs 139/2015) per effettuare l’adempimento.

Termini invariati invece per le micro-imprese (articolo 2435-bis del Codice civile), i soggetti che adottano i principi contabili internazionali IAS/IFRS e i contribuenti in contabilità semplificata.

Modifiche ai modelli dichiarativi

Tra le novità l’introduzione nel frontespizio delle dichiarazioni di una nuova casella denominata “articolo 13-bis” che va barrata dai soggetti che redigono per la prima volta il bilancio, in conformità ai nuovi principi contabili OIC in vigore dal 2016. Casella che serve ad identificare pertanto i contribuenti che si avvalgono della proroga dei termini.

Altre novità riguardano:

  • il riordino delle agevolazioni del Dl 50/2017 che vedono coinvolta anche l’ACE, Aiuto alla Crescita Economica, prevedendo che per l’acconto IRES 2017 l’imposta 2016 vada rideterminata tenendo conto dei soli incrementi del quinquennio 2012-2016, quale base di calcolo con il metodo storico. Ricordiamo poi che la Legge di Stabilità 2017 (Legge 232/2016, articolo 16) ha ridotto l’aliquota del rendimento nozionale ACE dal 4,75% al 2,30%;

=> ACE, agevolazione ridotta

  • il visto di conformità, obbligatorio per tutte le dichiarazioni dei redditi e IRAP oltre il limite di 5mila euro annui (non più 15 mila), come modificato dall’articolo 3, comma 1, della manovrina.

Fonte: Agenzia delle Entrate.

X
Se vuoi aggiornamenti su Modello Redditi e IRAP: modifiche e proroga

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy