Rischio Mini-TASI 2016 nei Comuni in ritardo

Comuni con delibera IMU-TASI 2015 tra luglio e settembre: possibile mini-TASI a conguaglio da pagare in gennaio, per la proroga in Legge di Stabilità 2016.

Le complicazioni in materia di IMU e TASI non smettono di stupire: la proroga nella Legge di Stabilità per le delibere dei Comuni sulle aliquote 2015 non ha effetto sull’anno in corso, perché la manovra entra in vigore nel 2016, ma potrebbe portare a una mini-TASI da pagare in gennaio, come è successo nel 2014 con la mini IMU. In pratica, i Comuni che hanno emesso le delibere nel periodo compreso fra fine luglio (il termine ordinario) e fine settembre (scadenza prorogata dalla Stabilità 2016), potrebbero decidere di effettuare un conguaglio.

=> IMU-TASI: caos aliquote in Legge di Stabilità

La questione è la seguente: il 16 dicembre bisogna pagare il saldo TASI 2015.

  • Nel caso in cui l’aliquota comunale sia stata decisa dall’amministrazione entro luglio, il contribuente pagherà l’imposta sugli immobili aggiornata con le aliquote 2015.
  • Se il Comune ha deliberato in un periodo successivo ma entro settembre, in dicembre i proprietari di immobili pagheranno sulla base delle aliquote 2014 (la proroga non può avere effetto) ma in gennaio potrebbero essere chiamati a recuperare la differenza con quelle deliberate nel 2015, attraverso una mini TASI.

=> Riforma TASI e IMU: aliquote e sconti 2016

Se la proroga resterà nella Legge di Stabilità il meccanismo sarà quello descritto. Non si esclude che, per evitare questo scenario, il legislatore decida di inserire la proroga in un’altra norma che entri in vigore immediatamente, consentendo quindi di applicare le nuove aliquote già con il saldo di dicembre.

Nell’attesa di conoscere le decisioni del Governo, per i contribuenti resta l’incertezza relativa all’importo TASI da pagare in dicembre o in gennaio. L’ennesima complicazione di un’imposta, quella sulla casa, già abbastanza intricata: centinaia di aliquote diverse nei Comuni, con detrazioni ed eccezioni varie sulle tipologie di immobili, per non parlare del fatto che le imposte sono due (TASI e IMU) e bisogna sommarle.

=> IMU-TASI: storia tragicomica di una tassa

Secondo i calcoli della UIL, i Comuni in cui le delibere in ritardo cambiate fra agosto e settembre (nei quali si inserisce il meccanismo che potrebbe portare alla mini TASI di gennaio), sono 844. Fra gli altri, Napoli, Avellino, Frosinone, Mantova, Matera, Rieti, Terni, Trieste, Verbania (non sempre si tratta di aumenti). Le delibere “estive” sono 2.188 di cui 569 riguardano solo la TASI. Le altre (circa 1500) riguardano invece le imposte sulla casa, IMU o TASI.

Concludendo: la prima cosa che i contribuenti devono fare è controllare se il Comune in cui è ubicato l’immobile per il quale devono pagare la tassa sia fra quelli che hanno emesso una nuova delibera dopo fine luglio ma entro il 30 settembre. In questo caso, se la proroga resterà inserita in Legge di Stabilità pagheranno il saldo di dicembre applicando l’aliquota 2014, ma non si esclude che possano poi essere chiamati, in gennaio, a pagare un conguaglio. Altro rischio, secondo la UIL, è che i Comuni decidano di recuperare il mancato gettito tramite un aumento di TARI o addizionali IRPEF.

X
Se vuoi aggiornamenti su Rischio Mini-TASI 2016 nei Comuni in ritardo

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy