Riscaldamento: bonus e detrazione costi

Come sfruttare le agevolazioni fiscali legate ai lavori di ristrutturazione che riguardano i condomini e come si correlano all'installazione di termo-contabilizzatori e al bonus mobili.

A maggio, nel mio condominio abbiamo installato i conta-calorie nei vari appartamenti. La fattura, nel mio caso, è stata pari a Euro 800: 500 per i conta-calorie installati e 300 per adeguamento caldaia condominiale. Sulla base di tale spesa di ristrutturazione (detrazione al 50%), posso acquistare mobili e godere per gli stessi della detrazione del 50%?

Domanda di: Luigi S. P.

Mi sembra di capire che i lavori oggetto di ristrutturazione abbiano riguardato l’intero condominio, non una singola unità abitativa. L’agevolazione per l’acquisto di mobili, di conseguenza, è possibile solo nel caso in cui gli arredi siano destinati, appunto, alle parti comuni del condominio. Non è invece possibile applicare il bonus fiscale per acquistare mobili destinati a un singolo appartamento del condominio.

=> Obbligo contabilizzatori: FAQ e scadenze

La precisazione è contenuta, fra le altre cose, nella Guida al Bonus mobili ed elettrodomestici dell’Agenzia delle Entrate, che può consultare sul sito del Fisco (in homepage deve cliccare il link Guide Fiscali presente nel riquadro “L’Agenzia Comunica”, e poi selezionare la Guida dedicata al Bonus Mobili).

Quando si effettua un intervento sulle parti condominiali, i condomini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti.

Il riferimento normativo per il bonus mobili (detrazione al 50%, fino a un tetto di spesa di 10mila euro), è l’articolo 16, comma 2, DL 63/2013. L’agevolazione è stata prorogata dalla Legge di Stabilità 2017 fino al prossimo 31 dicembre.

X
Se vuoi aggiornamenti su Riscaldamento: bonus e detrazione costi

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy