Obblighi contributivi ridotti per lavoratori extra-UE

Chiarimenti INPS sugli obblighi contributivi delle imprese che impiegano lavoratori operativi all'estero in Paesi extra-UE: non è richiesto il versamento ai Fondi di solidarietà.

Niente obbligo di versamento del contributo per i Fondi di solidarietà per le imprese che hanno alle proprie dipendenze lavoratori italiani operanti all’estero ex L. n. 398/1987 (paesi extracomunitari non convenzionati o parzialmente convenzionati). A fornire chiarimenti in merito è stato l’INPS con il messaggio n. 77/2016. L’Istituto aveva infatti riscontrato la presenza di posizioni aziendali connotate dai codici identificativi “4Z” (lavoratori inviati in paesi con i quali vigono accordi parziali di sicurezza sociale) e “4C” (inviati in paesi extra-comunitari non convenzionati): tali imprese non rientrano invece nell’ambito di applicazione del Fondo di integrazione salariale.

=> Fondi di solidarietà bilaterali: come accedere

Fondi di solidarietà

Ricordiamo che i Fondi di solidarietà bilaterali sono stati istituiti dall’art. 26 e ss. del DLgs. n. 148/2015 (decreto sugli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro) per i settori che non rientrano nell’ambito di applicazione della CIGO e CIGS (cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria).

Obbligo contributivo

Sull’obbligo contributivo per le aziende con lavoratori operanti all’estero si è espresso anche il Ministero del Lavoro con la Nota prot. 26327/2015:

“Posto che i fondi di solidarietà bilaterali hanno una funzione sostitutiva dei trattamenti di integrazione salariale ordinari e straordinari, parallelamente, si deve ritenere che per i lavoratori operanti all’estero non siano dovuti i contributi destinati al finanziamento dei trattamenti erogati dai fondi di solidarietà per le causali previste per la cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria, salvo che i decreti istitutivi di ciascun fondo non dispongano diversamente”.

=> Legge di Stabilità: ammortizzatori in deroga

Casi particolari

Dunque, per i lavoratori italiani operanti in Paesi extracomunitari non convenzionati o parzialmente convenzionati, l’obbligo contributivo riguarda solo:

  • assicurazione per invalidità, vecchiaia  superstiti;
  • assicurazione contro la tubercolosi;
  • assicurazione contro la disoccupazione involontaria;
  • assicurazione contro infortuni sul lavoro e malattie professionali;
  • assicurazione contro le malattie;
  • assicurazione di maternità;
  • contributo al Fondo di garanzia per il TFR.

X
Se vuoi aggiornamenti su Obblighi contributivi ridotti per lavoratori extra-UE

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy