KPI nuovi assunti: strumenti di on-boarding

Inserimento di nuovi assunti in azienda: strategie di on-boarding per una efficace resa delle risorse umane: formazione, verifiche e valutazioni.

Non solo nuovi stili di lavoro: nella imprese di oggi a cambiare sono anche le tecniche di gestione del personale, sempre più legata alla misurazione dei ROI delle risorse umane. Già a partire dall’inserimento in azienda dei nuovi assunti (On-boarding). Secondo l’analisi effettuata dal Top Employers Institute, ai nuovi arrivati si riserva con frequenza crescente uno specifico iter di formazione, con scadenze, verifiche e valutazioni, che possono durare anche un anno intero.

=> Come misurare il ROI delle Risorse Umane

Ancora prima dell’assunzione:

  • il 95% consegna un manuale esplicativo dettagliato sull’azienda;
  • il 67% delle aziende consegna informazioni, manualistica, regolamentazione aziendale e schemi sui percorsi di carriera;
  • il 23% permette l’accesso a un portale di on-boarding per far conoscere in dettaglio l’identità e le caratteristiche dell’azienda e quale sarà la sua futura realtà professionale.

Assunzioni

Nel percorso di inserimento nell’azienda, durante la prima settimana:

  • il 76% coinvolge i top manager nella presentazione dei neo assunti ai colleghi;
  • il 71% organizza pranzi di benvenuto con tutto il team;
  • il 44% assegna un tutor al nuovo assunto;
  • il 57% chiede al neo assunto una valutazione sull’accoglienza e sulle prime impressioni della vita in azienda.

Assunzioni2

=> Incrementare il rendimento delle risorse umane

Durante i primi tre mesi di lavoro:

  • l’89% effettua monitoraggi costanti;
  • Il 70% organizza meeeting con l’Executive management;
  • Il 59% promuove attività di condivisione sui social media.

Assunzioni3

Dopo un anno di lavoro:

  • il 68% delle aziende valuta il nuovo assunto tramite KPI (Key Peerformance Indicator: indicatore-chiave di prestazione);
  • nel 58% delle aziende sono previste valutazioni da parte del management;
  • nel 58% delle aziende sono previste sessioni di follow up a un anno dall’assunzione, preludio a successivi piani di sviluppo e percorsi di carriera.

Assunzioni4

Massimo Begelle, Deputy Country Manager Italy di Top Employers Institute, spiega:

«I dati della ricerca confermano che l’On-boarding si sta affermando tra le aziende più evolute come una priorità aziendale e strumento di attrazione e fidelizzazione di talenti. Un processo di On-boarding efficace e ben strutturato significa la possibilità di avere più rapidamente dipendenti pienamente produttivi e consapevoli della cultura aziendale e rappresenta un investimento proattivo, che si traduce in una crescita anche a livello aziendale».

=> Approfondisci il tema del Talent Management

David Plink, CEO di Top Employers Institute, aggiunge:

«In una situazione di mercato in cui i candidati hanno sempre più accesso alle informazioni relative all’azienda in cui andranno a lavorare, un percorso di On-boarding che valorizzi l’integrazione sociale e culturale dei nuovi assunti rappresenta un importante elemento di attrazione e fidelizzazione dei talenti e aumenta sensibilmente l’appealing aziendale».

Fonte: Top Employers Institute.

X
Se vuoi aggiornamenti su KPI nuovi assunti: strumenti di on-boarding

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy