APe e RITA: limiti bancari

Per il prestito pensionistico APe, i debiti bancari possono essere un problema: i decreti attuativi dovranno chiarire anche questo punto.

Dovrei avere le caratteristiche per APe, ma purtroppo ho dei debiti (mutuo). La banca che erogherà il credito può esimersi?

Domanda di: W.B.

Direi che, come in tutte le tipologie di prestito, la banca può non concedere il finanziamento APe. Magari i decreti attuativi conterranno precisazioni su questo punto, ma in genere la regola è questa, anche quando ci sono specifiche convenzioni legate a normative (come in questo caso).

Tenga presente che, fra l’altro, ci sono anticipazioni in base alle quali il decreto applicativo conterrà specifici paletti nel caso di contribuenti che hanno in corso altri prestiti, come il mutuo.

=> APe volontaria: nuove regole e costi

Anche qui, l’ufficialità si avrà solo decreti alla mano, ma in ogni caso sembra che l’orientamento sia quello di prevedere che la somma del costo dell’APe (quindi, dell’importo delle rate che bisognerà applicare alla pensione) e di eventuali altri prestiti in corso, come il mutuo, non possa superare il 20% della pensione.

X
Se vuoi aggiornamenti su APe e RITA: limiti bancari

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy