Calcolo IRPEF 2013: saldo e acconto da UNICO

Come calcolare l'acconto e il saldo IRPEF risultati dal modello UNICO: la scadenza per il versamento è fissata al 17 giugno.

Modello UNICO: 17 giugno saldo e acconto IRPEF

Tempo di dichiarazione dei redditi e di compilazione del Modello UNICO 2013: entro il 17 giugno andrà effettuato il calcolo dell’acconto e del saldo IRPEF dovuti rispettivamente per il 2013 ed il 2012.

=> Leggi le novità del Modello UNICO 2013

La scadenza di versamento con Modello F24 riguarda infatti sia la prima rata del saldo IRPEF 2012 che quella dell’acconto IRPEF 2013, ovvero un anticipo sulle tasse che si vanno a pagare l’anno successivo per quanto guadagnato nell’anno in corso, stabilito sulla base di alcuni calcoli.

L’anno successivo si va quindi a pagare il saldo, calcolato come differenza tra le imposte dovute e l’importo dell’acconto già versato.

Scarica il Modello F24

Acconto IRPEF

L’acconto si calcola considerando il 99% dell’IRPEF dovuta per l’anno precedente a quello di riferimento e deve essere pagato in due rate (40% e 60%), la prima del 2013 è appunto quella del prossimo 17 giugno (di solito il 16 giugno, che quest’anno però cade di domenica), la seconda va pagata entro il 30 novembre.

Si può anche scegliere di rateizzare ulteriormente, fino ad un massimo di 6 rate (quindi effettuando versamenti mensili tra giugno e novembre).

=> Leggi le ultime modifiche all’IRPEF

Nessun acconto è dovuto se la somma da versare risulta uguale o inferiore a 51,65 euro, mentre se è compreso tra 51,66 e 257,52 euro, il versamento va effettuato in un’unica rata entro il 30 novembre.

Esempi di calcolo. Nell’ipotesi di un’imposta IRPEF da versare pari a 1000 euro, ad esempio, l’acconto per l’anno successivo avrà un valore di 990 euro (99% di mille euro), la prima rata sarà di 396 euro (40% di 990 euro) e la seconda di 594 euro (60% di 990 euro).

=>Leggi come calcolare l’IRPEF per la dichiarazione dei redditi

Saldo IRPEF

Per quanto riguarda il saldo invece, se per ipotesi l’anno precedente si erano versati ad ipotesi 900 euro, il saldo sarà pari a 100 euro (1000 – 900).

Quindi, con riferimento all’esempio precedente, all’appuntamento del 17 giugno si dovranno versare 496 euro (396 della prima rata di acconto più 100 di saldo IRPEF) e al 30 novembre 594 euro (seconda rata di acconto IRPEF.

______

Per approfondimenti, consulta la pagina dedicata sul sito dell’Agenzia dell’Entrate