Rimborso agevolazioni fiscali

Risposta di

Greta Rosatelli

scritto il

Luigi B. chiede

Chi è incappato nel diniego del Comune ad ottenere la residenza nei 18 mesi canonici e l’abbia poi ottenuta più tardi, avendo poi dovuto pagare le multe e le maggiori imposte per la perdita dei benefici “prima casa”, può richiedere tali somme in virtù delle sentenze richiamate nell’articolo su PMI.it?

Le agevolazioni legate all’acquisto di un immobile considerato prima casa sono molteplici e riferite a diversi ambiti non esclusivamente fiscali.
Per quanto concerne il quesito in oggetto, requisito indispensabile per non creare plusvalenza, e quindi, essere tassati per la transazione di acquisto di un immobile, è quello di trasferirvi la propria residenza entro i termini stabiliti nell’atto di acquisto, facendolo così diventare prima casa agli occhi del Fisco.

Sembra di capire che tale requisito non sia stato rispettato e ciò abbia prodotto una differenza di imposte e multe dal contribuente già pagate.
Per verificare se ci siano gli estremi per richiedere un rimborso, l’unico modo è presentare un’istanza, tramite un professionista, alla commissione tributaria competente che analizzerà la pratica e deciderà se ci sono le condizioni per una restituzione fiscale.

Greta Rosatelli – Esperto fiscalista

Greta Rosatelli risponde
Ti è stato utile?   
Attendere prego...