Canone RAI con modello F24: guida e fac-simile

Quando si utilizza il modello F24 per il pagamento del canone RAI e come effettuare il versamento con i relativi importi.

A seguito della riforma del canone RAI, questo viene addebitato automaticamente in bolletta elettrica, a meno che non si invii all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione sostitutiva per ottenere l’esenzione dal pagamento dell’abbonamento TV mediante autodichiarazione di non detenzione di apparecchi televisivi.

=> Modello per esenzione Canone RAI 2018

In alcuni casi tuttavia non è previsto l’addebito automatico in bolletta elettrica, anche se non si è esentati dal pagamento del canone RAI, dunque è necessario procedere al versamento di quanto dovuto mediante modello F24.

Canone RAI con modello F24: quando

In particolare si utilizza il modello F24 per pagare il canone RAI per uso privato in tutti i casi in cui nessun componente della famiglia anagrafica tenuta al versamento del canone sia titolare di contratto elettrico di tipo domestico residenziale. Stessa modalità di versamento anche per i cittadini per i quali la fornitura di energia elettrica avviene nell’ambito delle reti non interconnesse con la rete di trasmissione nazionale (l’elenco è allegato al decreto del 13 maggio 2016, n. 94).

Devono procedere al pagamento mediante modello F24 della quota canone non addebitata dall’impresa elettrica anche quei cittadini che hanno ricevuto un addebito parziale del canone per effetto di nuove attivazioni, disattivazioni o volture dell’utenza elettrica avvenute nel corso dell’anno.

=> Canone RAI esenzioni e rimborsi, nuove regole

Canone RAI con modello F24: come

In queste situazioni è possibile pagare il canone RAI con le seguenti modalità:

  • in un’unica soluzione annuale, entro il 31 gennaio
  • in due pagamenti semestrali, rispettivamente entro il 31 gennaio e il 31 luglio
  • in quattro rate trimestrali, rispettivamente entro il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre.

Gli importi sono rispettivamente i seguenti:

  • pagamento annuale 90,00 euro;
  • pagamento semestrale 45,94 euro;
  • pagamento trimestrale 23,93 euro.

I codici tributo da inserire nel modello F24 sono:

  • TVRI in caso di rinnovo dell’abbonamento;
  • TVNA in caso di nuovo abbonamento.

=> Canone RAI in F24: operativi i codici tributo

In caso di nuovo abbonamento il canone è dovuto dal mese in cui ha inizio la detenzione dell’apparecchio TV.

Esempi: rinnovo dell’abbonamento

L’importo del canone per l’intero anno 2017 è pari a 90 euro, mentre in caso in cui il canone sia dovuto per il solo primo semestre l’importo è di 45,94 euro.

Per il pagamento, in caso di rinnovo dell’abbonamento va utilizzato il codice tributo TVRI.

  • Rinnovo canone RAI con Modello F24

f24canone rai

  • Rinnovo canone RAI con Modello F24 semplificato

f24canone rai2

  • Rinnovo canone RAI con Modello F24 – semestrale

f24canone rai3

Esempi: primo abbonamento

Chi effettua il versamento del canone RAI per la prima volta deve utilizzare il codice tributo TVNA.

  • Primo canone RAI con Modello F24

f24canone rai4

  • Primo canone RAI con Modello F24 semplificato

f24canone rai5

 

Guarda al video guida al canone RAI in bolletta elettrica:

Fonte: Agenzia delle Entrate.

X
Se vuoi aggiornamenti su Canone RAI con modello F24: guida e fac-simile

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy