Tasse locali con aumenti record

Crescita a due cifre in pochi anni per le imposte locali, tra TASI, addizionali IRPEF e tassa sui rifiuti: tutti gli aumenti in dettaglio nel report UIL.

Tasse sulle PMI

E’ aumentato tutto, IRPEF regionale e comunale, IMU e TASI, TARI: le tasse locali dal 2013 al 2015 hanno visto un piccolo boom, con un incremento totale del 16,7%. I numeri sono contenuti in un report UIL sulle imposte locali, a cura dell’Ufficio Studi del sindacato confederale. Fra il 2013 e il 2015 le tasse locali sono salite di 7 miliardi di euro, con un rallentamento nel 2015, anno in cui l’aumento è stato più contenuto, + 2,5 miliardi.

=> Tasse locali in crescita, la classifica Confcommercio

Il gettito regionale e comunale delle tasse locali è passato dai 42 miliardi del 2013 ai 49 miliardi del 2015, l’aumento per ogni contribuente è stato intorno ai 300 euro: da 1661 di tasse locali 2013 a 1969 pagate nel 2015. L’aumento più vistoso riguarda le tasse sulla prima casa: nel 2013 si è pagata solo la mini IMU, con un gettito intorno ai 625 milioni di euro, e una spesa fiscale per contribuente di 33 euro, mentre nel 2014 e nel 2015 il gettito TASI ha superato i 3,5 miliardi, e l’imposta sulla prima casa al contribuente è costata mediamente 175 euro nel 2014 e 191 nel 2015. va detto che si tratta di una voce destinata a scomparire nel 2016: la Legge di Stailità ha abolito l’imposta sull’abitazione di residenza, quindi non si paga più la TASI prima casa (con l’eccezione delle abitazioni di lusso).

=> Tasse prima casa: tutte le agevolazioni 2016

Vediamo gli aumenti 2013-2015 per le diverse tipologie di tasse locali:

  • addizionale regionale IRPEF: il gettito è passato da 11,4 miliardi nel 2013 a 12,8 nel 2015, crescendo di 1,4 miliardi di euro. L’aumento è pari all’11,8%.
  • IMU e TASI altri immobili: 18,3 miliardi nel 2013, 19,8 nel 2015, +8,4%.
  • prima casa: mini IMU 2013 625 milioni di gettito, TASI 2015 a 3,7 miliardi. Il balzo è avvenuto fra il 2013 e il 2014, poi nel 2015 l’aumento è stato del 6,2%.
  • Addizionale comunale IRPEF: 4 miliardi nel 2013, 4,4 nel 2015, aumento dell’11,7%.
  • Tassa sui rifiuti (TARI): 7,6 miliardi nel 2013, 8,2 nel 2015, aumento del 7,3%.

Per quanto riguarda le tasse sugli immobili nelle diverse città, per le case diverse dall’abitazione principale si registrano punte di 1.386 euro a Roma, 1.220 a Milano e 1.154 a Bologna. Per la prima casa, sul podio Torino, 403 euro, Roma, 391 euro, Siena, 356 euro. Le addizionale IRPEF più care a Torino, Benevento, Avellino, Salerno, l’addizionale comunale più salata si paga a Roma, 216 euro, la TARI è più cara a Salerno, Benevento, Grosseto. 

Fonte: lo studio UIL

X
Se vuoi aggiornamenti su Tasse locali con aumenti record

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy