Le cartelle Equitalia si pagano con SPID

Equitalia rende possibile l’accesso ai propri servizi attraverso le credenziali SPID: gli utenti possono verificare la propria situazione, ma anche pagare cartelle e avvisi.

I servizi di Equitalia sono ora disponibili anche per gli utenti che accedono mediante credenziali SPID, ovvero quelle del Sistema Pubblico di Identità Digitale recentemente messo in campo dal Governo dopo una lunga e sofferta gestazione. Sarà quindi possibile accedere in questo modo per verificare la propria situazione di debito, ma anche per pagare le cartelle a gli avvisi, nonché richiedere rateizzazioni sulla propria posizione o sospendere la cartella esattoriale nel caso in cui si ritenesse che quest’ultima non sia corretta.

Equitalia guadagna quindi il titolo di una delle prime organizzazioni che manifestano l’apertura verso SPID, condividendolo con tutte le altre Pubbliche Amministrazioni attualmente aderenti al modello, come Agenzia delle Entrate o INPS. Tra i servizi più utilizzati, disponibili presso l’Area Riservata e utilizzabili 24 ore su 24 per tutto l’anno, si evidenziano le funzionalità di:

  • estratto conto, per verificare la propria situazione debitoria relativa a cartelle e avvisi di pagamento, il piano di rateizzazione, la presenza di provvedimenti o procedure;
  • richiesta di rateizzazione per i debiti fino a 50 mila euro; di sospensione della riscossione nel caso in cui si ritenga di non dover pagare la somma richiesta da Equitalia;
  • stampa della propria documentazione, sia essa di riepilogo della posizione o relativa a bollettini RAV da pagare.

Oltre a SPID, per i cui dettagli si rimanda al sito istituzionale del Governo,rimane comunque la possibilità da parte degli utenti di accedere con le precedenti modalità, anche tramite Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Fonte: Equitalia.

X
Se vuoi aggiornamenti su Le cartelle Equitalia si pagano con SPID

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy