Omesso versamento ritenute da 770

Niente valenza probatoria del 770 per omesso versamento di ritenute e nessuna efficacia retroattiva: sentenza di Cassazione.

L’estensione dell’area di incriminabilità del reato di omesso versamento ritenute non è retroattiva, tuttavia si possono riconsiderare le condanne emesse in precedenza collegate a verifiche sul Modello 770. A fare il punto sulla questione è stata la Corte di Cassazione , esprimendosi sulla condanna del legale rappresentante di una SpA per omesso versamento di ritenute alla fonte (emolumenti 2007) entro i termini.

=> Omesso versamento ritenute: crisi e assenza di dolo

Il ricorrente lamentava l’erronea applicazione della legge penale (art. 10 bis dlgs 74/2000) e l’illogicità della motivazione: la natura indiziaria della dichiarazione nel 770 non basterebbe a sostenere la responsabilità penale, mancando la corresponsione dei compensi per difficoltà finanziarie.

=> Omissione IVA e contributi: quando non è reato

In effetti, la Cassazione ha accolto il ricorso: si sanziona penalmente non l’omesso versamento delle ritenute risultanti dal 770 bensì quello dalla Certificazione Unica (ex CUD). La valenza indiziaria del 770, ai fini della prova del rilascio delle certificazioni,:

«non solo non è sorretta da alcuna massima di esperienza e dall’id quod plerumque accidit, ma è anche implicitamente, ma indiscutibilmente, esclusa dal Legislatore, che altrimenti avrebbe molto più semplicemente punito con la sanzione penale l’omesso versamento (oltre una certa soglia) di ritenute risultanti dal Modello 770 e non già di ritenute risultanti dalle certificazioni rilasciate ai sostituiti».

X
Se vuoi aggiornamenti su Omesso versamento ritenute da 770

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy